Google+

«L’elezione di Hollande non cambia l’Europa di una virgola. L’unica idea originale è di Draghi»

maggio 9, 2012 Leone Grotti

Intervista al corrispondente da Bruxelles David Carretta: «Il nuovo presidente della Bce è l’unico che ha messo in difficoltà la Germania chiedendo: cosa vuole diventare l’Europa tra dieci anni?».

«Tutti ora si riempiono la bocca con il nuovo mantra: la crescita. Ma in Europa, dopo le elezioni in Grecia e Francia, vedremo solo cambiamenti retorici e non sostanziali». David Carretta, corrispondente a Bruxelles per Radio Radicale, non crede che con l’elezione in Francia di Francois Hollande e l’avversione dimostrata dal popolo greco nei confronti dell’austerità cambieranno davvero le politiche dell’Unione Europea. «Solo Mario Draghi – dichiara a tempi.it – ha lanciato un’idea davvero originale in grado di cambiare le cose».

Partiamo dall’inizio. Quali sono state le reazioni a Bruxelles dopo la vittoria di Hollande e degli anti-austerity greci?
Ce ne sono state diverse: la Commissione europea ha cercato di “surfare” sull’onda Hollande per ripresentare le sue iniziative sulla crescita, come i project bond. Diciamo che le ha rimpacchettate e rimesse sul tavolo, ma niente di nuove. In Germania Angela Merkel ha fatto intendere a Hollande che il Fiscal compact non si tocca e su questo potrebbero esserci scontri. Ma è sicuro che il Fiscal compact non cambierà, al massimo Hollande può non ratificarlo ma non sarebbe un bel segnale e i mercati potrebbero bersagliare la Francia.

Anche se tutti parlano di crescita, vincerà ancora l’austerity?
Tutti ora si riempiono la bocca con il nuovo mantra. Ma visti i risultati precedenti, prevedo che il dibattito finirà con tante belle parole, tanti bei progetti e un nulla di fatto. Perché per parlare di crescita bisognerebbe essere disposti a ragionare su un piano a lungo termine, cosa che nessun paese è disposto a fare. La Germania resta il paese che ha più successo, quindi continua a tenere le redini della gestione della crisi.

Quindi non ci sarà nessun cambiamento?
Certo, cambiamenti retorici: quando la Merkel parla di patto per la crescita infatti intende liberalizzazione del mercato del lavoro e taglio dei sussidi. Hollande invece parla di crescita in modo opposto: vuole che venga permesso a paesi come la Francia di spendere di più, in stile keynesiano vuole più spesa pubblica. Si parla di crescita in modo opposto ma Hollande non riuscirà mai a far passare la sua linea.

Perché?
Perché prima o poi dovrà riconoscere che un problema c’è davvero. E cioè che non ci sono i soldi. In piena crisi del debito come si fa a invocare più spesa pubblica? I mercati non ti danno più i soldi, se non a tassi di interesse mostruosi. L’unico modo per avere crescita senza spesa è, anche se non piace, quello indicato dalla Germania, che però riporta alla Thatcher.

A che cosa porterebbe?
Al Growth Compact di Mario Draghi. In altre parole: aumento della concorrenza, liberalizzazione del mercato del lavoro per permettere ai giovani di entrarci davvero, liberalizzazioni nel settore dei servizi, meno tasse sul lavoro. Ricordiamo che l’Italia è messa male ma in Europa la tassazione media è del 50%. Liberare le energie che possano far crescere un paese, insomma, per dirla con uno slogan.

E in che cosa consiste l’idea originale del nuovo presidente della Bce Mario Draghi cui accennava prima?
Draghi è stato furbo perché oltre a spalleggiare Angela Merkel sulla sua idea di crescita, le ha dato una stoccata e ha chiesto: che Europa vogliamo tra dieci anni? Un’unione politica? Tradotto significa: vogliamo gli eurobond oppure no, un ministro del Tesoro europeo oppure no? Questo percorso bisogna deciderlo oggi, bisogna cominciare a discuterlo oggi. Quella di Draghi è davvero l’unica idea originale che può mettere in difficoltà la Germania.

Monti e Hollande faranno pressione sulla Germania in questa direzione?
Staremo a vedere. Intanto Monti cerca di mediare tra Germania e Francia per ottenere qualche briciola: aumentare i capitali per i project bond e ottenere che gli investimenti pubblici non vengano conteggiati nel calcolo del deficit. Ma per quanto riguarda i primi, Barroso ha parlato di 4,5 miliardi per gli investimenti in tutta la zona Euro. è un po’ pochino. Sarebbe poco anche se fossero 30. Hollande invece può convincere la Merkel a concedere uno sconto sul deficit, a rimandare un po’ il raggiungimento del pareggio di bilancio, così da poter attuare le politiche che ha promesso in campagna elettorale e che ora come ora non può fare.

La Germania e soprattutto i mercati accetteranno un rinvio di questo tipo?
Non ne sarei così sicuro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana