Google+

Iraq, dodici cristiani abiurano «per finta» e riescono a scappare dallo Stato islamico. Grazie a un musulmano

settembre 17, 2014 Leone Grotti

Originari della città di Bartella, nella Piana di Ninive, sono arrivati ieri a Kirkuk accolti dai soldati curdi. Un musulmano che odia i jihadisti li ha aiutati a fuggire

iraq-cristiani-bartella-kurdistan

Dodici cristiani siri di Bartella, tra cui una bambina di appena un anno, sono arrivati ieri a Kirkuk dopo essere riusciti a scappare allo Stato islamico. I profughi, che hanno raccontato la loro storia ai media locali, sono originari di Bartella, città della Piana di Ninive conquistata lo scorso 7 agosto dai jihadisti.

IL RISVEGLIO. Se non hanno lasciato la città di notte come tutti gli altri cristiani è perché, dormendo per sicurezza sul tetto della casa, non si erano accorti dell’invasione jihadista. Quando la mattina dell’8 agosto sono scesi in strada, sono subito stati intercettati dai soldati del Califfato, che hanno ordinato loro di tornare in casa e di non lasciarla per nessun motivo.

articles_image320140915083023vpFESENZA CIBO. I cristiani hanno vissuto così per 20 giorni. Durante i primi tre, hanno raccontato, lo Stato islamico ha portato loro del cibo mentre per i restanti 17 hanno dovuto arrangiarsi con le scorte che avevano in casa. Nonostante i terroristi li avessero privati di tutti i soldi, sono riusciti a sopravvivere.

LA “FINTA” CONVERSIONE. Dopo i primi 20 giorni sono stati condotti davanti a una corte islamica di Mosul, dove si sono convertiti «per finta», riporta l’agenzia sira Aina. Ottenuti nuovi documenti di identità dallo Stato islamico sono stati riportati a Bartella. A Mosul hanno raccontato di aver visto un cristiano siro che non aveva voluto convertirsi e per questo era stato picchiato e portato via con le mani legate dietro la schiena su un camion. Probabilmente è stato ucciso.

GRAZIE A UN MUSULMANO. La loro fuga è stata resa possibile da un musulmano di Mosul, nemico dello Stato islamico, che aveva già aiutato altri cristiani a scappare. Un fratello di uno dei 12 cristiani, già scappato in Kurdistan, ha fornito loro il numero. Recatisi a Mosul in taxi l’hanno contattato e questo si è offerto di portarli a Kirkuk per 540 dollari o anche gratis, se non avessero avuto denaro. Il musulmano ha consigliato loro la storia da ripetere ai 16 checkpoint degli islamisti che avrebbero incontrato per strada: «Siamo originari di Mosul e stiamo andando a un funerale di famiglia a Kirkuk, dal quale torneremo indietro immediatamente». La storia ha funzionato e dopo l’ultimo checkpoint gli uomini sono stati accolti dai Peshmerga curdi e da padre Qais.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana