Google+

L’islam di riferimento del Pd a Milano tifa Erdogan: «La Turchia torna a essere una grande nazione musulmana»

luglio 22, 2016 Leone Grotti

Davide Piccardo, a capo del Caim, ha scritto: «La Turchia torna a essere una grande nazione musulmana di fatto e di diritto. Allah protegga nostro fratello Erdogan e tutto il popolo turco»

sumaya-piccardo-facebook

Tutto il mondo è preoccupato dalla reazione del presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan, al golpe fallito. Decine di migliaia di arresti tra militari e poliziotti, professori universitari e imam “nemici” licenziati o seguiti dai servizi segreti, stato di emergenza e sospensione della convenzione europea sui diritti umani. Chi parla di «golpe civile» di Erdogan e di «dittatura con la forma della democrazia» non ha tutti i torti. Ma c’è chi esulta per la svolta: il Caim di Milano.

«ALLAH PROTEGGA ERDOGAN». Davide Piccardo (nella foto in alto), a capo del Coordinamento delle associazioni islamiche di Milano, ha infatti scritto su Facebook: «La Turchia torna a essere una grande nazione musulmana di fatto e di diritto. Allah protegga nostro fratello Erdogan e tutto il popolo turco». A parte il fatto che la Turchia secondo la sua Costituzione è un paese laico, e non musulmano, le dichiarazioni sono preoccupanti. Soprattutto perché il Caim rappresenta l’unico islam con cui la giunta Pisapia ieri, e quella Sala oggi, ha sempre dialogato.

CAIM E PD. Il bando per la costruzione di luoghi di culto realizzato dalla giunta Pisapia e dall’assessore al Welfare Pier Francesco Majorino, che secondo molti strizzava l’occhio al Caim, che poi lo ha vinto anche se alla fine il Comune ha fatto marcia indietro in modo brusco annullando tutto, è solo un esempio. Alle ultime elezioni comunali, infatti, il Partito democratico ha preferito puntare sulla candidata musulmana radicale Sumaya Abdel Qader, in quota Ucoii e Caim, invece che sulla moderata Maryan Ismail.

BOTTA E RISPOSTA. Daniele Nahum, responsabile area cultura del Pd, ha criticato la sezione milanese del partito e davanti alle risposte piccate di Majorino («Posso sapere dove sarebbe la nostra ambiguità rispetto al Caim?»), ha risposto Ismail: «Posso ricordare a Majorino che i Giovani Musulmani lavorano quasi esclusivamente come mediatori per l’emergenza profughi? Posso ricordare che la responsabile Caim per la Cultura ha lavorato per il tuo assessorato?».

COSA DICE SALA? Anche Emanuele Fiano, deputato e responsabile nazionale Pd, è intervenuto nel dibattito: «Per me questo spregio della libertà di pensiero e di vita per migliaia di turchi è inaccettabile e lo condanno senza sconti, non approvo un golpe, ma chi approva quello che succede in Turchia sta dalla parte della violenza e della dittatura». Per ora, il sindaco Giuseppe Sala si è trincerato dietro un assoluto silenzio.

Foto tratte dall’account Facebook di Sumaya Abdel Qader

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

13 Commenti

  1. Menelik says:

    Bene !
    O l’Occidente si sveglia o è giusto che perda questa guerra.
    Tanto peggio, tanto meglio.
    Lo diceva anche Che Guevara.
    Al diavolo buoni e buonisti.

    • enricoL says:

      E voi sareste cristiani ?
      Non lo capite che nella chiesa non vi considera nessuno ?
      Siete minoranza !
      Perché non ve ne andate ?
      cl terzo mondo

      • felpa says:

        Ma vattene tu, su qualche sito tuo consentaneo, a sbrodolare m.da con i tuoi amici coprofagi…

        • samueleL says:

          Non sarebbe così divertente ah ah ah
          mi rotolo dal ridere
          ah ah ah
          e mi rispondete pure ah ah ah
          bigotti omofobi preti pedofili
          cordiali saluti
          magari vi denuncio

          • uber says:

            TU SEI DA DENUNCIA. Pure da psicologo.

          • Kolciak says:

            Da denuncia sarebbe la continua, martellante e oltraggiosa opera dei troll in questo sito. Lo psicologo non lo nomino neppure: che ce ne sia bisogno è lampante.
            Tieniti il tuo Erdogan. Se ti piace pigliarlo in culo, sia in senso reale che metaforico, non te lo posso impedire-

    • Filippo81 says:

      Infatti Menelik , del resto decenni di lavaggio del cervello hanno avuto devastanti effetti.

  2. Filippo81 says:

    sempre peggio quelli del pd milanese, congratulazioni !!!!

  3. Sebastiano says:

    “…Per ora, il sindaco Giuseppe Sala si è trincerato dietro un assoluto silenzio…”

    E non è mica il solo. Assieme a lui tutta la stampa “islamicamente corretta”, con il beneplacito dei grandi pensatori tremebondi, non sia mai che i musulmani si offendano.
    Vigliacchi, null’altro.

    • felpa says:

      Stamattina pure su La7 si arrampicavano sugli specchi, pur di negare la qualifica islamico al terrorismo.

  4. Sgarrubba says:

    Allora le cose qua da noi sono peggio di quello che sembrano

  5. EquesFidus says:

    Che se ne vada in Arabia Saudita, allora, questo adoratore del Demonio e fautore dell’islamismo militante, che tutto e tutti vorrebbe schiacciare sotto i suoi talloni. La sua presenza in Italia non è né richiesta né necessaria.

  6. Solco says:

    E’ a causa delle sinistre, PD in testa, che l’islam sta penetrando sempre più profondamente nella nostra società.
    A Milano, il PD ha aperto le porte di governo all’islam radicale, solo per avere qualche voto in più.
    In guerra i traditori accusati di connivenza col nemico vengono fucilati.
    Senza arrivare a tanto, credo però che un processo a queste persone (Renzi in testa) per alto tradimento del Paese ci vorrebbe proprio.
    E magari basterebbe l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, così non fanno più danni.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.

La terza generazione della Volkswagen Touareg si butta nella mischia dei SUV premium forte di numerosi accessori hi-tech. Disponibile per ora solo con motore 3.0 V6 TDI, ha prezzi che partono da 61.000 euro

L'articolo Prova Volkswagen Touareg 2018 proviene da RED Live.