Google+

Fiat, Cisl: «A Pomigliano urgono correttivi da parte di Marchionne»

agosto 31, 2012 Chiara Sirianni

Intervista a Giuseppe Terracciano (Fim Cisl): «Occorre che la Fiat metabolizzi un ulteriore modello a Pomigliano. Aspettiamo la fine di settembre per capire le intenzioni di Marchionne».

A che punto è il progetto Fiat? A gennaio 2010 l’azienda aveva illustrato nei dettagli l’avanzamento della produzione della nuova Panda: 240 vetture al giorno, costruite impiegando 856 lavoratori, con un turno di verniciatura e due al montaggio. Vetture destinate al mercato italiano e europeo, principalmente Olanda, Germania e Belgio. Erano state annunciate 326 assunzioni, l’avvio di un terzo turno di montaggio, come previsto dall’accordo, insomma tutto il necessario per lasciarsi alle spalle la cassa integrazione e prefigurare un futuro di certezze lavorative. E ora? L’ad Fiat, Sergio Marchionne, presenterà il suo nuovo piano aziendale entro il prossimo ottobre, fra stabilimenti a rischio e visite a Belgrado. Con ogni probabilità martedì prossimo Marchionne incontrerà il neopresidente della Repubblica serba, come confermato dal ministero dell’Economia, Mladjan Dinkic. Si tratta della seconda visita nel giro di pochi mesi, dopo l’inaugurazione di uno stabilimento produttivo a Kragujevac (150 Km a sud di Belgrado). La joint venture proprietaria della fabbrica è partecipata al 33% dal governo serbo e al 67% dal lingotto. E l’Italia? «Come Fim Cisl avevamo come obiettivo quello di riaprire una fabbrica che sembrava definitivamente chiusa, Pomigliano» commenta a tempi.it il segretario generale Giuseppe Terracciano (Fim Campania).

Come si è evoluta la situazione?
Abbiamo monitorato la crescita occupazionale in modo da assicurare ai lavoratori l’uscita definitiva dalla precarietà. Purtroppo il mercato condiziona i costruttori e fa soffrire le famiglie dei lavoratori. La direzione del Giambattista Vico dal 24 settembre al 5 ottobre ha reintrodotto la Cig per i dipendenti.

La pessima situazione del mercato dell’auto in Italia e in Europa potrebbe spingere Fiat a rinviare al 2015 la produzione della nuova Punto, già destinata all’impianto di Melfi?
La comunicazione è avvenuta non direttamente dall’azienda, ma tramite indiscrezioni di stampa. Vero è che il primo agosto Fiat ci ha comunicato che in questo momento non ci sono le condizioni per mantenere il ritmo. Forse ci sarà un0 slittamento, entro settembre avremo un quadro più chiaro su come procedere.

I beninformati parlano di un grosso interesse di Mazda per l’impianto di Pomigliano. E c’è chi parla addirittura di Volkswagen.
Per quanto riguarda la concorrenza tedesca è improbabile che vi sia un collaborazione, quantomeno nell’immediato, viste le recenti polemiche. Gli asiatici di Mazda hanno invece visitato lo stabilimento ad aprile, poi a maggio e a giugno. Esprimendo giudizi molto positivi sulla qualità degli impianti. Probabilmente Fiat affitterà alcuni impianti per produrre i loro modelli, esattamente come Marchionne sta facendo in Serbia. Personalmente non la ritengo un’idea industriale da buttare, ma va affiancata ad altro.

Per esempio?
Per fare in modo che Pomigliano torni a crescere, occorre che la Fiat metabolizzi, compatibilmente con i tempi tecnici, l’assegnazione di un ulteriore modello che garantisca la saturazione degli impianti e la piena occupazione. Servono correttivi. Occorre che il governo metta in campo azioni concrete, uscendo dalle buone intenzioni e deliberi interventi strutturali capaci di  rilanciare i consumi, prevedendo un piano di intervento per il settore automotive. Inoltre urge una maggiore coesione del sindacalismo confederale. Abbandoniamo i tribunali e assumiamoci le nostre responsabilità.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

Nel bel mezzo di Agosto, la Casa di Iwata lancia un criptico video teaser che anticipa quanto verrà svelato il 6 settembre alle 17:00: la Yamaha T7

L'articolo Yamaha T7, il video teaser proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana