Google+

I turchi distruggono o rimuovono statue curde e assire

gennaio 10, 2017 Rodolfo Casadei

Le nuove autorità turche di Diyarbakir distruggono un monumento commemorativo di una strage di curdi e rimuovono i leoni alati assiri

roboski

Del crescente clima di tensione fra autorità turche e popolazione curda in Turchia fanno le spese persino i monumenti. A Diyarbakir, dove i due co-sindaci sono stati deposti e arrestati nell’ottobre scorso per asserite complicità con la lotta armata del Pkk, lunedì mattina è stato distrutto, su ordine del commissario prefettizio Mustafa Kilicin che ha assunto i poteri dopo l’estromissione dei sindaci, il monumento che ricordava la strage di Roboski, un evento accaduto la sera del 28 dicembre 2011. Un gruppo di una quarantina di contrabbandieri curdi, originari dei villaggi di Ortasu e Gülyazi della provincia di Sirnak, furono attaccati alla frontiera fra Turchia e Iraq da due F-16 dell’aviazione militare turca che li aveva scambiati per guerriglieri del Pkk. Morirono 34 persone, 18 delle quali minorenni.
I turchi erano stati allertati dall’intelligence americana, i cui droni avevano inquadrato il gruppo sospetto qualche giorno prima dell’incidente. Successivamente il gruppo era stato spiato da droni turchi, fino al momento in cui era stato dato l’ordine dell’attacco. Molti degli uccisi facevano in realtà parte di una milizia di villaggio anti-Pkk, e stavano trasportando diesel e sigarette di contrabbando a dorso di mulo, un’attività illegale molto praticata al confine fra Iraq e Turchia.

Nei giorni successivi all’incidente molte manifestazioni di protesta in varie località del paese, promosse da gruppi curdi, erano sfociate in incidenti con arresti e danneggiamenti. Lo stesso governatore Naif Yavuz aveva rischiato di essere linciato dalla folla. Le autorità avevano offerto alle famiglie delle vittime indennizzi in denaro in cambio della rinuncia all’azione penale contro i responsabili. Le famiglie avevano rifiutato e imboccato la via giudiziaria, che avrebbe riservato loro cocenti delusioni. L’11 giugno 2013 la procura di Diyarbakir concludeva le sue indagini trasferendo il caso alle autorità militari, avendo appurato che si trattava di omicidio non intenzionale, dovuto a negligenza. Nel giro di sei mesi la procura militare archiviava l’inchiesta, comunicando che i cinque ufficiali dell’aviazione inquisiti «avevano commesso un grosso errore ma avevano compiuto il loro dovere eseguendo gli ordini».
L’ordine del bombardamento era infatti arrivato dallo Stato maggiore ad Ankara. Una commissione d’inchiesta parlamentare si era conclusa in modo simile nel marzo 2013, nonostante il voto contrario di una minoranza di deputati. Il 30 dicembre 2013 in un parco di Diyarbakir era stato inaugurato un monumento commemorativo della strage, opera dello scultore Suat Yakut. L’opera era costituita da una piattaforma di cemento dai contorni irregolari ricoperta di marmo nero che portava sui bordi i nomi delle vittime; al centro di essa era collocata la statua di bronzo di una donna in ginocchio con le braccia alzate al cielo, circondata da otto missili di metallo piantati sulla superficie della piattaforma. Dal 9 gennaio dell’opera resta solo la soletta di cemento, dalla quale è stato scalpellato via il rivestimento che recava i nomi delle vittime, mentre la statua di donna e gli otto missili sono stati rimossi.

Il nuovo amministratore di Diyarbakir non si è accontentato di distruggere quello che era diventato un simbolo delle rivendicazioni curde verso il governo centrale: ha eliminato la maggior parte della segnaletica bilingue togliendo il curdo e tenendo solo il turco, e ha rimosso una grande statua di bronzo di ispirazione assira collocata di fronte alla sede centrale dei vigili urbani nel quartiere di Amed. Si trattava della riproduzione del celeberrimo leone alato con testa umana, divinità assira nota col nome di Lamassu. Molti degli originali, antichi 3 mila anni, sono stati distrutti dall’Isis nel vicino Iraq.

Foto da internet

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

“Più potenza, meno pressione” è il claim con cui i progettisti Northwave raccontano le nuove Ghost XC, scarpe dedicate all’off-road. Riprendono le principali innovazioni lanciate lo scorso anno con le sorelle stradali Extreme RR (leggi la nostra prova), caratterizzate dalla tecnologia XFrame® studiata per eliminare il problema dei punti di pressione sulla tomaia. CALZATA ADERENTE […]

L'articolo Northwave Ghost XC, il futuro off-road proviene da RED Live.

Gli strani casi della vita. La Lotus meno apprezzata dell’epoca moderna è anche la sportiva di Hethel più potente mai realizzata. La Evora, coupé 2+2 caratterizzata dalla scocca in alluminio e dalla collocazione centrale del motore, in vista del Salone di Francoforte beneficia dello step più spinto di sempre del V6 3.5 Supercharged: ben 436 […]

L'articolo Lotus Evora GT430: prima in tutto proviene da RED Live.

A ricreare l’atmosfera della Ville Lumière c’erano la voce inconfondibile di Edith Piaf, i vol-au-vent e il bistrot al 10 di Corso Como. Ma soprattutto lei, La Parisienne. Una versione esclusiva di Twingo che riprende, nella particolarità dei motivi scozzesi sulle fiancate, uno dei successi di Renault degli anni ’60, la R4 Parisienne. Ispirazione vintage […]

L'articolo Renault Twingo La Parisienne proviene da RED Live.

Giunge alla terza generazione una delle compatte sportive più apprezzate dai puristi della guida oltre che una delle “piccole pesti” più pepate in circolazione. La Suzuki Swift Sport, sinora proposta esclusivamente con un propulsore 1.6 16V aspirato da 125 o 136 cv, si appresta a cambiare cuore, optando per un’unità sovralimentata di derivazione Vitara S. […]

L'articolo Suzuki Swift Sport: piuma col turbo proviene da RED Live.

Prodotto da Peugeot e allestito dal celebre preparatore francese il Partner Dangel porta all’estremo il concetto di auto tuttofare. L’abbiamo messa alla prova nel cimento più duro la vacanza con famiglia.

L'articolo Prova Peugeot Partner Tepee Dangel, l’Ultra Utility Vehicle proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana