Google+

Il referendum grillino per cancellare le scuole paritarie costerà a Bologna 600 mila euro

novembre 14, 2012 Leone Grotti

Il referendum promosso da grillini e Sel per eliminare il finanziamento alle scuole paritarie di Bologna costerà al Comune 600 mila euro. Con quei soldi si potevano accogliere nelle materne 800 bambini in più.

Abbiamo già parlato dell’iniziativa del Comitato art. 33, che è riuscito a raccogliere 9 mila firme per eliminare il finanziamento comunale alle scuole paritarie tramite referendum, rischiando così di farle fallire e scomparire. Oltre che «ingannevole e contrario alla Costituzione», il referendum ha un costo. Come rivelato dalla consigliera comunale del Pdl Valentina Castaldini, l’amministrazione ha svelato che il referendum costerà 600 mila euro alle casse comunali.

IL SISTEMA SCOLASTICO RISCHIA DI FALLIRE. «Con quei soldi – fa notare Castaldini – si potevano avere quasi 800 posti in più alle materne per un anno, farò di tutto per far pagare questi soldi al Comitato». I promotori del referendum, appoggiati da Sel e grillini, si guardano bene dal spiegare nel quesito del referendum che «senza le scuole paritarie il sistema scolastico del Comune collassa e fallisce». Le scuole materne paritarie, infatti, ricevono dal Comune appena un milione di euro ma accolgono 1.736 bambini, il 21% del totale. Con gli stessi soldi, il Comune riuscirebbe ad ospitare nelle sue scuole solo 150 bambini. E gli altri 1.536? I grillini non si pongono questo problema.

REFERENDUM IRRAZIONALE. Ai grillini, di solito così attenti a risparmiare sui costi della casta, è forse sfuggito che per impedire che il Comune versi un milione di euro alle scuole paritarie bisogna spenderne 600 mila e che per ogni bambino che va in una scuola paritaria il Comune risparmia 6.300 euro? Parlare di «referendum malvagio e irrazionale» sembra più che mai appropriato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download