Google+

India, 83 donne sterilizzate in massa in cambio di otto euro. Tredici sono morte. «Le hanno trattate come bestie»

novembre 12, 2014 Leone Grotti

Alle donne del villaggio di Pendari sono stati offerti meno di otto euro. I parenti denunciano: «Costrette a farlo dalle autorità». Attivisti: «Fissano delle quote per impressionare le agenzie internazionali che danno fondi»

Ottantatré donne sono state «costrette» a farsi sterilizzare in massa in India e già 13 sono morte. Le donne hanno subito l’operazione per la chiusura delle tube sabato nel villaggio di Pendari, distretto di Bilaspur, nello Stato centrale di Chhattisgarh. Circa 60 di loro si sono immediatamente sentite male e attualmente 20 sono in uno stato grave, per cui si teme che il conto delle vittime aumenti.

STERILIZZAZIONE DI MASSA. La sterilizzazione non è una novità in India. Il secondo paese più popoloso del mondo dopo la Cina conta 1,27 miliardi di persone. Nel tentativo di convincere le famiglie indiane ad avere meno figli, le autorità indiane hanno lanciato campagne di sterilizzazione fin dagli anni ’70 prima degli uomini, con picchi di sei milioni di vasectomie in un solo anno. Poi è toccato alle donne. Sono stati messi in piedi dei centri di sterilizzazione, che hanno portato a questo risultato: il 37 per cento di tutte le donne sposate in India sono state sterilizzate. Nel 2011-2012 si è toccato il picco di operazioni, quando le tube sono state legate a 4,6 milioni di donne.

REGOLAMENTI VIOLATI. Il governo teoricamente ha stabilito delle regole: non è possibile sterilizzare più di 35 donne al giorno e gli strumenti per operare devono essere cambiati ogni dieci interventi. Inoltre, prima di agire, le donne devono sottoporsi a esami del sangue, delle urine, degli zuccheri e del cuore. Ma sabato nel villaggio di Pendari nessuno di questi esami è stato realizzato.

«DONNE COSTRETTE». Le autorità statali hanno promesso alle famiglie delle vittime risarcimenti altissimi pari a 407 mila rupie indiane (circa 5.300 euro), dopo aver affermato che tutto è stato fatto secondo le regole e si è trattato semplicemente di «negligenza». Ma secondo i familiari delle vittime non è così, perché le donne sono state «costrette» a partecipare alla sterilizzazione, che secondo la legge dovrebbe essere solo su base volontaria.

«AMMASSATE COME BESTIAME». Nem Bai aveva partorito un bambino neanche una settimana prima dell’operazione. La famiglia si è rifiutata di farla sterilizzare ma alla fine ha «ceduto alle pressioni dei responsabili sanitari locali». Il cognato di Nem Bai ha dichiarato al giornale locale Indian Express: «L’hanno presa senza il suo permesso. Abbiamo detto loro più volte che aveva appena partorito ma non ci hanno ascoltato. Ci hanno detto: “Non succederà niente, è un’operazione minore”. Le hanno ammassate come si fa con il bestiame».

«QUOTE FISSATE DAL GOVERNO». Nem Bai, insieme ad altre 12 donne, ora è morta. Tutto perché bisogna rispettare le «quote»: «È così, le autorità fissano delle quote per impressionare il governo centrale o le agenzie internazionali che danno fondi», dichiara alla Bbc il ginecologo e attivista indiano Puneet Bedi. «Il governo è ossessionato dalla pianificazione familiare e inganna le donne: dice che è una passeggiata ma non è così perché le cure sono inadeguate. Spesso i chirurghi non sono qualificati e dopo l’operazione le pazienti non vengono seguite».

TUTTO PER OTTO EURO. Il modo più semplice per «obbligare» le donne a farsi sterilizzare è l’offerta di un compenso. Alle 83 donne di Pendari erano state offerte 600 rupie, pari ad appena 7 euro e 80 centesimi. Ma in una zona poverissima dell’India dove si vive con meno di 20 rupie al giorno, anche una cifra così bassa è irrinunciabile da parte delle donne. Gli operatori sanitari e i chirurghi, poi, sono incentivati a violare i regolamenti e fare più interventi possibile: i primi guadagnano 150 rupie per ogni donna operata (meno di due euro), i chirurghi 75 rupie (meno di un euro), gli anestesisti 25 rupie (30 centesimi). Se l’anestesista non c’è, il chirurgo intasca anche le sue 25 rupie.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

9 Commenti

  1. Ellas scrive:

    Ho difficoltà a fissare le mie risposte su Tempi. Comunque il disgusto per come vengono trattate le persone resta. E tutto in nome dell’aborto.

  2. Lena scrive:

    Veramente si tratta di steriizzazione non di aborto e lo si fa per la stessa salvezza della vita e del benessere umano sul pianeta. Quanto a queste morti l’Oms non c’entra niente, questi sono abusi e cattivo funzionamento deidei
    dei servizi sanitari del luogo, in quei paesi gli ospefali uccidono più delle malattie

    • Sebastiano scrive:

      Vorrei capire dove hai letto dell’Oms in questo articolo. Ma forse lo immagino: tutta presa dalla voglia di sbavare rabbia contro noialtri e contro coloro che minacciano il tuo (comodo) benessere, non ti sei neppure accorta che l’articolo è un altro. Mischinedda.

      • Raider scrive:

        Siciliano pure lei, Sebastiano! Siamo in tre, noi due più Toni. La cosa mi fa piacere, anche perché non si nota lo stesso attivismo e combattività nella nostra Chiesa. E non perché i nemici della Chiesa stiano a guardare. Si vede che “Tempi” è uno spazio di espressione e di vitalità che le Chiese locali (e non solo…) non sempre riescono a valorizzare. (Qualche volta, se si può dirlo almeno a “Tempi”, sembra lo mortifichino.)

  3. Lena scrive:

    Si ma il collegamento con l’altro c’è a livello concettuale

    • Sebastiano scrive:

      Beh, per esserci c’è davvero: è quello di chi crede che nel mondo ci sarà più benessere proporzionalmente al numero di donne sterilizzare. Amici tuoi, beninteso.

    • Raider scrive:

      Alla non buona Lena mancano i concetti, non solo quelli, ma quelli di sicuro: per il resto, ha tutto per sentirsi garantita nella sua preziosa “integrità.”

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana