Google+

Boni verso l’archiviazione. Cattaneo al Consiglio Regionale lombardo: distinguere sempre tra accusa e condanna

marzo 4, 2014 Redazione

Il presidente del Consiglio regionale lombardo, in apertura di seduta, ha espresso «vicinanza e amicizia a Davide Boni», a commento della richiesta dei pm di Milano di archiviare le indagini sull’ex consigliere leghista

Il presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, ha espresso in apertura di seduta un messaggio di «vicinanza e amicizia a Davide Boni». Il consigliere leghista, e predecessore di Cattaneo alla presidenza, nel marzo 2012 era stato raggiunto da un avviso di garanzia. Del fatto che per Boni i pm hanno chiesto l’archiviazione, ne hanno dato conto i media in questi giorni. Cattaneo ha voluto commentare la notizia davanti all’assemblea.

NON AVERE FRETTA NEL GIUDICARE.
«Boni – ha spiegato Cattaneo – è stato per molto tempo consigliere regionale in questa aula ed anche presidente del Consiglio regionale», prima di essere «oggetto di un’accusa che per molto tempo lo ha colpito, costringendolo ad abbandonare il suo ruolo istituzionale e la vita politica attiva». Ora che «i pubblici ministeri hanno chiesta l’archiviazione dalle accuse infamanti che lo riguardavano», resta fermo l’invito, per Cattaneo, «a riflettere sulla necessità di mantenere sempre distinzione tra accusa e condanna». Per questo Cattaneo ha chiesto di rivolgergli «un ricordo affettuoso e un pensiero amichevole anche a discolpa di una responsabilità comune che abbiamo nell’essere troppo spesso frettolosi nei giudizi».

LA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE.  «Gli accertamenti disposti hanno fornito riscontri, nella maggior parte dei casi, inconciliabili con i fatti esposti». Con questa formula la Procura di Milano ha chiesto l’archiviazione Boni. L’ex presidente del consiglio regionale lombardo sta però ancora aspettando che l’indagine allo studio del gip Manuela Scudieri, composta di ben quindici faldoni, venga definitivamente giudicata.
In una intervista a tempi.it, Boni ha spiegato che le accuse di corruzione nei suoi confronti sono molto pesanti, ma che l’imponente inchiesta non è arrivata, secondo i pm, a trovare la «prova provata» che sia in grado di essere sostenuta al processo. Boni ha ricordato a tempi.it la campagna mediatica orchestrata contro di lui e di essere stato «una notizia per quindici giorni su ogni giornale e tg italiano». A causa dell’indagine, ha detto Boni, «c’era stato un calo di consensi dello 0,5 per cento per la Lega».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Terrùn says:

    Se Boni, se la deve prendere con qualcuno, questo è Maroni (amico dei magistrati) che con la sua ramazza ha messo fuori gioco lui e tutta la giunta regionale lombarda per poter prendere il potere con il 4%.
    E se questo non bastasse l’attuale presidente Maroni si è posto come regione Lombardia parte civile nel processo a carico del ex governatore Formigoni.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Permette di registrare tragitti, monitorare lo stato del manto stradale, analizzare e condividere con altri appassionati informazioni e dati. Si scarica gratuitamente da Apple Store e Google Play

L'articolo Sicurezza in moto? Arriva Moto App proviene da RED Live.

La coupé dei quattro anelli festeggia il compleanno con un restyling lieve, che porta in dote più potenza e una dotazione arricchita

L'articolo Audi TT 2018, il restyling per i 20 anni proviene da RED Live.

La Renault Scenic porta al debutto la nuova motorizzazione 1.3 Tce in configurazione da 140 e 160 cv. Un quattro cilindri Tutbo benzina molto evoluto che vuole fare le scarpe al Diesel

L'articolo Prova Renault Scenic 1.3 TCe 140 e 160 cv proviene da RED Live.

Assieme ad ABS ed ESP, il sistema di controllo elettronico della trazione è un cardine dei sistemi di sicurezza montati sulla vostra auto. Nel caso non lo sappiate, è un dispositivo elettronico in grado di rendervi le cose più semplici quando la strada è scivolosa. Scopriamolo assieme

L'articolo ASR, cos’è e come funziona il controllo di trazione delle auto proviene da RED Live.

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.