Google+

La rivoluzione dello shale gas spinge la ripresa negli Stati Uniti. E li rende indipendenti dai paesi arabi

ottobre 13, 2014 Redazione

Il greggio di scisto porta l’America verso l’indipendenza energetica e spiazza la concorrenza di paesi dell’Opec come l’Arabia Saudita e il Qatar, che hanno sempre dettato i prezzi dell’oro nero

Non si ferma la rivoluzione “made in Usa” dello shale, il petrolio e il gas estratti dalle rocce di scisto. «La produzione statunitense di petrolio è cresciuta del 70 per cento negli ultimi sei anni», ha scritto il Sunday Times, e «le raffinerie americane hanno dimezzato le loro importazioni dai Paesi dell’Opec». La Nigeria, poi, «un tempo tra i primi cinque fornitori degli Stati Uniti, non esporta più un solo barile» di petrolio estratto grazie al fracking in America, che in compenso ha visto crescere le proprie esportazioni di greggio a «livelli mai visti dal 1950».

LA CADUTA DEI PREZZI. La caduta dei prezzi del petrolio conseguente alla rivoluzione dello shale sta facendo sentire i suoi benefici: anzitutto, «un greggio più economico significa minor prezzo dei carburanti», ed è come se i consumatori si fossero trovati di fronte a un «multimiliardario taglio delle tasse»; non solo: il mercato dell’auto è ripartito, compresi i Suv e tutte quelle auto di grossa cilindrata che hanno tradizionalmente assicurato i maggiori profitti ai produttori Usa. È migliorata anche la competitività di diverse aziende manifatturiere e di quelle del petrolchimico in particolare, perché lo shale gas ha ridotto sensibilmente i costi dell’energia, fino a quasi la metà di quelli della Germania. Tutto ciò con grande beneficio «per l’economia intera e la bilancia commerciale»; tanto che un importante storico e analista dell’energia come Daniel Yergin, ha osservato che «il flusso di denaro che prima lasciava gli Stati Uniti a beneficio di fondi sovrani e titoli», ora «restano in patria a creare posti di lavoro». Come dimostrano gli investimenti nei settori dell’edilizia e cantieristica.

VENTO IN POPPA. Non solo. Mentre l’«Europa è ferma al palo», come hanno spiegato sia l’allora presidente di Eni Giuseppe Recchi in un’intervista a Tempi, sia l’ad Paolo Scaroni, i benefici dello shale si fanno sentire anche nelle relazioni internazionali. La «tempesta dello shale», ha scritto l’ideologo del “soft power” Joseph Nye Jr., sta spingendo l’America come una «ventata» spinge le vele di una nave che solca gli oceani.
Da un lato, infatti, la Columbia University stima che la russa Gazprom possa perdere il 18 per cento dei suoi profitti in Europa per effetto della concorrenza del gas di scisto a stelle e strisce esportato nel vecchio continente; dall’altro, il Qatar non può più imporre ai suoi compratori di gas europei e arabi il prezzo che vuole e l’Arabia Saudita, che non intende ridurre il livello di produzione del petrolio, è stata costretta ad abbassare perlomeno i prezzi. Così, infatti, i sauditi hanno pensato di rendere la vita più difficile ai produttori di shale, ma senza fare i conti con il progressivo abbattimento dei costi della tecnologia del fracking, che potrebbero tenere in gioco gli Usa nella corsa all’oro nero, rendendoli competitivi con prezzi più vicini ai 45 dollari al barile che non i 90 cui l’Arabia Saudita è scesa.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Tommasodaquino says:

    La caduta dei prezzi prescinde dalla shale oil. I prezzi stanno diminuendo per mano del golfo persico e per l’incredibile offerta di pretrolio sul mercato.

    • Ugobagna says:

      http://www.ilsole24ore.com/art/finanza-e-mercati/2014-10-14/sfida-saudita-petrolio-siano-usa-tagliare-produzione-frenando-shale-202655_PRV.shtml?uuid=AB3Dx62B

      Mi dispiace Tommasodaquino ma che la caduta dei prezzi dipenda anche dalla straordinaria offerta proveniente dagli USA è un fatto come puoi capire dall’articolo e da qualsiasi dato di produzione (c’è pure la debolezza della domanda). Quanto poi possa durare è un altro discorso. Ovviamente per tenere alti i prezzi l’Arabia Saudita dovrebbe diminuire sempre più la produzione ottenendo meno introiti però, oltre un certo livello non lo vuole fare e perciò è partita la guerra dei prezzi. Le vittime non saranno ne USA ne Arabia Saudita (anzi) ma Venezuela e forse Russia…

      • Enrico says:

        L’economia usa non ostante le stime taroccate è in recessione continua e con la disoccupazione reale altissima, se la bolla degli shale gas esplode prima del previsto sono guai per loro, cosa che gli arabi sanno bene.
        L’economia russa è al bivio o comincia a industrializzarsi oppure è finita, ma anche noi europei senza il mercato russo degli ultimi anni siamo nei guai, la verità è che dobbiamo sostenere l’economia russa per potergli vedere le merci, invece di seguire stupide sanzioni che fanno ricchi solo gli americani.
        La germania già fa i conti con la perdità del mercato russo, come anche noi italiani.

  2. Enrico says:

    Comunque il mercato dell’auto negli Usa è ripartito anche perché stanno dando prestiti agevolati per comprarle a persone senza credenziali, praticamente stanno pompando anche qui una gigantesca bolla, come quella dei muti subprime del 2008, questo dimostra la cera faccia della ripresa americana.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download