Google+

Fecondazione per lesbiche. Per Macron si può fare “sì, no, forse”. Cioè sì

ottobre 16, 2017 Leone Grotti

Il presidente della Repubblica francese vuole privare per legge i bambini di un padre nel nome dell’uguaglianza. Ma così aprirà necessariamente le porte all’utero in affitto

pma-francia-manif

«Fecondazione assistita (Pma) per coppie di lesbiche: sì o no?». È questa una delle domande che ieri una giornalista di TF1 ha posto al presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, durante una lunga intervista su tutti i temi più caldi del quinquennato del giovane leader di Lre. Macron, volendo evitare l’enorme protesta di piazza che ha investito il paese quando François Hollande ha deciso di approvare il matrimonio gay, ha sfoderato il suo migliore sorriso e il tono più rassicurante di cui è capace. Ma la risposta, per quanto gentile, è piena di falle e contraddizioni.

NÉ SÌ NÉ NO, PERÒ SÌ. «Mi permetta su un soggetto così difficile di rifiutare il gioco del “sì o no”», ha risposto Macron, salvo poi esporre un deciso “sì”. Secondo il presidente, «poiché le donne possono accedere alla fecondazione e poiché abbiamo riconosciuto lo status di famiglie anche alle coppie di donne, allora penso che questo diritto debba essere riconosciuto anche a loro e alle donne sole. Io infatti sono per riconoscere diritti uguali a tutti i nostri concittadini. E infatti sono contro la Gpa [utero in affitto] perché va contro la dignità del corpo della donna. Sono molto sensibile al rispetto della filiazione».

I DIRITTI DEI BAMBINI. La risposta di Macron è fortemente contraddittoria al suo interno. Se il presidente vuole riconoscere davvero «uguali diritti a tutti i nostri concittadini», perché ignora il diritto dei bambini ad avere un padre? La caratteristica più preoccupante della fecondazione per lesbiche e donne single, infatti, come riconosciuto anche dal Comitato etico consultivo nazionale, che pur ha approvato la pratica, è «l’istituzionalizzazione dell’assenza della figura del padre». Senza contare che, sempre per il Ccne, coppie lesbiche e donne single non sono la stessa cosa visto che in quest’ultimo caso «manca la necessaria alterità dei caratteri e delle posizioni genitoriali».

UTERO IN AFFITTO. Nel discorso di Macron c’è un’altra falla. Il presidente ha ribadito di essere contrario all’utero in affitto e si è impegnato perché «non si passi in modo surrettizio dalla Pma alla Gpa». Ma finché si continuerà a far passare riforme «civili» e «di progresso» con l’argomento dell’uguaglianza, sarà impossibile chiudere la porta all’approvazione della maternità surrogata. Lo Stato non può infatti creare un diritto alla filiazione per le donne, garantendone la soddisfazione attraverso il ricorso alla Pma per tutte, e negarlo agli uomini.

RISPETTO PER LA FILIAZIONE. Se i diritti devono essere «uguali per tutti i cittadini», con quale argomentazione si potrà proibire alle coppie di uomini e agli uomini single di avere figli attraverso la maternità surrogata, comprando l’utero femminile, così come le donne possono averli attraverso la fecondazione, comprando il seme maschile? Anche lo sbandierato «rispetto per la filiazione» di Macron suscita interrogativi. Permettere a una coppia di donne o a una donna sola di fabbricare un bambino in provetta, privandolo per legge di un padre, non sembra affatto rispettoso.

«DIBATTITO PACIFICO». L’unica parte comprensibile della risposta del presidente della République francese è allora quella dove sostiene che «su questi soggetti la politica non deve imporre una scelta brutalizzando le coscienze e le convinzioni profonde di tutti e tutte, che io rispetto profondamente. Spero che nel 2018 potremo organizzare un dibattito in maniera calma e pacifica». Che cosa significa? Non che Macron sia disposto a non approvare la legge, ha fatto intendere chiaramente che si spenderà per questo, ma semplicemente che il presidente non vuole fare la fine di Hollande, crollato nel gradimento dopo le proteste di piazza.

MANIF IN GUERRA. Con questa intervista Macron spera di calmare la Manif pour tous e prevenire manifestazioni. Ma a giudicare dall’ultima campagna dei sostenitori della famiglia, ci vorrà ben altro. In Francia sono già apparsi i cartelloni della loro ultima campagna: «Dopo le verdure Ogm, i bambini con un solo genitore?». Non è con un discorso gentile e infarcito di contraddizioni che Macron potrà sperare di cavarsela.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

In questo momento storico, l’immagine che identifica maggiormente la californiana Tesla è quella della dea Shiva che, facendo roteare le otto braccia di cui è dotata, elargisce schiaffi a destra e a manca a tutti i brand concorrenti. Il costruttore americano, parallelamente all’unveiling della straordinaria supercar elettrica Roadster, accreditata di 10.000 Nm di coppia e […]

L'articolo Tesla Semi Truck: il camion elettrico è una belva proviene da RED Live.

L’alternativa alle note Lotus 3-Eleven, KTM X-Bow e Radical SR8 è italiana. E costa (almeno) 200.000 euro. Forte di una lunghissima esperienza nelle competizioni, la parmense Dallara Automobili, specializzata in telai e vetture da pista, ha presentato il primo modello targato della propria storia. Una vettura, non a caso denominata “Stradale”, nata quale barchetta estrema, […]

L'articolo Dallara Stradale: la prima volta proviene da RED Live.

Gestito da appassionati motociclisti, lo Spidi Store milanese di via Telemaco Signorini 12, mette a disposizione le ultime novità del marchio oltre a un servizio di tute su misura e di installazione di interfoni su caschi. Per festeggiare il suo primo anno di vita il negozio ha organizzato, in occasione di EICMA 2017, una serata all’insegna […]

L'articolo Spidi Store Milano spegne la prima candelina proviene da RED Live.

Tesla la tocca piano… presentando a sorpresa, in occasione dell’unveiling dell’atteso camion a batteria, l’erede dell’ormai storica Tesla Roadster. Una vettura che la Casa americana, con grande morigeratezza, non esita a definire “l’auto più veloce del Pianeta”. Una supercar elettrica che, ancora una volta, spiazza la concorrenza promettendo di ridefinire il concetto di performance a zero […]

L'articolo Tesla Roadster: zitti tutti proviene da RED Live.

Dopo la nuova generazione di Trafic SpaceClass, presentata lo scorso ottobre, Renault torna sull’argomento “business” con il lancio della nuova gamma Executive, studiata per rendere sempre più confortevole e ricca di tecnologia la vita a bordo di chi si sposta per lavoro. La Casa della Losanga dota quindi di contenuti premium tre vetture della sua scuderia, […]

L'articolo Gamma Executive, l’allestimento premium di Renault proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download