Google+

Ha ancora senso parlare di destra e sinistra in Europa? Guardate quanti sono i governi di larghe intese

gennaio 9, 2014 Leone Grotti

Numerosi esperti analizzano le grandi coalizioni europee e mettono in guardia dalla «scomparsa della socialdemocrazia e dell’opposizione»

mappa-le-mondeEnrico Letta e Angelino Alfano, artefici di una grande coalizione tra destra e sinistra, sono in buona compagnia nell’Unione Europea. Ad oggi, su 28 paesi, otto sono governati da partiti di sinistra, nove da partiti di destra e i restanti 11 da coalizioni tra le due forze (sei guidate dal centrodestra e cinque dal centrosinistra).

UNDICI GRANDI COALIZIONI. La domanda se l’Europa sia di destra o di sinistra, dunque, non ha più senso come mostra l’infografica realizzata oggi dal Le Monde. Secondo il politologo francese Dominique Reynié «la grande coalizione è un’opzione normale, di routine, per paesi come l’Austria, la Finlandia o la Germania», mentre è un’assoluta novità per paesi come l’Italia o la Grecia, dove sarebbe meglio parlare di «governi di unità nazionale».

«COGESTIONE IDEOLOGICA». A obbligare partiti storicamente avversari, per non dire nemici, alla «cogestione ideologica» di un paese ci si è messa la crisi, aiutata da sistemi elettorali a base proporzionale e dall’austerità imposta dalla Germania. Ma le grandi coalizioni, afferma Fabien Escalona, docente di Scienze politiche, «non indicano una nuova era di consensi, bensì l’erosione della base elettorale dei grandi partiti a partire dal 1970».
Per fare fronte alla mancanza di consensi e alla nascita di formazioni sempre più estreme, i grandi partiti sono stati costretti a mettersi insieme. In Grecia, ad esempio, se nel 2009 l’80% dell’elettorato era spartito tra partiti socialisti e conservatori, oggi solo il 30% dei votanti li sceglie.

ADDIO SOCIALDEMOCRAZIA E OPPOSIZIONE. Secondo Escalona, però, la vera vittima del “Grancoalizionismo” è la socialdemocrazia. Infatti, i limiti di deficit e le necessità del rigore favoriscono le idee di una destra «pragmatica e responsabile», alla quale la sinistra è costretta a «conformarsi» non avendo idee alternative ed efficaci.
Il secondo effetto di questo nuovo trend è «la scomparsa dell’opposizione», afferma Ulrike Guérot, del think tank Open Society Initiative for Europe. «Con la perdita dell’alternanza destra-sinistra, chi resta a incarnare un cambiamento dopo un governo di grande coalizione? – continua -. Il rischio è lasciare ai partiti estremi il monopolio della contestazione», favorendone così «l’ascesa». Inutile dire che il caso citato da tutti è il Movimento cinque stelle di Beppe Grillo.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Fabio S. P. Iacono scrive:

    Continuano i primi chiari segni del rigor mortis in atto del governo Letta. Questa coalizione forzatamente centrista è male assortita ed è inoltre la pessima fotocopia in carta carbone della coalizione al governo d’oltralpe in Germania. occorre andare infatti alle urne unitamente alle elezioni europee subito dopo la Santa Pasqua, entro il mese di maggio 2014, con la nuova legge elettorale: meglio il Sindaco d’Italia od il Semipresidenzialismo francese … terza ed ultima scelta il Cancellierato tedesco. Le sirene di Angelino Alfano sono già state allertate.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana