Google+

Gender a scuola e unioni gay, segnali di nervosismo nel fronte arcobaleno. Il 20 giugno non è stato inutile

luglio 12, 2015 Alfredo Mantovano

La piazza San Giovanni delle famiglie sta già dando frutti. Dagli emendamenti “cattolici” al ddl Cirinnà fino ai peana per le favole Lgbt rifiutate dalle scuole

scalfarotto-ivan-ansaPubblichiamo la rubrica di Alfredo Mantovano contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Quel che è accaduto il 20 giugno in piazza San Giovanni continua a produrre effetti positivi, nonostante i tentativi di circoscriverne la portata. In parlamento il percorso che pareva rapido e inarrestabile della legge sulle cosiddette unioni civili (alias matrimonio gay con adozione) subisce un rallentamento, con probabile rinvio a settembre perfino per la definizione in commissione: si prende tempo, confidando che “Difendiamo i nostri figli” si riduca a un fuoco di paglia.

Il Pd mostra preoccupazione, al punto che alcuni suoi senatori, presentati dai media come “cattolici”, hanno proposto un emendamento al ddl Cirinnà, con l’intenzione di impedire l’equiparazione delle “unioni” al matrimonio. Il tentativo è debole, sia perché la formula individuata – che qualifica l’unione civile fra persone dello stesso sesso come “istituto giuridico originario” – non ha senso nel diritto, e anzi genera ulteriore confusione, sia perché le “unioni civili” possono anche essere chiamate Teresa, ma se la loro disciplina include l’applicazione delle norme del codice civile previste per il matrimonio, e la loro costituzione avviene con un rito in Comune alla presenza di due testimoni, la forma e la sostanza sono quelle del matrimonio. Questo sforzo, non tentato prima del 20 giugno, ha però il pregio di segnalare un disagio, accompagnato dall’esigenza di dare risposte, pur solo apparenti, a chi ha preso parte alla manifestazione.

A proposito di disagio, si commenta da sé lo sciopero della fame annunciato dall’onorevole Ivan Scalfarotto, che è al tempo stesso deputato di maggioranza ed esponente del governo. Chi è l’interlocutore contro il quale protesta il sottosegretario alla presidenza del Consiglio? Il governo, il parlamento o entrambi? E quando un rappresentante dell’esecutivo è in polemica col suo governo o con la sua maggioranza non dovrebbe dimettersi?

Quei “capolavori” della letteratura
Il segnale politico chiaro è il nervosismo degli ambienti di cui Scalfarotto è espressione: nervosismo palpabile nei media che da sempre sono in prima fila per imporre il gender nelle scuole e il matrimonio gay. La tecnica è quella consueta del “chiagn’ e fotte”: non potendo continuare nella prevaricazione, ci si presenta come vittime. Sabato scorso Repubblica, a fronte del ripensamento di qualche direttore scolastico quanto alla diffusione del materiale Unar, ha sparato una pagina intera col titolo eloquentissimo: “Nei libri all’Indice per il gender anche i capolavori per l’infanzia”. Sintesi mirabile: l’“Indice” evoca il mito della feroce Inquisizione e l’invadenza clericale, di fronte alla beatificazione laica del libretti Unar. Con sprezzo del ridicolo il quotidiano di Ezio Mauro elenca come “capolavori dell’infanzia”, quindi equiparabili alle opere dei fratelli Grimm e di Collodi, le fondamentali opere Piccolo uovo, Tante famiglie tutte speciali, Piccolo blu e piccolo giallo, e così via.

Il gender non esiste
A un livello un po’ più elevato intellettuali come Chiara Saraceno – sempre su Repubblica – e i vertici politici del Miur spiegano che in realtà l’ideologia del gender non esiste e che nelle scuole si educa contro il bullismo; esattamente come quarant’anni fa qualche procuratore in Sicilia sosteneva con convinzione che la mafia non esiste: il genitore o il docente che avanza riserve sull’effettiva catalogazione in termini di “capolavori” dei manualetti di indottrinamento al gender evidentemente hanno preso troppo sole in un pomeriggio estivo a Roma.

Coraggio, sono solo segnali positivi! La strada intrapresa, capace di portare un milione di persone a una manifestazione, ma anche di ragionare e di esporre argomenti ovunque sia possibile, è giusta. Qualcuno, che pure penseremmo dalla nostra parte, non è d’accordo sul modo? Nessuno ha la pretesa della infallibilità delle scelte operative: poiché però stanno dando frutti, permetteteci di proseguire.

Foto Ansa


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

24 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI scrive:

    Grande, grandissima la responsabilità dei mass-media! Se si pensa che -per es.- un giornalista dovrebbe essere solo un trasmettitore neutro di notizie del mondo così come si verificano, senza togliere, aggiungere, manipolare….Pensa te!!

  2. recarlos79 scrive:

    quel qualcuno (cei) credo sia più attento alla politica come potere che come forma alta di carità. e continuerà a non appoggiare nessuno che non sia sottomesso ed ubbidiente.

  3. Toni Caproni scrive:

    “La strada intrapresa, capace di portare un milione di persone a una manifestazione”

    Eravate meno della meta, circa 400mila… le vostre continue menzogne perfino sui numeri facilmente verificabili sono un evidente segnale di nervosismo per far sembrare una manifestazione di fondamentalisti religiosi e ignoranti più importante di quello che è stata.

    Come faceva Belrusconi, vostro degno leader, con le sue manifestazioni piene di “fedeli” altrettanto ignoranti quanto voi.

    Che la politica in Italia sia al servizio della mafia e delle caste, arretrata sul piano dei diritti civili con abusi, privilegi e vitalizi non ce lo devono certo ricordare le vostre riunioni in piazza.

    Su RaiTre venerdi scorso è andato in onda un vergognoso spettacolo televisivo, all’interno del prestigioso contenitore “La Grande Storia” interamente dedicato a miracoli, superstizione ed esorcismi, fomentando e suggestionando senza ritegno le persone,
    ribadendo che
    le persone indemoniate parlano “correttamente in modo CANGIANTE lingue scosnosciute”, diventano TELEPATICHE e fanno VOLARE gli oggetti…. ma… sono solo casi RARISSISMI..
    e certo altrimenti sarebbe tutto facilmente verificabile e smentibile no?

    una delle chicche al minuto 1.15.53 è far vedere i malati mentali di una casa di cura con le facce deformi mentre si parla di mostri e possessioni diaboliche, così si fa più spettacolo…

    OTTIMO SERVIZO PUBBLICO…. senza alcun contraddittorio nè informazione corretta… è anche questo frutto della vostra manifestazione?

    Siete senza morale su un binario morto.

    • Martino scrive:

      MA quale 400.000, a riempire piazza San Giovanni bastano 4 gatti miagolanti?

      Tipo: Eravamo io, titti, gatto Silvestro, Tom e Jerry.

      Stai tranquillo, goditi la democrazia, che quando è applicata come il 20 GIUGNO sono lacrime:
      di orgoglio per gli uni e di rabbia per gli altri.

      Noi non siamo su un treno in corsa. QueQueQuesto binario morto

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Ah!, quindi,illustrissimo Toni, noi saremmo quelli che se ne stanno a guardare la tv secondo quello CHE PENSI TU..Io no, non le guardo quelle cose! io guardo Candy Candy che con Haidi fa le capriole sui monti, che scherziamo!! Dai, di’ pure che quelli di San Giovanni sono quelli che guardano le trasmissioni sui fantasmi senza battere ciglio!!
      Perchè noi del medioevo siamo così ottusi che vediamo ancora in bianco e nero e crediamo che siano coloriiiiiiiiii!!!
      Grazie per i sentimenti di stima ricevuti: attento che con la telepatia sono in grado di fare volare gli oggetti!!

    • Luca P. scrive:

      Caro Toni,
      su una cosa hai ragione … il servizio pubblico è un cesso!
      Detto questo 1.000.000 o 400.000 o 100.000 o 10 … non conta una mazza!
      L’evento ha dato voce a quello che pensano la maggior parte degli italiani … e che si vergognano a dirlo perché essere pro-famiglia non è di moda.
      E’ di moda avere un figlio omosessuale (liberato del retaggio cattolico-borghese dominante), è di moda poter abortire senza avere alcun rimorso (tanto è chiaro che il feto a 89 giorni è un grumo di cellule mentre a 90 giorni un essere vivente), è di moda poter dire che “Amore è Amore” (infatti la famiglia non è mica un patto basato sulla stabilità e la reciprocità), è di moda poter concedere l’eutanasia ad un proprio caro anche se è solo affetto da esaurimento (perché mettere una pistola col colpo in canna ad una persona in difficoltà non è induzione al suicidio ma un atto d’amore).
      Ecco tante persone, nonostante vengano bombardate da tutte queste cose, nel profondo del cuore una propria idea ce l’hanno … e non gli è stata messa dalla Chiesa, caro Toni, gli è stata messa dalla Natura Umana.
      Queste persone sono una massa grigia e pigra che fa gola al potere di una certa Sinistra … ma se gli si dice che forse questa moda passerà e rimarrà solo la verità (non la mia o quella fideistica … ma quella della realtà laica !), forse a quella stessa Sinistra qualche coda di paglia comincerà a bruciare !

      Stai sereno Toni … presto scenderemo ancora in strada (seguendo le regole democratiche, non quelle dei Black Block o dei centro sociali!) … e tante altre famiglie, persone normali e pure omosessuali si uniranno …
      Cominciate a mettere su un po’ di peso … a breve fare più di uno sciopero della fame :-)

    • Edo scrive:

      Ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah già, la morale ce l’hai tu, che vuoi condannare senza problemi un bambino a non poter mai dire mamma o papà! Ma ce l’hai il coraggio di andare a dirlo davanti ad un bambino: “Ti voglio così bene che non potrai mai dire mamma”?
      Tu il treno l’hai preso in testa (e tra le gambe)!

  4. clemente scrive:

    Nervosi loro?
    Sapeste come siamo nervosi noi!
    Ci prudono le mani e i forconi !!!

  5. Toni Caproni scrive:

    XSusanna

    “Perchè noi del medioevo siamo così ottusi che vediamo ancora in bianco e nero e crediamo che siano coloriiiiiiiiii!!!”

    Se il buon pastore ve lo dice si….

    XEdo

    Come i figli di chi è separato, o di single che adottano… perchè la famiglia non si sceglie…

    XLuca P.

    “Detto questo 1.000.000 o 400.000 o 100.000 o 10 … non conta una mazza!”

    Ah si .. non conta una mazza certo certo, per voi la menzogna ormai è lo sport favorito… raddoppiate le cifre solo per gusto di farlo..!

    “L’evento ha dato voce a quello che pensano la maggior parte degli italiani … e che si vergognano a dirlo perché essere pro-famiglia non è di moda.”

    400.000 su 57 milioni!? se si vergognano si vede che quello che pensano è male…

    “è di moda poter concedere l’eutanasia ad un proprio caro anche se è solo affetto da esaurimento”

    L’eutanasia si concede a chi la chiede… e se una persona è esaurita ci sono cure già note..
    .. quale tipo di menzogna e di manipolazione ti sta frullando nella testa?

    “Ecco tante persone, nonostante vengano bombardate da tutte queste cose, nel profondo del cuore una propria idea ce l’hanno … e non gli è stata messa dalla Chiesa, caro Toni, gli è stata messa dalla Natura Umana.”

    Si, tante persone ce l’hanno e sono in maggioranza a favore di eutanasia e unioni gay.
    Se ti rifersici a voi cattolici le idee che avete sono solo quelle decise dal vaticano e dai suoi pastori, che vi pascolano a dovere.
    Pertanto se vi viene detto che la madonna è “volata” viva in Cielo (l’altra dimensione si chiama Cielo ed è in “alto”) allora voi “pensate” che sia tutto vero.

    “Stai sereno Toni … presto scenderemo ancora in strada (seguendo le regole democratiche, non quelle dei Black Block o dei centro sociali!) … e tante altre famiglie, persone normali e pure omosessuali si uniranno …”

    Scendete in piazza ma prima imparate a contare.. tanto le famiglie normali (perche infatti come hai giustamente notato voi non siete normali) non vi hanno MAI seguito.

    XClemente

    Devi essere più Clemente… porgi l’altra guancia e non ti agitare!

    • SUSANNA ROLLI scrive:

      Auguri e figli maschi!….se sei ricco: se sei povero una paca sulla spalla e un mi dispiace…

    • Cisco scrive:

      @ Shiva il Caprone

      Ancora tu? Certo che sei peggio di Scalfarotto, fai anche tu lo sciopero della fame per la frustrazione di vedere 400.000 persone manifestare a favore della differenza tra maschietti e femminucce? Certo che deve essere dura vedere che i cattolici sanno organizzarsi da soli senza bisogno di un “pastore” che li spinga a farlo (anzi, addirittura a dispetto di molti pastori…). Ma lo sciopero della fame, ripeto, fa male. Meglio proporre dei contro-argomenti seri, anche perché le contro-mainifestazioni con alla testa il mitico sindaco Marino sono state un flop imbarazzante.

      • Helvetius scrive:

        Il flop della ragione a favore delle vostre balle medievali non è un flop vero?

        • EquesFidus scrive:

          Il bue che dà del cornuto all’asino: il fatto che siano balle inventate recentemente non le rende più vere, né implica che il “Medioevo” fosse ciò che credi.

          • Fabio scrive:

            Sicuramente il Medioevo non è quello che credi tu, nel 99% dei casi quando si parla di Medioevo l’ignoranza è l’unico minimo comun denominatore anche tra chi vorrebbe difenderlo e questo la dice lunga…

            Bisogna leggere Rodney Stark, Henry Kamen, Régine Pernoud.

            • EquesFidus scrive:

              Come se io non avessi letto nulla di Cardini, Le Goff e Stark… Prima di criticare, forse bisognerebbe leggere un po’ meglio gli interventi.

    • Edo scrive:

      Ah ah ah ah ah ah, Toni, che risposta, c’è una bella differenza tra un orfano per caso e un orfano pianificato a tavolino, ma questa differenza non riesci a coglierla.
      Tornatene a fare quello che ti riesce meglio: metterti a pecora e…

  6. Helvetius scrive:

    Per fortuna è inutile otre che controproducente manifestare contro i diritti degli altri e a favore di una concezione medievale della società . Saluti dal mondo normale.

    • Edo scrive:

      Ah ah ah che bel mondo il tuo: i bambini vengono venduti e comprati, crescono a tavolino senza un padre o una madre… Che bel mondo, tientelo pure! Noi continueremo a difendere il sacrosanto diritto dei bambini a crescere con un padre e una madre.

      • Tony Caproni scrive:

        I bambini hanno diritto a nascere sani e non malati di leucemia, hanno diritto a nascere liberi e di scegliere liberamente la propria religione e non di essere indottrinati…

        L’unica cosa che non si può avere diritto di scegliere é proprio la famiglia….

        • Edo scrive:

          Eh certo, ci pensi tu a privare a tavolino un bambino della propria mamma o del proprio papà e a darlo a chi vuoi tu. Ma con quale diritto?

        • Fabio scrive:

          I figli concepiti in provetta hanno un rischio raddoppiato di avere malformazioni al cervello,al cuore e rischio raddoppiato di tumori specie del sistema nervoso quindi maggior rischio anche di leucemia.

        • To.ni scrive:

          I bambini hanno diritto di non essere buttati per legge nelle braccia di uno come te. Si tratta della cosa fondamentale,
          Grazie per quello che scrivi.

          • filippo scrive:

            I bambini hanno diritto di nascere (intanto), di una mamma e un papà.
            Tutto il resto è ridicolo e privo di ogni fondamento.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il Concorso d’Eleganza di Pebble Beach, in California, rappresenta da sempre un evento speciale per la BMW. La Casa di Monaco è infatti solita stupire presentando delle concept che anticipano modelli pressoché pronti a entrare in produzione. Quest’anno tocca a una delle roadster più affascinanti mai realizzate, oltre che una delle vetture più “anziane” della […]

L'articolo BMW Z4 Concept: una linea da urlo proviene da RED Live.

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana