Google+

Ancora cinese. Ancora Milano. Ancora ottimo

ottobre 12, 2014 Tommaso Farina

dim-sum-cineseEvvai, ci siamo ricascati. Nella voglia di dimostrare che la cucina cinese è vittima di pregiudizi che si giustificano unicamente con il cattivo modo di lavorare di certi ristoratori, siamo incappati in un ristorante cinese tra i più buoni e belli di Milano. Laddove anni fa operava il discreto ristorante giapponese Kyoto, da poco tempo gli stessi padroni del Bon Wei (già recensito da Tempi lo scorso anno) hanno aperto Dim Sum. Un nome ch’è tutto un programma anche culinario: il dim sum, nella tradizione della cucina cantonese, è una successione di piccole portate (come gli arcinoti ravioli) che si mangiano dalla mattina a mezzogiorno. E qui il dim sum ha la sua consacrazione, anche se naturalmente le stesse cose si servono anche alla sera.

L’ambiente è moderno, lussuoso, con sedie di una comodità rara e l’assistenza di un premuroso servizio curato da belle ragazze cinesi.

E che si mangia? Anzitutto, la sventagliata di dim sum. Di ravioli, ce n’è a iosa: ci sono i classici di carne al vapore e alla griglia, ma è solo l’inizio, visto che sono previsti anche ravioli di alghe, o di cappesante al vapore (delicatissimi), o ancora i pechinesi piccanti. Poi, ci sono anche altre chicche: i panzerotti (come dei panini morbidi ripieni al vapore) con prosciutto di maiale cotto col miele; il tortino di rapa bianca; il taro, una particolare radice che in Cina si mangia ai pranzi di nozze. Questi assaggini costano circa dai 4 ai 9 euro ciascuno, a seconda del pregio degl’ingredienti.

Potete farvi un pranzo tutto così, o assaggiare anche i piatti forti, come l’anatra con salsa di prugne; il manzo croccante; il pollo alla frutta; il branzino fritto con zenzero; i germogli di soia saltati con baccalà. Per accompagnamento, tutta una serie di risi saltati. Ben curato il reparto bevande, persino sui vini. Calcolate una spesa maggiore del solito: circa 40-50 euro per un po’ di dim sum e un piatto. La cucina, in ogni caso, è di una pulizia e nitidezza di sapori che lascia incantati. Non il solito cinese.

Per informazioni
Dim Sum
www.dim-sum.it
Via Nino Bixio, 29 (ang. via Pisacane)
Milano
Tel. 0229522821
Chiuso il lunedì

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Un nome importante e un'eredità pesante, ma la Zaskar fa onore a entrambi e può essere considerata un riferimento per quella nuova classe di bici che reinterpretano il cross country

Rivoluzione in casa Corvette. L’ottava generazione della sportiva americana potrà contare sulla collocazione centrale anziché anteriore del motore e adotterà un V8 da almeno 650 cv. La nuova scocca dovrebbe restare fedele all’alluminio.

È la prima Bentley della storia alimentata a gasolio, oltre che la più “economica” a listino. Sotto il cofano della hyperSUV inglese pulsa il V8 4.0 TDI di derivazione Audi SQ7, forte di 435 cv e 900 Nm di coppia. Scatta da 0 a 100 km/h in 4,8 secondi.

Quali sono, quanto costano, come sono fatti, in che misure sono disponibili e che prestazioni promettono i migliori pneumatici invernali sul mercato; ecco una guida completa.

È la variante sovralimentata della nota GTC 4 Lusso, con la quale condivide le quattro ruote sterzanti. Le 4WD del modello originale cedono il posto alla trazione posteriore. Mutua da California T e 488 GTB il V8 3.9 biturbo, proposto nello step da 610 cv.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana