Google+

Expo. Dello scontro in procura a Milano almeno una cosa è chiara: «I magistrati hanno un potere smisurato»

maggio 14, 2014 Redazione

Nella lotta fra Bruti Liberati e Robledo in scena al Csm, Filippo Facci intravede l’emblema di uno dei problemi più gravi della giustizia, «lo scenario enormemente discrezionale» in cui si muovono i pm

La guerra fra magistrati nella procura di Milano sarà anche difficile da comprendere ai profani della materia, ma una cosa la fa emergere chiaramente agli occhi di chiunque, e cioè «lo scenario enormemente discrezionale» nel quale si muovono le toghe. A scriverlo è Filippo Facci in un commento apparso oggi su Libero. Il giornalista intravede nella lotta fra Alfredo Robledo e il procuratore capo Edmondo Bruti Liberati (da giorni in scena al Csm) l’emblema dell’assenza di limiti del potere dei pm.

BRUTI LIBERATI VS ROBLEDO. L’ultimo capitolo dello scontro fra Bruti Liberati e Robledo sono le accuse che il capo della procura meneghina avanza davanti al Csm. Secondo Bruti Liberati, Robledo ha «determinato un reiterato intralcio alle indagini» su Expo e «posto a grave rischio il segreto delle stesse». Robledo, afferma procuratore capo di Milano, «pur essendo costantemente informato del fatto che era in corso un’attività di pedinamento e controllo su uno degli indagati svolta da personale della polizia giudiziaria, ha disposto analogo servizio delegando ad altra struttura della stessa Guardia di Finanza». Accuse pesanti, sottolinea Facci, «perché intralciare un’indagine sarebbe anche un reato».

ASSENZA DI REGOLE. Più interessante dell’esito della guerra fra i due magistrati, secondo Facci, è ciò che emerge leggendo gli atti del Csm: «Il differenziato profilo che si intravede» fra i due pm. Facci descrive Bruti Liberati, ex presidente di Magistratura democratica (la corrente “di sinistra” dell’Anm), come «uomo d’apparato, di corrente, politicizzato, sensibile agli scenari politici e ai suoi cambiamenti, alle conseguenze delle inchieste che nascono dai suoi uffici: dunque un abile amministratore».
Robledo, invece, Facci lo definisce come un magistrato «più compiaciuto della propria indipendenza sancita dalla Costituzione, più immediato, automatico, quasi precipitoso, convinto che una certa ruvidità faccia parte dei suoi doveri e ufficialmente indifferente alle conseguenze delle sue indagini».
«Entrambi i profili – spiega Facci – se portati all’eccesso, descrivono alla perfezione il periglioso archetipo del magistrato all’italiana». Dallo scontro emerge anche che i pm non si muovono in un territorio dominato da «regole inflessibili e rigide». Al contrario, conclude il giornalista, sono dotati di «un potere smisurato che si può esercitare in un modo o nell’altro».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. beppe scrive:

    e sarebbero …antropologicamente diversi, cioè migliori?

  2. Massimo scrive:

    Lasciamo che il signor Facci dica. La magistratura italiana e la dedizione, indipendenza, perseveranza e amor di patria dei magistrati italiani fanno onore all’Italia, a differenza dello scempio imbarazzante che e’ tipico di tanti politici. Oltretutto, i magistrati italiani lavorano contro l’assurdita’ della facolta’ di tre gradi di giudizio a discrezione dell’imputato, cosa che non esiste in alcun altro paese occidentale e che e’ la causa fondamentale della lunghezza smisurata dei processi; lavorano contro l’assurdita’ della brevissima prescrizione e contro i costanti tentativi dei politici, o per lo meno di alcuni, di alterare lo statuto delle leggi per neutralizzare i propri processi. Ringraziamo il cielo di avere dei magistrati pertinaci e professionali che, pur nelle restrizioni a cui sono sottoposti, si impegnano a che giustizia sia fatta.

    • Giannino Stoppani scrive:

      Caro Massimo, quando in questo sciagurato Paese qualcuno, come te, ci mette così tanto fervore per individuare una categoria intera di santi nel luridume generale a me prude il naso.
      Che faccio, mi gratto?

  3. Pallo scrive:

    E che cavolo sta magistratura che va a perseguire i fautori del “perfetto modello lombardo” …. Quando capiranno che la corruzione li non esiste perche tutto e’ ammantato di purezza “celeste” !!!
    @mariano .. Si scampia e’ meglio …li la compagnia delle opere non “opera” !

    • Giannino Stoppani scrive:

      Se volete un po’ di purezza delle cooperative rosse, oltre a quella che si trova al governo, basta chiedere. Qui in Toscana ce n’è d’avanzo e si farebbe volentieri a cambio.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana