Google+

Magari non scorrerà il sangue, ma il futuro dell’Italia sa di macerie

ottobre 15, 2012 Luigi Amicone

Nei piani dell’establishment c’è un governo Bersani con un capo dello Stato di “garanzia” europea (Monti o Prodi). Il resto è consegnato alle procure e all’antipolitica

Non bisogna essere lettori particolarmente smaliziati per capire che l’agenda politica dell’establishment è un governo Bersani con presidenza della Repubblica (Monti o Prodi) di “garanzia” europea. Il resto, ovvero tutto quanto non è commestibile per le grazie di una élite che ha molti conti in Svizzera e molte bollicine in Borsa, viene tranquillamente consegnato alla cura sacerdotale delle procure e avviato all’inceneritore della politica che non si porta più.

Rispetto ad altre nazioni in esplosiva agonia (Grecia e Spagna), l’Italia ha l’indubbio vantaggio di essere un paese pacifico e caciarone, forcaiolo al bar sport ma che detesta il sangue. Un paese che oggi sembra essersi rassegnato alla schiavitù partorita da un potere che ha saputo distrarre l’attenzione dall’ignominia della propria inettitudine e indirizzare l’opinione pubblica contro la politica. Nella rappresentazione caricaturale della politica come cosa da Er Batman.

Lo svantaggio italiano è che gli esiti più gravi di questo avvelenamento delle sorgenti sono i giovani sbandati e le realtà di associazionismo popolare fuori gioco. A dirla volando basso, il risultato del vuoto riempito dal tintinnar di manette e dal fascino di un onesto capo contabile è che più del 50 per cento degli italiani oggi non sa per chi votare e nemmeno se andrà a votare. Insomma, un futuro per l’Italia proprio non si vede. Per questo, sotto le maniere roboanti delle primarie a sinistra e dell’orfanotrofio a destra, altro non si respira che odori di fumo e di macerie.

Purtroppo, come Grecia e Spagna già anticipano, l’Europa sta correndo verso il suo peggior incubo: una transizione caotica verso inimmaginabili (oggi) forme di autoritarismo tecnocratico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Rialzata, “rinforzata” nel look ma con lo stesso grande comfort di ogni Classe E, la All Terrain entra di forza nel segmento delle Statio Wagon rialzate. Offre tanto spazio e un comfort sontuoso, ma la sua attitudine off road è reale

L'articolo Prova Mercedes E 220 CDi All Terrain proviene da RED Live.

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi