Google+

Libia, caccia spietata ai “gheddafiani”: torture e abusi nelle prigioni

febbraio 17, 2012 Redazione

Un rapporto dell’Onu denuncia la presenza di oltre 7 mila persone nelle carceri libiche senza processo: torture e abusi, anche su donne e bambini. L’accusa di essere un “gheddafiano” viene usata per eliminare i clan nemici e si verifica una vera caccia all’uomo

Mentre il premier Abdurrahim El Keib e 18 membri del suo nuovo governo hanno giurato ieri fedeltà alla Libia con una mano appoggiata sul Corano, davanti al presidente del Consiglio nazionale di transizione Mustafa Abdel Jalil, e mentre Giorgio Napolitano, insieme a politici di mezzo mondo, ha salu

Mentre il premier Abdurrahim El Keib e 18 membri del suo nuovo governo hanno giurato ieri fedeltà alla Libia con una mano appoggiata sul Corano, davanti al presidente del Consiglio nazionale di transizione Mustafa Abdel Jalil, e mentre Giorgio Napolitano, insieme a politici di mezzo mondo, ha salutato «con soddisfazione la notizia della formazione di un governo transitorio in Libia, nel pieno rispetto del calendario previsto con l’obiettivo di aprire il paese ad un futuro prospero e democratico», le nuvole continuano ad addensarsi sul paese, dopo l’uccisione del Colonnello Muammar Gheddafi.

Cinque ministri berberi si sono rifiutati di giurare lamentando ingiustizie nei confronti del proprio gruppo etnico, al quale sarebbero stati affidati troppo pochi ministeri. A preoccupare di più, però, non sono i dissidi politici interni ma un rapporto che l’Onu presenterà lunedì al Consiglio di sicurezza, dove si prova che ci sono 7 mila prigionieri nelle carceri gestite dai ribelli libici, senza essere stati giudicati da nessuna corte, visto che il sistema giudiziario non è ancora stato ripristinato. Nelle celle ci sarebbero “anche donne e bambini” e alcuni detenuti vengono “torturati”. L’Onu, che con la risoluzione 1973 ha dato il via all’intervento della Nato in Libia con lo scopo di “proteggere i civili”, ora invita il Cnt a “fare di più per mettere sotto controllo le milizie armate, regolarizzare la detenzione, e impedire gli abusi“.

Il testo documenta una serie di violenze, torture “degne” del vecchio regime. L’accusa con cui le persone finiscono in prigione è semplice: essere un “gheddafiano“. La caccia a queste persone è spietata e senza quartiere: a Sirte, città natale di Gheddafi, la gente vive nel terrore, dice ancora il rapporto. Viene citato anche il caso degli abitanti di Tawergha accusati di sostenere Gheddafi durante l’assedio di Misurata: prelevati dalle loro case, alcuni sarebbero stati torturati o giustiziati in cella per mano di miliziani spesso accecati dalla vendetta, avendo avuto parenti uccisi sul campo o in prigione. Il rapporto spiega anche che l’accusa di essere un “gheddafiano” viene fatta in modo indiscriminato per eliminare membri di città e clan nemici. Il «futuro prospero e democratico» invocato dal capo di Stato italiano è ancora lontano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.