Google+

L’Arabia Saudita vuole la democrazia in Siria, ma condanna a 4 anni di carcere e 300 frustate chi la chiede in patria

dicembre 17, 2013 Leone Grotti

Un giudice ha condannato Omar Al Saeed per aver chiesto pubblicamente di trasformare il regno in una monarchia costituzionale

L’Arabia Saudita è tra i maggiori finanziatori e armatori dei ribelli che combattono per la democrazia e il califfato in Siria contro il regime di Assad, ma guai a parlare di riforme in patria. Un giudice ha condannato un uomo a 300 frustate e quattro anni di prigione per aver chiesto pubblicamente di trasformare il regno in una monarchia costituzionale.

CONDANNATO SENZA AVVOCATO. Omar Al Saeed fa parte dell’Associazione per i diritti politici e civili sauditi (Acpra), che quest’anno ha pubblicato diversi comunicati per denunciare il pessimo stato dei diritti umani nel paese e per chiedere alla famiglia regnante più democrazia.
Per questo Omar, e prima di lui altri tre membri dell’associazione, è stato condannato senza neanche poter essere rappresentato in tribunale da un avvocato.

«VERGOGNA PER IL GIUDICE». Sul sito di Acpra, che ha dato notizia della sentenza domenica, è stato anche pubblicato un messaggio di Omar: «Ecco perché sono stato messo in prigione: odio l’ingiustizia, il dolore e la miseria». Il fratello dell’attivista, Abdullah, ha dichiarato dopo la condanna: «Questa sentenza ingiusta fa onore a mio fratello e ricopre di vergogna il giudice Issa Al Matrudi».

DIRITTI UMANI. L’Arabia Saudita è governata dalla famiglia Al Saud insieme a religiosi ultraconservatori sunniti wahhabiti. Re Abdullah è il primo ministro del paese e nomina il governo, che include nei ruoli principali diversi principi. Le uniche elezioni concesse dalla monarchia sono quelle per la metà dei seggi dei consigli locali, che non hanno quasi nessun potere. La libertà religiosa nel paese non è garantita e la morale è severamente controllata dai Mutawaeen, la polizia religiosa incaricata di «ordinare il bene e proibire il male».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. marzio scrive:

    Sappiamo cosa intendono l’Arabia Saudita e altri regimi islamisti per “democrazia”……..

  2. mike scrive:

    scusate direzione ma mi spiegate come fate ad intitolare l’articolo dicendo che l’arabia saudita vuole la democrazia in siria? solo perché finanzia i ribelli? ma i ribelli non sembrano affatto democratici. democratico è, per definizione, chi rispetta le persone pur non condividendone le idee. come più volte avete qui fatto sapere i ribelli uccidono i cristiani, per cui non rispettano né le idee né tantomeno le persone. è ovvio che se l’arabia finanzia i ribelli non vuole portare in siria la democrazia ma piuttosto una teocrazia islamica ispirata, ovvio, a quella saudita. ma avete titolato questo articolo dicendo che l’arabia vuole portare la democrazia in siria. e dicendo nell’articolo che però la nega al suo interno. all’interno si ma non solo.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana