Google+

Brexit, profughi e ora Grexit. L’estate dell’Unione Europea sarà molto difficile

aprile 28, 2016 Redazione

Entro luglio Atene avrà le casse vuote, ma deve rimborsare miliardi di prestiti. Lo sblocco di una nuova tranche di aiuti è ancora lontano

La telenovela greca è ricominciata e con essa le minacce di Grexit che hanno infiammato l’Europa l’anno scorso. Atene non è riuscita a trovare un accordo con i suoi creditori (Fondo monetario internazionale, Meccanismo europeo di stabilità e Banca centrale europea) per lo sblocco di una terza tranche di aiuti all’interno del piano di salvataggio da 86 miliardi concordato la scorsa estate.

3,5 MILIARDI. All’inizio di luglio la Grecia dovrà restituire 3,5 miliardi di euro alla Bce e per farlo ha bisogno di nuovi prestiti. L’intesa doveva essere raggiunta entro l’1 maggio, ma l’obiettivo è ormai un miraggio e il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, ha annunciato che la riunione prevista per il 28 aprile è saltata.

PREVISIONI INAFFIDABILI. Le nuove tensioni, secondo Le Monde, sono dovute al Fondo monetario internazionale, che non si fida più degli obiettivi che il governo di Alexis Tsipras dovrebbe raggiungere. Il premier greco sostiene di aver rispettato i patti, mettendo in cantiere una riforma che prevede tre miliardi di euro di tagli tra riforma fiscale e riforma delle pensioni. Secondo le previsioni, così Atene dovrebbe ottenere un avanzo primario del 3,5% nel 2018.

NUOVI TAGLI. Ora Washington ritiene che siano necessari tagli per altri tre miliardi, pari al 2% del Pil e la Grecia non ci sta. Tsipras l’ha buttato sul tecnico: le leggi elleniche non permettono di approvare clausole di salvaguardia da attivare automaticamente in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi (come ha fatto l’Italia, ad esempio). La spiegazione non ha convinto la Germania e la situazione è tornata in stallo. C’è da aspettarsi un nuovo tira e molla estivo. Come in molti avevano previsto, l’accordo dell’anno scorso non ha affatto risolto il problema greco. L’ha solo rimandato. Ma ora la situazione è peggiorata: perché in estate ci sarà anche il referendum sulla Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea, senza contare l’ondata di immigrati che investirà le coste italiane. Una nuova bufera sembra avvicinarsi sulla tenuta dell’Ue.

Foto Ansa/Ap


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. recarlos79 says:

    il referendum servirà per strappare all’unione europea migliori condizioni per l’inghilterra. vogliono tutti i vantaggi e lasciano agli altri i problemi.

    • Filippo81 says:

      Infatti recarlos,come al solito i “paraculetti” governi inglesi vogliono gli onori ma non gli oneri.Del resto non fanno anche altro che biasimare l’euro e l’eurozona, però hanno un numero di azioni bce superiori a quelle dell’Italia.Fessi gli altri governi europei che si calano sempre le brache dinanzi ai ministri di sua maestà ! Non adotteranno mai l’euro(condivisibile) ma partecipano ai robustissimi utili bce !

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

Al volante della SUV “low cost” che migliora nei contenuti e nella guida mantenendo invariato il prezzo. Dacia ha vinto di nuovo la scommessa e ora offre una Duster più appetibile che mai

L'articolo Prova Dacia Duster 2018 proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download