Google+

Pensate che il cibo cinese non possa essere raffinato? Fate un giro da Bon Wei, a Milano, e cambierete idea

agosto 18, 2013 Tommaso Farina

La cucina cinese: una delle più grasse al mondo, dicono. Ed è vero. Il culto del fritto e delle salse è palpabile in vaste parti della Cina, al netto delle immense differenze culinarie in seno a un paese che copre svariati fusi orari. E in Occidente, da noi, abbiamo imbastardito la cucina orientale in varie modalità, ma sempre ne abbiamo preservato la grassezza. Perché non provare dunque un approccio diverso ai soliti piatti, riscoprendo sapori nitidi e non sempre ingombranti come credevamo? Pochi anni fa, a Milano, ha aperto Bon Wei: uno di quei ristoranti cinesi chiamati “new wave”, ossia moderni, volti a cogliere il mondo culinario del Celeste Impero dal suo lato più raffinato.

L’ambiente è pulito, fresco, accogliente, senza le rusticità da bettola in via Sarpi ma anche senza il folclore opprimente in uso altrove. Addirittura, il patron porge una carta dei vini oltremodo ricca e stimolante, roba che in un “cinese” non è proprio usuale. Un po’ più alti del solito anche i prezzi: circa 50 euro a testa, mangiando parecchio. Ma la differenza si coglie, sia a livello di elaborazione che di materia prima. Gli involtini primavera non ci sono, o almeno non sembra. Ma i “Fior d’involtini”, ripieni di frutti di mare e castagne d’acqua, sono talmente leggeri, croccanti e buoni da conquistare. Anche planando sui set di ravioli, solitamente trionfo di luogo comune gustativo, si rimane ammirati dalla sapienza di realizzazione: il raviolo al vapore diventa dunque qualcosa di piacevolmente inconsueto. Il manzo al pepe nero vi incanterà: filetto pregiatissimo, di una morbidezza inenarrabile, appena appena scottato, immerso non in una micidiale salsa ma in un condimento speziato, con tutti i sapori ordinati, intriganti. Stesso discorso per i calamari alla soia nera, nient’affatto ricettacolo di pesciaccio di quart’ordine ma, al contrario, sinfonia di magici profumi. Ma anche tutto il resto è così. È un posto ove portarci il vecchio zio scettico su una cucina per lui estranea. Vi divertirete.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Ridisegnata nei dettagli e capace di offrire un allestimento più ricco, la Ford Ecosport sta riuscendo a ritagliarsi una fetta importante del mercato SUV. Il motore TDCi da 100 cv è il cuore giusto per lei? Scopriamolo in questa prova

L'articolo Prova Ford Ecosport 2018 <br> il bello della concretezza proviene da RED Live.

Nasce sulla base del Crafter e promette praticità e abitabilità da camper. A fine agosto ne sapremo di più

L'articolo Volkswagen Grand California, perché la vita è un viaggio proviene da RED Live.

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.