Google+

Qui si viene per i ravioli cinesi, ma quelli veri

giugno 21, 2015 Tommaso Farina

lon-fon-milano-foto-tommaso-farina-1

Pubblichiamo la rubrica di Tommaso Farina contenuta nel numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Quando si diventa pratici di cibo cinese, anzi cantonese, si impara a riconoscere i ristoranti che lavorano bene e quelli che cucinano a spanne. La spia? I ravioli, quelli al vapore del cosiddetto “dim sum”, un vero e proprio rito dell’Oriente. I ristoranti che si servono di ravioli al vapore congelati e presi all’ingrosso li beccate subito: i medesimi ravioli sono grossi, cascanti, poco invitanti, col ripieno che sgronda gocce di liquido scuro e un sapore pesante e sgarbato.

Per andare da chi li prepara veramente in proprio, fate un salto da Lon Fon, a Milano: vi ci abbiamo guidato nel lontano 2011, ma in realtà l’abbiamo fatta da furbi, perché ci siamo stati molte altre volte.

Alla guida, sempre la soave Rita, hongkonghese trapiantata a Milano da secoli, con le sue figliole. Tra loro, Pui, in sala, sta per diventare mamma: auguri.

A tavola, in un ambiente senza fronzoli ma moderno e riposante, il meglio della cucina cantonese, con in più qualche piatto pechinese, di Sichuan e di altre parti della Cina. Qui si viene per i ravioli: di carne, di gamberi, di granchio (Ha Kau, si chiamano), al vapore, alla piastra, ai quattro colori. Tutti magnifici. Una menzione per i “ravioli speciali all’acqua”, ripieni di carne ed erbe, e bagnati (poco) con il brodo: davvero imperdibili. Ma è buono anche il crostino ai gamberi, nonché l’abusato involtino primavera.

lon-fon-milano-foto-tommaso-farina-2Poi, tutta una serie di zuppe e di piatti come il galletto croccante piccante e il manzo piccante alla maniera di Sichuan (fritto due volte con la cosiddetta “frittura asciutta”, poi condito con verdure e col peperoncino che nel Sichuan non manca mai, anche se qui è dosato con meno generosità), la pancetta di maiale brasata, l’eccellente anitra alla pechinese.

Per chiudere, frutta fritta o dolce di soia. Potreste pure bere qualche buon vino, la scelta non è inesistente.

Il conto? Ai cinesi dipende da quanto si mangia. Per 5-6 piatti calcolate circa 40 euro. Siamo ancora ad alti livelli.

Per informazioni
Lon Fon
Via Lazzaretto, 10 – Milano
Tel. 0229405153
Chiuso mercoledì


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La seconda generazione della berlina ibrida plug-in nipponica percorre 100 km con un litro di benzina e sino a 50 km in modalità elettrica complice la ricarica solare al tetto. Confermato il powertrain ibrido da 122 cv. La batteria si ricarica in poco più di 3 ore.

Il design richiama elementi cari sia alle sportive BMW sia alle vetture maggiormente votate all’off road. La concept bavarese anticipa una nuova SUV coupé derivata da X1 che entrerà in produzione nel corso del 2017.

Ecco le nostre proposte per un fine settimana a pedali, a motore ma non solo. Se non sapete cosa fare date un'occhiata, se sapete già cosa fare potremmo farvi cambiare idea...

In casa Nissan si volta pagina: la Micra attuale va in pensione e lascia spazio a un nuovo modello molto più filante e sportivo che debutta a Parigi. Tre i motori a catalogo, due a benzina e uno diesel.

La nuova generazione della media sportiva nipponica può contare su di un’estetica estrema, degna di un tuner. Confermata la trazione anteriore, mentre il 2.0 turbo benzina potrebbe passare da 310 a 330 cv. Nelle concessionarie nella seconda metà del 2017.

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana