Google+

«La Giordania è stabile ma temiamo per il futuro. Più dei terroristi dell’Isil abbiamo paura di chi li finanzia: Stati Uniti e Arabia Saudita»

giugno 26, 2014 Leone Grotti

Intervista a padre Hanna Kildani: «Ci preoccupano i paesi che aiutano gli estremisti. Possono essere parte della soluzione, ma ora sono solo parte del problema»

«Per il momento la situazione in Giordania è stabile ma abbiamo paura per il futuro». Parla così a tempi.it padre Hanna Kildani, sacerdote giordano che ha vissuto anche in Palestina e Libano e che guarda con sempre maggiore preoccupazione all’avanzata dei terroristi islamici in Siria e Iraq.

Avete paura che i terroristi possano invadere anche la Giordania?
Certo, ma più degli estremisti noi temiamo i paesi che li finanziano. I terroristi islamici infatti non lavorano da soli: Turchia, Arabia Saudita e Qatar nella regione danno loro le armi. Anche Stati Uniti, Inghilterra e Francia li aiutano ed è questo quello che ci preoccupa di più.

Come vivono i cristiani questa situazione?
I cristiani, come il resto del paese, hanno fiducia nel governo e nell’esercito giordano. Noi siamo a tutti gli effetti cittadini giordani, quindi le cose a noi vanno bene quando vanno bene alla Giordania. I cristiani non sono diversi dagli altri e sono in pericolo tanto quanto i musulmani. La visita del Papa però ci ha dato forza e fiducia, perché si è visto che siamo un paese stabile.

Il Papa ha ringraziato il vostro paese per quanto sta facendo per i rifugiati siriani. Quanti sono?
Almeno un milione e per ora non hanno creato problemi sociali. Sono gente pacifica. Noi come Chiesa cattolica, attraverso la Caritas e altre agenzie, ci stiamo prendendo cura di loro: portiamo cibo, vestiti, riparo e medicine. La Chiesa sta facendo tutto quello che può per loro.

Vi aspettavate che la guerra siriana si estendesse all’Iraq?
No, non ce lo aspettavamo ma io non parlerei di vera e propria guerra. Direi che c’è piuttosto un problema politico. Non c’è stata infatti una vera e propria battaglia tra esercito iracheno ed estremisti. Molte tribù e soldati sunniti si sono rifiutati di combattere e hanno aiutato gli estremisti per protestare contro il governo di Al Maliki. Penso che sia più questo il problema.

I terroristi hanno già imposto la sharia a Mosul. Ai cristiani è stato imposto il tributo umiliante come nel settimo secolo.
Sì, i terroristi hanno imposto la gizya, come già successo in Siria. Queste persone applicano una versione strettissima dell’islam e proprio per questo sono un vero pericolo non solo per i cristiani ma anche per tutti i musulmani. Tutti stanno pagando un prezzo per questa guerra.

Che cosa spera per Iraq e Siria?
Io spero che un giorno i paesi del Medio Oriente e quelli occidentali, che stanno aiutando i terroristi, decidano di essere parte della soluzione e non del problema come adesso. Tutti infatti stanno sfruttando l’islam per obiettivi politici, come la conquista del petrolio e dell’energia che abbonda nella regione. È importante poi che l’Occidente rispetti le volontà dei popoli: in Siria ad esempio la maggior parte della gente è a favore di Assad. La rivoluzione forse all’inizio era popolare ma ora non lo è più, guidata com’è da organizzazioni terroristiche.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. augusto scrive:

    “Abbiamo più paura di chi li finanzia,USA, Inghilterra, Francia, Arabia S.,Turchia,ecc “. Più chiaro di cosi!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana