Google+

Caso marò, sui capi d’accusa la decisione spetta al procuratore generale indiano

novembre 29, 2013 Chiara Rizzo

Smentita ieri la notizia della richiesta della pena di morte dei due fucilieri italiani, che ha creato un corto circuito diplomatico tra Italia e India. La polizia Nia chiede un parere al General Attorney di New Delhi

Che la situazione per i due marò Salvatore Girone e Massimiliano Latorre sia ancora oggi estremamente delicata e in bilico lo dimostra il fatto che ieri è bastata l’indiscrezione pubblicata da un quotidiano indiano, l’Hindustan Times, per creare un caso diplomatico tra i due Paesi, con le ambasciate e i ministri dell’uno e dell’altro stato preoccupati di smentire la notizia. La tensione è rimasta però palpabile.

CORTO CIRCUITO DIPLOMATICO. Si possono rileggere meglio i fatti accaduti nel corso della giornata di ieri: l’Hinustan Times aveva pubblicato un’indiscrezione secondo la quale la polizia indiana che sta seguendo il caso dell’omicidio dei due pescatori di cui sono accusati i marò, la Nia (National investigation agency) ha presentato un rapporto conclusivo al ministero dell’Interno indiano, nel quale chiede di applicare una norma del codice indiano introdotta nel 2002, che prevede per chi causa la morte in pare, la pena di morte. Ma, sul ministero dell’Interno indiano, fa fortissime pressioni quello degli Esteri, che ha promesso – davanti alla stampa mondiale – al governo italiano che non vi sarebbero state condanne capitali per i marò. Ieri il ministro degli Esteri Emma Bonino ha subito smentito la notizia del quotidiano, chiarendo anzi che «È già stata smentita» dal Governo (cosa in effetti avvenuta nel corso di una conferenza stampa a New Delhi, per bocca del portavoce del Governo).

GLI ULTIMI SVILUPPI. Oggi il quotidiano The Economic Times, che cita fonti interne al governo, riferisce (e così confermano anche alcuni quotidiani indiani) che in realtà la Nia, proprio in virtù delle assicurazioni date dal governo indiano a quello italiano, vuole chiedere un parere legale alla Procura generale. In ogni caso la richiesta della Nia, che ha messo sicuramente in imbarazzo e difficoltà il ministero dell’Interno indiano: adesso la decisione è stata scaricata sul General attorney che darà un parere decisivo su quelli che comunque sono i capi d’accusa. La decisione finale spetterà ovviamente ai giudici del tribunale indiano.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana