Google+

Con 1513 voti favorevoli e 3 contrari le Falkland restano inglesi

marzo 12, 2013 Redazione

98,8 per cento di schede favorevoli: così l’arcipelago sudamericano dichiara la sua fedeltà a Londra. Dall’Argentina: «Sono britannici, ma il territorio appartiene a noi».

«Volete che le Isole Falkland mantengano il loro attuale status politico di territorio oltremare del Regno Unito?». Così chiedeva il quesito del referendum che si è svolto domenica e lunedì nell’arcipelago britannico al largo delle coste argentine. E la vittoria del sì è stata schiacciante: solo 3 sono state le schede per il “no”, mentre 1513 i voti favorevoli a rimanere con Londra, il 98,8 percento.

CAMERON: «ARGENTINA RISPETTI QUESTA VOLONTÀ». Una vittoria rafforzata da un’affluenza abbastanza alta, 92 percento degli aventi diritto, e che ha spinto il premier David Cameron ad alzare subito la bandiera in festa: «Gli abitanti delle Falkland non avrebbero potuto esprimersi in modo più chiaro, vogliono rimanere britannici. Questa volontà dovrebbe essere rispettata da tutti, compresa l’Argentina». Lo stato sudamericano però non ha perso tempo per dichiararsi ancora fedele alla linea tenuta fino ad ora, come ha spiegato Alicia Castro, ambasciatrice a Londra: «Siamo pienamente e incondizionatamente impegnati a rispettare l’identità e lo stile di vita degli abitanti delle Malvinas come facciamo con i 250 mila discendenti dei britannici che vivono in Argentina. Sono britannici, ma il territorio dove vivono appartiene all’Argentina».

«MESSAGGIO CHIARO». Da una parte la sovranità territoriale, dall’altra l’autodeterminazione del piccolo popolo di quelle isole, che occupano una superficie inferiore a quella del Trentino Alto-Adige. La volontà della gente è stata chiara: il voto ha offerto un’immagine netta, come sottolineato anche Dick Sawle, membro dell’assemblea legislativa dell’isola: «È un risultato davvero fenomenale, che manda il messaggio più forte possibile al resto del mondo sul nostro diritto di autodeterminazione, un diritto per il quale abbiamo combattuto nel 1982 e che stanotte abbiamo onorato. Cioè che è chiaro è che queste isole non sono mai appartenute all’Argentina; e ciò che è ancor più chiaro adesso a me, grazie ai risultati che abbiamo davanti oggi, è che mai lo sarà».
Il voto arriva quasi trent’anni dopo il conflitto militare che contrappose le due nazioni per il controllo appunto di queste isole: era il 2 aprile 1982 quando l’esercito argentino invase l’arcipelago. I due mesi di combattimento lasciarono sul campo 255 soldati di Sua Maestà morti e 650 argentini, che si arresero poi alle armate britanniche, decretandone la vittoria.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Dopo quattro anni, la SUV americana si rinnova a Detroit. E lo fa con un look rivisto, tanta tecnologia e nuovi angeli custodi elettronici. Top di gamma la specialistica Trailhawk

L'articolo Jeep Cherokee 2018, il restyling debutta a Detroit proviene da RED Live.

Con un look esclusivo e sospensioni più raffinate la Yamaha MT-09 SP va a porsi al vertice della gamma della hyper naked tricilindrica di Iwata. Il suo prezzo è di 10.190 euro f.c.

L'articolo Prova Yamaha MT-09 SP proviene da RED Live.

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download