Google+

La protesta delle piazze dell’Ucraina è tutto tranne che “europeista”

dicembre 14, 2013 Rodolfo Casadei

Se Yanukovich si è piegato a Putin non è per motivi abietti, ma solo perché il paese è in crisi e per non dover dichiarare il defalult ha bisogno subito di un assegno che Bruxelles non è in grado di firmare, Mosca invece sì

Le proteste antigovernative che attraversano l’Ucraina non dimostrano che l’Unione Europea è ancora il progetto politico più attraente del continente, ma che gli effetti della sua crisi, dopo aver colpito i paesi del Sud dell’Unione monetaria, si estendono ora ai paesi dell’Est confinanti con la Ue.

Pochi dei manifestanti di Kiev sono europeisti convinti. Il grosso è costituito da ultranazionalisti, che criticano le decisioni del presidente Yanukovich come atti di sottomissione all’odiata Russia, e da sostenitori di Yulia Tymoshenko, l’ex primo ministro da due anni e mezzo imprigionata e sotto processo, il cui trasferimento all’estero era una condizione posta per accettare l’Ucraina come Stato associato. La Ue, che nel 1963 ha associato la Turchia benché fosse governata da un golpista e le carceri turche siano sempre state piene di militanti politici e giornalisti, ha gettato sul tavolo del negoziato un argomento destinato a surriscaldare la piazza. Mentre non ha offerto nulla di concreto riguardo al principale problema dell’Ucraina: il paese è sull’orlo del default e l’Fmi pone condizioni draconiane per prestare i 10 miliardi di dollari necessari al salvataggio.

Se Yanukovich, che inutilmente in passato aveva cercato di riunire un tavolo tripartito con Mosca e Bruxelles, si è piegato a Putin non è per motivi abietti, ma solo perché l’Ucraina non può aspettare i vantaggi a lungo termine dell’associazione all’Europa. Ha bisogno subito di un assegno che la Ue non è in grado di firmare, Mosca invece sì. L’Europa in crisi finanziaria non può perseguire le politiche di allargamento come prima: rischia di causare danni che ricadranno anche sui nostri paesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.