Google+

Non siete grassi, è la bilancia che sbaglia. Uno studio lo dimostra

gennaio 8, 2013 Elisabetta Longo

Qual è il buon proposito per l’anno nuovo più gettonato? Facile, mettersi a dieta, perdere i chili di troppo, soprattutto quelli accumulati durante le vacanze di Natale. Per fortuna c’è sempre l’ultima ricerca scientifica che riesce a consolare le persone eternamente in lotta con la bilancia. Il professor Peter Cumpson, dell’università di Newcastle, ha dimostrato […]

Qual è il buon proposito per l’anno nuovo più gettonato? Facile, mettersi a dieta, perdere i chili di troppo, soprattutto quelli accumulati durante le vacanze di Natale. Per fortuna c’è sempre l’ultima ricerca scientifica che riesce a consolare le persone eternamente in lotta con la bilancia. Il professor Peter Cumpson, dell’università di Newcastle, ha dimostrato che tutte le volte che non abbiamo creduto alla bilancia, in fondo avevamo ragione noi. I chili segnati dalle bilance moderne, infatti, sarebbero “più pesanti” rispetto al loro reale peso.

SBAGLIA LA BILANCIA. Il chilogrammo odierno, infatti, risulta più pesante di decine di microgrammi rispetto all’unità di misura creata nel 19esimo secolo. I pesi originali con cui vengono tarate le bilance di tutto il mondo si trovano all’ufficio internazionale dei pesi e delle misure di Parigi, ma questi pesi si sono deteriorati, fino a coprirsi di polvere, smog, residui inquinanti vari, intaccando così il loro peso originario. «Abbiamo utilizzato una nuovissima tecnica all’ozono per eliminare le contaminazioni che modificano il modello di peso», spiega il prof Cumpson. Resta da capire se la tecnica all’ozono ci aiuterà anche a chiudere la zip dei jeans con la stessa facilità con cui lo facevamo prima delle vacanze di Natale.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana