Google+

Questo inquietante gusto di costruire le cose storte. E di negare le leggi che governano l’universo

giugno 30, 2014 Marina Corradi

Mi preoccupa che si abbia voglia di erigere grattacieli sghembi come quelli che si vedono dalla tangenziale di Milano verso Torino. È lo stesso gusto per cui il matrimonio fra un uomo e una donna è giudicato uguale a quello fra due uomini

Ogni volta che passo dalla tangenziale in direzione di Torino mi si ferma lo sguardo su quei nuovi grattacieli vistosamente sghembi che si alzano appena fuori da Milano. Anche se sto pensando ad altro, c’è sempre un attimo in cui li considero con preoccupazione. Certo, lo so che stanno in piedi, e mi hanno assicurato che, all’interno, le pareti sono ben diritte. Ma mi immagino di affacciarmi dall’ultimo piano, sul lato che si sporge nel vuoto, e so che non mi sentirei affatto bene.

Quello che mi impensierisce, è che si abbia voglia di costruire case sbilenche. Ancora pochi anni fa chi mai avrebbe comprato casa in un palazzo più pendente della Torre di Pisa?

Ma c’è un gusto, oggi, nel costruire le cose storte, nel negare le leggi che governano l’universo. È lo stesso gusto per cui il matrimonio fra un uomo e una donna è giudicato del tutto uguale a quello fra due uomini, e un figlio può essere selezionato con i geni “giusti”. È il gusto delle case storte, delle leggi violate.

Mi confortano però, proseguendo verso Novara, le vecchie cascine, larghe, forti, e ben piazzate sul terreno, come matrone. Mi piace pensare alle loro mura spesse, e ai larghi camini attorno a cui si stava insieme, la sera.

La nostalgia è sterile, ma ai miei figli ho insegnato ad amare quelle vecchie case dalle pareti incrollabili e dalle stanze grandi, pronte ad accogliere nidiate di bambini. Forse alla nostra generazione tocca questo, un compito da medioevali monaci benedettini: tramandare, nel tempo avverso, il gusto delle case ben fondate nel terreno.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line è una suv compatta per chi va sempre di corsa ma non per questo manca di praticità. Si parte da 46.000 euro.

L'articolo Prova Volkswagen Tiguan 2.0 BiTDI DSG 4M R-Line proviene da RED Live.

Mentre tutti sono sotto l’ombrellone, la Casa varesina presenta le ultime due moto che mancavano all’appello dell’Euro4: le F3 (675 e 800) e la Dragster 800 RR. E con l’occasione…

L'articolo MV Agusta F3 e Dragster 800 RR Euro4 proviene da RED Live.

La fame del colosso indiano Bajaj sembra non avere fine: dopo aver conquistato il 49% del Gruppo KTM, ora punta a un noto Marchio inglese. Nasce così la partnership (commerciale) Triumph e Bajaj

L'articolo Triumph e Bajaj, insieme per le piccole proviene da RED Live.

Black Jack, come il gioco d’azzardo che coinvolge banco e giocatori. In questo caso, però, il ruolo del casinò viene interpretato dalla Opel e l’oggetto del desiderio non è il classico “21”, bensì la city car Adam in edizione speciale. L’inedito allestimento Black Jack, che esalta l’inclinazione alla personalizzazione tipica dell’utilitaria tedesca, porta in dote […]

L'articolo Opel Adam Black Jack: scommessa vinta proviene da RED Live.

Dopo il successo ottenuto con la 300, Beta allarga ulteriormente la gamma delle enduro “facili”: ora è il momento della Beta XTrainer 250, moto facile per alcune soluzioni ma comunque capace di grandi cose

L'articolo Beta Xtrainer 250 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana