Google+

In Inghilterra vogliono cambiare la promessa scout, per non compiere più il dovere “al cospetto di Dio”

dicembre 5, 2012 Francesco Amicone

Dopo le accuse di discriminazione, le associazioni scout inglesi aprono a una variante della “promessa” per i bambini atei. I piccoli scettici non giureranno più al cospetto di Qualcuno cui non credono.

«Sul mio onore prometto che farò del mio meglio, il mio dovere al cospetto di Dio e della Regina, per aiutare altre persone e rispettare la legge degli Scout». È da più di un secolo che, per diventare scout, i bambini inglesi devono fare questa promessa. Ma per gli atei, costretti per anni a giurare al cospetto di un Essere a cui non credono, e per i loro figli, è giunta l’ora del cambiamento. Posto che nel Regno Unito è più facile mettere in discussione la religione che la monarchia (anche se poi coincidono), gli scout anglosassoni, sotto il tiro delle associazioni atee e della commissione per le pari opportunità britannica, secondo il Guardian, produrrano a breve una promessa alternativa per rispondere alle esigenze dei non credenti. Dunque la connotazione religiosa dello scoutismo, essenziale fin dalle sue origini, inizia a vacillare, almeno in Inghilterra.

IL CASO. Tanta indignazione fra le associazioni atee lo suscitò quello che ritennero un increscioso episodio di discriminazione. George Pratt, piccolo ateo undicenne, fu bocciato all’esame di scout proprio per il rifiuto di fare quella odiosa promessa, come tutti gli altri bambini, al cospetto della Regina e di Dio. Quel che non è chiaro è il motivo di tanto zelo da parte del piccolo scettico. Anche se fosse stato giustificato dal senso di onestà, dall’impossibilità di giurare davanti a qualcosa che considera alla stregua di Babbo Natale, c’era pur sempre la Regina.

PROMETTERE? Atei o no, ricorda il Guardian, gli scout dovranno ancora promettere di rispettare le leggi e di avere coraggio nelle difficoltà. Dunque nessuna trattativa con vigliacchi e baby anarchici. Terry Sanderson, presidente della National Secular Society, ha commentato positivamente le aperture delle associazioni scout: un cambiamento che li porterà «in linea con la realtà del ventunesimo secolo in Gran Bretagna, dove più di due terzi dei giovani dicono di non avere alcun credo religioso».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Antonio scrive:

    Come capo scout rimango allibito.
    Prima di tutto un bambino a 11 anni non ha sicuramente fatto una scelta personale di ateismo. Sono portato a credere che sia manipolato da parenti a lui molto vicini. Inoltre non capisco perché i genitori si accaniscano a volerlo mandare agli scout che professano ben determinati valori. Se hai genitori quei valori non piacciono e non sono condivisi che propongano ai figli attivitá sociali diverse, mica lo ha detto loro il dottore di mandare il figlio agli scout.
    Inoltre credo che il messaggio originale di BP sia totalmente tradito: Paden Powell espresse chiaramente che l’educazione religiosa é parte integrante dell’educazione totale della persona.
    Infine, credo si sia arrivati al comportamento schizofrenico: l’ateismo é diventato di per se una nuova religione, mah…

  2. Sebastiano scrive:

    Mah, senza Dio quella promessa non avrebbe alcun valore!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana