Google+

Iraq, un gruppo di musulmani difende i cristiani contro i terroristi dello Stato islamico. «La mia casa è aperta per il mio fratello»

luglio 22, 2014 Leone Grotti

Si sono riuniti domenica sera alla fine della Messa davanti alla chiesa di San Giorgio a Baghdad con questo cartello: «Anch’io sono un cristiano iracheno». Il patriarca Sako era fra loro: «Grazie, questo raduno porta speranza»

musulmani-cristiani-iraq-baghdad

«Anch’io sono un cristiano iracheno». Questo cartello di sostegno ai cristiani di Mosul non è stato alzato durante una manifestazione di fedeli cattolici o ortodossi ma portato da un gruppo di musulmani domenica sera fuori dalla chiesa di San Giorgio al termine della Messa.

«QUESTO RADUNO PORTA SPERANZA». I musulmani, che hanno voluto mostrare in modo tangibile il loro sostegno, criticando il neonato califfato islamico, hanno dichiarato: «La mia casa è aperta per il mio fratello cristiano». I fedeli islamici sono stati raggiunti dal patriarca caldeo Louis Mar Sako, come si vede nella foto: «Questo raduno porta speranza per un nuovo Iraq. Penso soprattutto ai giovani, che hanno il compito e il dovere di cambiare la situazione», ha detto Sako secondo quanto riportato da AsiaNews.
Poi riferendosi ai cristiani perseguitati, costretti a lasciare le loro case a Mosul: «È una vergogna e un crimine cacciare persone innocenti dalle proprie case e confiscare le loro proprietà perché sono “diversi”, perché sono cristiani. Il mondo intero deve ribellarsi contro queste azioni abominevoli».

siamo-tutti-cristiani-iraq-mosulSOLIDARIETÀ SU INTERNET. Prima di andare via, i cristiani hanno recitato il Padre Nostro e i musulmani la sura al Fatiha, la prima del Corano, che riassume il credo musulmano. Sostegno ai cristiani è stato espresso anche su internet, dove è stata lanciata da un iracheno di Mosul di nome Ali la campagna: “Siamo tutti cristiani”. «Preserviamo la dignità delle nostre azioni, per tutti i cristiani fuggiti da Mosul e come esempio per i nostri bambini», ha scritto su internet. Il suo messaggio è stato ripreso da centinaia di iracheni, che hanno fatto partire sui social l’hashtag “#I_am_Iraqi_I_am_Christian”.

LETTERA APERTA. In una lettera aperta pubblicata ieri, il patriarca Sako è tornato a condannare la discriminazione: «La presa della città di Mosul da parte dei jihadisti islamici e la loro proclamazione di uno Stato islamico ha fatto precipitare la situazione per i cristiani di quella città e delle aree circostanti. (…) Lo Stato islamico ha emesso un comunicato per imporre apertamente ai cristiani di convertirsi, oppure pagare la jizya senza specificare il prezzo, oppure lasciare la città e le proprie case con indosso soltanto i vestiti, senza portare via nulla. (…) Queste richieste offendono i musulmani e la reputazione dell’islam, che sostiene la libertà per ognuno di avere la religione che preferisce e che proibisce la costrizione negli affari di fede, e sono in contraddizione con i 1.400 anni di storia e di vita del mondo islamico».

«È UNA VERGOGNA». La lettera, rivolta «alle persone di buona coscienza e buona volontà, in Iraq e nel mondo, a tutti i moderati, nostri fratelli e sorelle musulmane in Iraq e nel mondo» e «a tutti i difensori della dignità della persona umana e della libertà religiosa», continua: «I cristiani – sin dall’avvento dell’islam e in particolare nel nostro Oriente – hanno condiviso con i musulmani ricordi felici e amari, hanno mischiato il sangue per la difesa dei propri diritti e delle proprie terre, hanno costruito insieme città, civiltà ed eredità comune. È una vergogna che ora i cristiani vengano rigettati, espulsi e limitati nella loro vita. (…) Ci appelliamo con calore fraterno ai nostri compagni iracheni che sostengono questa gente: devono riconsiderare la propria strategia e rispettare gli innocenti disarmati, di qualunque etnia, religione o setta. Il Corano impone il rispetto degli innocenti e non chiede il sequestro forzato delle proprietà delle persone: al contrario esso predica l’aiuto per le vedove, gli orfani, i deboli e coloro che non hanno difesa. Raccomanda persino di aiutare tutti i vicini».

LA CONDANNA DELL’ONU. Anche il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha parlato contro i soprusi dei terroristi: «Gli attacchi sistematici contro i civili in ragione delle loro origini etniche o della loro appartenenza religiosa costituiscono un crimine contro l’umanità di cui gli autori dovranno rendere conto».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. francesco taddei scrive:

    una volta o papi con voce tonante denunciavano le stragi, oggi sottovoce.

  2. Sebastiano scrive:

    I più buffoni in questa tragedia sono:

    a) il segretario dell’ONU, che non è andato oltre una pallida dichiarazione di circostanza; a parte il fatto che questo massacro è in corso da anni (e non solo in iraq) non si è nemmeno degnato di riunire il consiglio di sicurezza per quello che è un genocidio a tutti gli effetti (evidentemente è più preoccupato di attaccare Israele, dimenticandosi – anche in questo caso – delle migliaia di razzi sparati da hamas, manco fossero mortaretti di carnevale);

    b) le comunità italiane islamiche cosiddette “moderate” (tipo l’UCOII, che nel suo sito parla SOLO della guerra a gaza – naturalmente contro Israele): il loro SILENZIO su questi fatti è semplicemente ASSORDANTE E VOMITEVOLE. TANTO PRONTI AD ACCAMPARE DIRITTI PER SE IN CASA D’ALTRI, QUANTO SORDI A CONCEDERLI AD ALTRI IN CASA PROPRIA.

  3. Cecilia scrive:

    A dir la verità, i disgraziati dell’Isis sono perfettamente in sintonia con i 1400 anni di storia dell’Islam.
    La tassa per quelli “del Libro, ma sempre inferiori” esiste da che esiste l’Islam, Maometto ha cominciato la sua espansione territoriale con un massacro della popolazione ebraica, la Biblioteca di Alessandria è stata spazzata via come le più antiche università indiane all’arrivo laggiù dei musulmani e come adesso, 2014, vengono spazzate via le sculture sumere e le tombe di antichi profeti (cercare i video sella distruzione della tomba di Giona sul Tubo, si trovano) e pochi anni fa sono stati distrutti i Buddha.
    E lascio perdere la tratta di schiavi infinita dall’Africa e dall’Europa, e la schiavitù abolita nel 1980 in Arabia Saudita.
    Condannare l’Isis e ciò che fa è sacrosanto. Non mi sembra però necessario mentire dicendo che costoro non hanno niente a che spartire con l’Islam.

  4. Gazz.34487 scrive:

    Quanto descritto nell’articolo rimane tuttavia un fatto positivo. La guerra non è fatale, non è necessaria, ma è volontaria, sono gli uomini, determinati uomini, pochi o molti, i responsabili della guerra, anche quando dicono di non volerla. La responsabilità di una guerra è sempre soggettiva, di coloro che la promuovono e vi contribuiscono nella misura che ciò venga fatto, volontariamente e con una visione del fine. Occorre prima di tutto una ‘conversione morale’. Una rivoluzione morale. Le grandi rivoluzioni morali cominciano da piccoli e incerti indizi e per la fede di pochi. La fede che la guerra non è più legittima (perché non è inevitabile); non è più necessaria (perché non è legittima); non è più fatale (perché non è necessaria), è la fede che oggi ci vuole.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Prenderà il via dall’Autodromo Enzo e Dino Ferrari di Imola sabato 29 e domenica 30 aprile il Campionato monomarca MINI Challenge 2017, organizzato con il supporto di ACI Sport. Le sei tappe previste, da aprile a ottobre, si correranno sui più celebri circuiti italici e, chi non potrà partecipare o assistere, potrà godersi la visione in streaming su Dplay, la piattaforma on […]

L'articolo MINI Challenge, al via la nuova edizione proviene da RED Live.

Ci sono eventi che arrivano immediatamente ai fasti della cronaca e altri, non meno importanti, che vuoi per casualità, vuoi perché comunicati con meno forza, passano quasi sotto silenzio. Mentre il Salone di Shangai, tuttora in corso, celebra una miriade di modelli e versioni dedicati pressoché esclusivamente al mercato cinese, resta inspiegabilmente in secondo piano […]

L'articolo Jeep Yuntu: l’ora dell’ibrido plug-in proviene da RED Live.

LIVE I mega SUV americani restano un sogno per chi ama il genere: in Europa non ce ne sono molti ma oggi ci si può avvicinare grazie a Ford Edge. È l’ammiraglia dei SUV dell’ovale blu: con 4,81 metri di lunghezza (+ 30 centimetri rispetto alla Kuga) e la seduta a ben 70 centimetri da terra, domina il traffico. […]

L'articolo Prova Ford EDGE Sport 2.0 TdCi proviene da RED Live.

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana