Google+

Genocidio armeno. Il Sinodo dei vescovi studia come proclamare santi e martiri le vittime dei turchi

ottobre 3, 2013 Leone Grotti

Dopo sei secoli si è riunito il Sinodo della Chiesa armena apostolica. «La canonizzazione è in fase di studio. Dal VI secolo non proclamiamo santi»

Le vittime del genocidio armeno potrebbero essere canonizzate. A partire dal 1915 i turchi uccisero un milione e mezzo di armeni, che a 100 anni di distanza potrebbero essere proclamati martiri.

SINODO CHIESA ARMENA. Il sinodo dei vescovi della Chiesa armena apostolica, che si è tenuto dal 24 al 27 settembre riunendo per la prima volta dopo sei secoli tutti i vescovi armeni apostolici, ha discusso di questa possibilità. «La canonizzazione delle vittime del genocidio armeno è in fase di studio, ma certo ha rappresentato uno dei punti più interessanti affrontati nel recente Sinodo», ha dichiarato a Fides padre Georges Dankaye.
Il rettore del Collegio Armeno di Roma e procuratore della Chiesa armena cattolica presso la Santa Sede ha aggiunto: «Si tenga conto che nella Chiesa armena apostolica gli ultimi santi sono stati proclamati nel VI secolo».

IL CASO HRANT DINK. Quello del genocidio armeno resta un tema molto sensibile in Turchia, che nega la sua esistenza. Ne sono prova le polemiche che ancora è in grado di scatenare il caso dell’assassinio del giornalista turco-armeno Hrant Dink (che ha rilasciato a Tempi la sua ultima intervista nel 2006 prima di essere ucciso), bersagliato dallo Stato per aver scritto molti articoli sui diritti dei curdi e il massacro degli armeni. Il processo ai suoi assassini è stato riaperto lo scorso 17 settembre, Nel 2010, la Corte europea dei diritti umani ha condannato la Turchia a risarcire la famiglia Dink con una cifra superiore ai 100 mila euro.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Monovolume, SUV e crossover, ma anche multispazio, sportive, ibride ed elettriche: “l’affollamento” in abitacolo è un must e proliferano le auto a sette posti. Ecco i migliori modelli sul mercato.

L'articolo Quando cinque non bastano, le migliori auto a 7 posti proviene da RED Live.

Nel mondo delle supercar c’è grande fermento per l’imminente debutto della Aston Martin Valkyrie e della Mercedes-AMG Project One, “parenti strette” delle vetture da Formula 1. Auto che, però, vuoi per il frazionamento dei propulsori, vuoi per alcune soluzioni telaistiche, non attingono tanto profondamente quanto affermato nei proclami alla tecnologia delle monoposto. Diversamente da quanto […]

L'articolo Ferrari F50: la Formula 1 sono io proviene da RED Live.

Ha riconquistato ciò che un tempo era già suo. La Honda Civic Type R di nuova generazione è tornata al Nürburgring, riprendendosi il record per le vetture a trazione anteriore. Del resto, quello che altri chiamano “l’Inferno verde”, vale a dire la mitica Nordschleife – in tedesco l’anello nord – pista di 20,8 km entrata […]

L'articolo Honda Civic Type R MY17: Regina del Ring proviene da RED Live.

Cittadino, fuoristradista, “agonista”, pratico o “alieno”. Cinque modi d’essere automobilista. Cinque modi d’interpretare SUV e crossover. Ecco 20 modelli che soddisfano ogni gusto e desiderio.

L'articolo SUV e crossover compatte: ecco le migliori 25 proviene da RED Live.

Ebbene sì, è accaduto. Anche il Giaguaro si è spuntato le unghie ed è sceso a compromessi con il downsizing. La rinnovata sportiva F-Type, disponibile in configurazione sia Coupé sia Convertible, verrà dotata di un “piccolo” 4 cilindri 2.0 turbo da 300 cv, destinato ad affiancare i confermati V6 e V8 Supercharged. Turbina twin-scroll Pietra […]

L'articolo Jaguar F-Type 2.0T: la prima volta del 4 cilindri proviene da RED Live.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana