Google+

La protesta delle piazze dell’Ucraina è tutto tranne che “europeista”

dicembre 14, 2013 Rodolfo Casadei

Se Yanukovich si è piegato a Putin non è per motivi abietti, ma solo perché il paese è in crisi e per non dover dichiarare il defalult ha bisogno subito di un assegno che Bruxelles non è in grado di firmare, Mosca invece sì

Le proteste antigovernative che attraversano l’Ucraina non dimostrano che l’Unione Europea è ancora il progetto politico più attraente del continente, ma che gli effetti della sua crisi, dopo aver colpito i paesi del Sud dell’Unione monetaria, si estendono ora ai paesi dell’Est confinanti con la Ue.

Pochi dei manifestanti di Kiev sono europeisti convinti. Il grosso è costituito da ultranazionalisti, che criticano le decisioni del presidente Yanukovich come atti di sottomissione all’odiata Russia, e da sostenitori di Yulia Tymoshenko, l’ex primo ministro da due anni e mezzo imprigionata e sotto processo, il cui trasferimento all’estero era una condizione posta per accettare l’Ucraina come Stato associato. La Ue, che nel 1963 ha associato la Turchia benché fosse governata da un golpista e le carceri turche siano sempre state piene di militanti politici e giornalisti, ha gettato sul tavolo del negoziato un argomento destinato a surriscaldare la piazza. Mentre non ha offerto nulla di concreto riguardo al principale problema dell’Ucraina: il paese è sull’orlo del default e l’Fmi pone condizioni draconiane per prestare i 10 miliardi di dollari necessari al salvataggio.

Se Yanukovich, che inutilmente in passato aveva cercato di riunire un tavolo tripartito con Mosca e Bruxelles, si è piegato a Putin non è per motivi abietti, ma solo perché l’Ucraina non può aspettare i vantaggi a lungo termine dell’associazione all’Europa. Ha bisogno subito di un assegno che la Ue non è in grado di firmare, Mosca invece sì. L’Europa in crisi finanziaria non può perseguire le politiche di allargamento come prima: rischia di causare danni che ricadranno anche sui nostri paesi.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

Potenza esagerata, guidabilità di alto livello e un motore capace di stupire per gestibilità ed erogazione. La Panigale V4 apre una nuova era in casa Ducati e lo fa non solo per le prestazioni ma anche per come le “serve” al pilota. Non è solo l’ultima supersportiva Ducati è un cambio di filosofia, che potrebbe piacere a molti

L'articolo Prova Ducati Panigale V4 S proviene da RED Live.

Rifatta da cima a fondo la crossover Subaru ha aumentato le sue capacità off road, migliorando al contempo il comportamento su strada. Più efficace e comoda migliora anche nella qualità percepita degli interni. Solo benzina per i motori Boxer che continuano ad avere un po’ di sete.

L'articolo Prova Subaru XV 2018 proviene da RED Live.

Prodotta in soli 150 esemplari, l'iconica fuoristrada inglese si può ordinare ad un prezzo di partenza di circa 170.000 euro

L'articolo Land Rover Defender Works V8: 405 cv per festeggiare i 70 anni proviene da RED Live.

Il tempo purtroppo passa per tutti e man mano che l’età avanza la nostra cara patente B richiede revisioni più frequenti. Scopriamo assieme passo a passo la procedura da seguire

L'articolo Come rinnovare la patente B proviene da RED Live.

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi