Google+

Il Regno Unito legalizza i matrimoni di Scientology, equiparando la setta alle altre religioni

dicembre 12, 2013 Elisabetta Longo

Scientology non riconosce l’esistenza di un dio ma per la Corte suprema sarebbe «discriminatorio confinare la religione solo all’interno delle fedi che prevedono l’esistenza di una divinità»

La Corte suprema britannica ha riconosciuto la validità dei matrimoni celebrati nei luoghi di culto di Scientology, equiparando di fatto la setta a una religione come le altre. Finora i fedeli della setta di Ron Hubbard potevano sposarsi in modo legale nelle proprie sedi, come se fossero autentici luoghi di culto, solo negli Stati Uniti o in Scozia.

DIO NON C’ENTRA CON LA RELIGIONE. A condurre la battaglia legale è stata Louisa Hodkin, alla quale era stato rifiutato il permesso di sposare il fidanzato Alessandro Calcioli in una cappella del culto di Scientology. La donna si era rivolta all’Alta Corte, che però ha ribadito una sentenza del 1970, che stabiliva che Scientology non poteva amministrare i sacramenti in quanto non prevedeva «nessuna venerazione di Dio o di un essere supremo». Ma cinque giudici della Corte suprema hanno ribaltato il verdetto affermando che «la religione non può essere confinata solo all’interno delle fedi che prevedono l’esistenza di una divinità» perché «si tratterebbe di una forma di discriminazione religiosa nella società attuale».

I SEGUACI DELLA SETTA. «Siamo molto felici per questa decisione e molto rallegrati per Louisa e Alessandro», ha detto un portavoce dell’organizzazione. La sentenza potrebbe avere anche altre conseguenze perché, secondo Eric Pickles, ministro per le Comunità locali, ora Scientology potrebbe avere diritto agli sgravi fiscali previsti per i luoghi di culto.
In Gran Bretagna i seguaci di Scientology sono oltre 100 mila stando a quanto dichiara la setta ma solo duemila persone l’hanno pubblicamente dichiarato in occasione del censimento del 2011.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

7 Commenti

  1. Francesco scrive:

    Ecco adesso anche la UAAR fara’ richiesta di celebrare i matrimoni, in Italia :-(

  2. beppe scrive:

    caro sergio landi, hai ragione. pensa però che mai e poi mai un allevatore che ne so, di bovini, metterebbe su una bella stalla gay. lascio a te indovinare il perchè…

  3. andrea scrive:

    vivi e lascia vivere.

  4. Reality scrive:

    Non vi è alcuna sostanziale differenza tra una setta e una religione, si differenziano solo per diffusione e dimensioni. Tutte sono fondate da individui che dicono di essere a conoscenza dei voleri di una qualche Entità soprannaturale e, in qualche modo, di rappresentarla in terra, e dai loro seguaci, che credono a quanto viene loro raccontato con l’appoggio di “sacre scritture” più o meno antiquate.

  5. luca scrive:

    insomma, certo che setta o religione la differenza è poca ma almeno le vostre (cattoliche) liturgie e la vostra storia è antica, affascinante e le cavolate che sparate essendo in voga da millenni sembrano meno irrazionali…
    certo ce uno si ferma a pensare, cosa che evidentemente non fate, non è che gli angeli e i diavoli e i santi e tutte quelle cose li siano più plausibili di qualunque altra cosa.

    secondo me si dovrebbe celebrare un matrimonio civile, unico matrimonio che lo stato riconosce e ognuno poi si facesse il matrimonio privato come vuole…

  6. Cisco scrive:

    Premesso che da sempre sono per l’abolizione del matrimonio civile, ritengo che la frase «la religione non può essere confinata solo all’interno delle fedi che prevedono l’esistenza di una divinità» e’ sacrosanta: infatti anche l’ateismo e’ una religione, dato che adora una serie di idoli non indifferente, a partire dagli intramontabili Potere Sesso Denaro: senza un dio non restano che gli dei (più o meno terreni).

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana