Google+

La notizia di cui nessuno parla. Multa di 200 milioni di euro per L’Espresso

maggio 24, 2012 Redazione

La commissione tributaria regionale di Roma condanna il gruppo editoriale di De Benedetti a pagare 200 milioni in imposte per alcune vicende risalenti agli anni Novanta

La commissione tributaria regionale di Roma ha sanzionato il Gruppo Editoriale L’Espresso al pagamento di 200 milioni d’imposte per alcune vicende risalenti al 1991. A comunicarlo è la società stessa, che in una nota dice di ritenere la sentenza «manifestamente infondata oltreché palesemente illegittima sotto numerosi aspetti di rito e di merito».

Ci si rifarebbe ad un fatto del 1995: all’epoca la Guardia di Finanza fece una verifica fiscale su una fusione tra nomi di peso. Erano l'”Editoriale La Repubblica SpA” e l'”Editoriale L’Espresso SpA”, entrambi parte del “Gruppo CIR” dell’imprenditore Carlo De Benedetti, attuale proprietario della maggioranza delle quote di controllo.

La notizia per come è stata riportata fino ad ora è piuttosto fumosa. Si farebbe riferimento a due notifiche promulgate dall’Ufficio imposte in seguito a tali verifiche, oggi riunite in questo procedimento, e che facevano ammontare la richiesta di danni all’Espresso a 700 miliardi delle vecchie lire. Dal canto suo il gruppo editoriale impugnò tale decisione con l’intento di rivolgersi agli uffici giudiziari di competenza. Un procedimento che finisce fino alla Corte di Cassazione nel 2007, la quale ribaltava la sentenza della Commissione Tributaria del Lazio e rimetteva ulteriori procedimenti ad un’altra sezione della stessa CTR Lazio.

Da qui, ecco la condanna di pagamento. Particolarmente salata: 200 milioni di euro. Ma L’Espresso non ci sta, e fa sapere che la Commissione Tributaria regionale di Roma «si è pronunciata sugli accertamenti emessi dalla Agenzia delle Entrate nei confronti della società per fatti risalenti all’esercizio 1991, condannando parzialmente il gruppo. In particolare ha dichiarato legittima la ripresa a tassazione di 440.824.125.000 lire per plusvalenze, ad avviso della Commissione, realizzate e non dichiarate e di 13.972.000.000 lire per il recupero di costi assunti come indeducibili afferenti a dividendi e credito di imposta, con applicazione delle sanzioni ai minimi di legge e condanna alle spese di giudizio».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

No, decisamente la Volkswagen non poteva restare a guardare. Il segmento delle B-Suv, vale a dire delle sport utility compatte, vive un momento di grande fermento e successo. La Casa tedesca, che sinora aveva nella Tiguan la proposta più “piccola”, doveva correre ai ripari. Ecco dunque avvicinarsi la presentazione ufficiale, prevista in occasione del Salone […]

L'articolo Volkswagen T-Roc: pronta alla battaglia proviene da RED Live.

L’abito non fa il monaco. Mai affermazione fu più vera, specie nel caso della concept Infiniti Prototype 9, presentata in occasione del Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, e forte di una linea ispirata alle monoposto degli Anni ’30 e ’40. L’aspetto, come accennato, non deve però trarre in inganno: il “cuore” è decisamente […]

L'articolo Infiniti Prototype 9: sotto mentite spoglie proviene da RED Live.

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana