Google+

Caso Del Turco, rinviato a giudizio il grande accusatore Angelini

dicembre 12, 2011 Redazione

L’imprenditore Vincenzo Angelini è finito alla sbarra per il crac da 220 milioni di euro del suo gruppo Villa Pini. Angelini aveva raccontato a Pescara dei traffici di Del Turco e della sua giunta, provocandone la prematura caduta nel 2008. Perché i pm di Pescara sono stati incapaci di scoprire ciò che è risultato evidente ai loro colleghi di Chieti?

“Crolla il bluff dell’accusatore di Ottaviano Del Turco“, così titola oggi il Giornale, che, a firma del corrispondente Gian Marco Chiocci, pubblica un articolo in cui rivela che «il grande accusatore dell’ex governatore abruzzese è stato rinviato a giudizio dal gup Di Geronimo per bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale».
Scrive Chiocci che l’imprenditore Vincenzo Angelini è finito alla sbarra a Chieti per il crac da 220 milioni di euro del suo gruppo Villa Pini. Angelini aveva raccontato a Pescara dei traffici di Del Turco e della sua giunta, provocandone la prematura caduta nel 2008. Creduto sulla parola – i soldi  non furono mai trovati dopo numerosi accertamenti patrimoniali e bancari –, Angelini si trova oggi a passare dalla parte “sbagliata” della storia, con un rinvio a giudizio che ne mina fortemente la credibilità.

Nell’articolo del Giornale si dà conto delle “spese pazze” di Angelini con «premi in nero «conferiti a primari e impiegati delle cliniche, agli acquisti di opere d’arte, alla mania per gli acquisti che lo stesso ammise in un interrogatorio boomerang a Pescara dove confessò di aver comprato un dipinto del Tiziano coi quattrini del Gruppo: “Lo sanno tutti, anche in Tibet, che ho le mani bucate”».

Chiocci conclude l’articolo con una domanda: «Posto che non esiste alcun riscontro sulle mazzette ai politici, perché i pm di Pescara hanno evitato ostinatamente di chiedersi ciò a cui i colleghi di Chieti sono riusciti a darsi anche una mezza risposta, e cioè se tante volte, Angelini, avesse millantato il ricorso alle tangenti per nascondere lo shopping compulsivo concausa della bancarotta?»

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.