Google+

Magari non scorrerà il sangue, ma il futuro dell’Italia sa di macerie

ottobre 15, 2012 Luigi Amicone

Nei piani dell’establishment c’è un governo Bersani con un capo dello Stato di “garanzia” europea (Monti o Prodi). Il resto è consegnato alle procure e all’antipolitica

Non bisogna essere lettori particolarmente smaliziati per capire che l’agenda politica dell’establishment è un governo Bersani con presidenza della Repubblica (Monti o Prodi) di “garanzia” europea. Il resto, ovvero tutto quanto non è commestibile per le grazie di una élite che ha molti conti in Svizzera e molte bollicine in Borsa, viene tranquillamente consegnato alla cura sacerdotale delle procure e avviato all’inceneritore della politica che non si porta più.

Rispetto ad altre nazioni in esplosiva agonia (Grecia e Spagna), l’Italia ha l’indubbio vantaggio di essere un paese pacifico e caciarone, forcaiolo al bar sport ma che detesta il sangue. Un paese che oggi sembra essersi rassegnato alla schiavitù partorita da un potere che ha saputo distrarre l’attenzione dall’ignominia della propria inettitudine e indirizzare l’opinione pubblica contro la politica. Nella rappresentazione caricaturale della politica come cosa da Er Batman.

Lo svantaggio italiano è che gli esiti più gravi di questo avvelenamento delle sorgenti sono i giovani sbandati e le realtà di associazionismo popolare fuori gioco. A dirla volando basso, il risultato del vuoto riempito dal tintinnar di manette e dal fascino di un onesto capo contabile è che più del 50 per cento degli italiani oggi non sa per chi votare e nemmeno se andrà a votare. Insomma, un futuro per l’Italia proprio non si vede. Per questo, sotto le maniere roboanti delle primarie a sinistra e dell’orfanotrofio a destra, altro non si respira che odori di fumo e di macerie.

Purtroppo, come Grecia e Spagna già anticipano, l’Europa sta correndo verso il suo peggior incubo: una transizione caotica verso inimmaginabili (oggi) forme di autoritarismo tecnocratico.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana