Google+

Con 1513 voti favorevoli e 3 contrari le Falkland restano inglesi

marzo 12, 2013 Redazione

98,8 per cento di schede favorevoli: così l’arcipelago sudamericano dichiara la sua fedeltà a Londra. Dall’Argentina: «Sono britannici, ma il territorio appartiene a noi».

«Volete che le Isole Falkland mantengano il loro attuale status politico di territorio oltremare del Regno Unito?». Così chiedeva il quesito del referendum che si è svolto domenica e lunedì nell’arcipelago britannico al largo delle coste argentine. E la vittoria del sì è stata schiacciante: solo 3 sono state le schede per il “no”, mentre 1513 i voti favorevoli a rimanere con Londra, il 98,8 percento.

CAMERON: «ARGENTINA RISPETTI QUESTA VOLONTÀ». Una vittoria rafforzata da un’affluenza abbastanza alta, 92 percento degli aventi diritto, e che ha spinto il premier David Cameron ad alzare subito la bandiera in festa: «Gli abitanti delle Falkland non avrebbero potuto esprimersi in modo più chiaro, vogliono rimanere britannici. Questa volontà dovrebbe essere rispettata da tutti, compresa l’Argentina». Lo stato sudamericano però non ha perso tempo per dichiararsi ancora fedele alla linea tenuta fino ad ora, come ha spiegato Alicia Castro, ambasciatrice a Londra: «Siamo pienamente e incondizionatamente impegnati a rispettare l’identità e lo stile di vita degli abitanti delle Malvinas come facciamo con i 250 mila discendenti dei britannici che vivono in Argentina. Sono britannici, ma il territorio dove vivono appartiene all’Argentina».

«MESSAGGIO CHIARO». Da una parte la sovranità territoriale, dall’altra l’autodeterminazione del piccolo popolo di quelle isole, che occupano una superficie inferiore a quella del Trentino Alto-Adige. La volontà della gente è stata chiara: il voto ha offerto un’immagine netta, come sottolineato anche Dick Sawle, membro dell’assemblea legislativa dell’isola: «È un risultato davvero fenomenale, che manda il messaggio più forte possibile al resto del mondo sul nostro diritto di autodeterminazione, un diritto per il quale abbiamo combattuto nel 1982 e che stanotte abbiamo onorato. Cioè che è chiaro è che queste isole non sono mai appartenute all’Argentina; e ciò che è ancor più chiaro adesso a me, grazie ai risultati che abbiamo davanti oggi, è che mai lo sarà».
Il voto arriva quasi trent’anni dopo il conflitto militare che contrappose le due nazioni per il controllo appunto di queste isole: era il 2 aprile 1982 quando l’esercito argentino invase l’arcipelago. I due mesi di combattimento lasciarono sul campo 255 soldati di Sua Maestà morti e 650 argentini, che si arresero poi alle armate britanniche, decretandone la vittoria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.