Google+

La donna è capofila anche senza quote rosa

maggio 19, 2014 Annalisa Teggi

«Donna, se’ tanto grande e tanto vali,/ che qual vuol grazia e a te non ricorre,/ sua disïanza vuol volar sanz’ali» (Paradiso, canto 33)

Spazio alle donne, si dice. Qualcuno lo dimostra candidando le signore a capo delle liste per le elezioni europee. Ma da sempre qualcun altro ha indicato nella Donna una capofila, recitando il rosario più che invocando le «quote rosa». E maggio è il mese per eccellenza della Vergine Madre e la si celebra con quella forma di preghiera che riflette sui Misteri e ripete l’Ave Maria. Un gesto attuale, non un rito polveroso. Un bravo giornalista come Giovannino Guareschi, che girava in bicicletta per la Bassa emiliana, parlava del suo mestiere definendolo «il solito eterno rosario della cronaca, che io anche stavolta andrò lentamente sgranando cantando vita e miracoli d’ogni chicco».

Non è assurdo fondere rosario e cronaca, cioè vedere nelle preghiere alla Madonna un quadro del mondo, più compiuto di quello che leggiamo sui giornali: ogni chicco di realtà è più una litania che un colpo di scena, ci si scontra costantemente con le solite cose, eppure anche con l’imprevedibile; tutto è sempre uguale e tutto resta così inafferrabile nel bene e nel male… mistero doloroso, mistero gaudioso, mistero luminoso, mistero glorioso. Compio dunque l’azzardo di fare quest’esercizio: recito il rosario dei giorni che mi sono passati per mano, abbozzo l’idea che sarebbe bello ricordarsi più spesso che la nostra storia umana è una processione che sta al passo di una Madre.

Parto dalla cronaca domestica. Puntualmente a maggio, la rosa è fiorita nel mio piccolo ritaglio d’erba; tra trifogli, margherite e mughetti, lei è senza dubbio la regina del giardino, eppure è sotto perenne attacco di afidi, oidio, cocciniglia: è una regalità insidiata, come una corona di spine. Rosa Mystica. Ecco, arrivano a casa i figli da scuola e hanno preparato il loro regalo per la festa della mamma. Loro sono così, disobbediscono e sbuffano, eppure stanno cocciutamente aggrappati all’affetto che gli dai. Mater amabilis.

nigeria-ragazze-rapite-boko-haram1Sposto lo sguardo alla cronaca nazionale. A Ugnano una prostituta è stata uccisa e crocifissa; l’assassino ha confessato e gli inquirenti l’hanno definito l’uomo della porta accanto. Qualunque grido, quello strozzato della vittima e quello bestemmiato del carnefice, non si ferma sulla terra, perché ha bisogno del cielo. Ianua coeli. Sulle coste della Sicilia sono sbarcati più di 2.000 migranti: siriani, somali, etiopi, eritrei e nigeriani, bambini, cadaveri, donne gravide. Senza casa, sono in fondo specchio del bisogno anche nostro di un porto, di una dimora stabile, che accolga e sani i dubbi, i rancori, le ferite. Domus Aurea.

Da oltre confine arriva voce di altre storie. Quasi 300 ragazzine nigeriane sono state rapite da scuola dagli islamisti di Boko Haram. Il mondo del web alza la voce, bene; eppure resta straziante pensare al terrore di giovani vite trattate da bestie e all’angoscia delle loro famiglie. Consolatrix afflictorum. Dalla Siria e dall’Ucraina giunge un triste bollettino di guerra, che noi possiamo solo intuire dietro l’eco di frasi fatte: «Attacco nella notte», «nuove esplosioni», «circa 30 le vittime dell’ultimo attentato». Regina pacis. Per tutto questo, e per ciò che Tu sola vedi, ora pro nobis.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.

4 Commenti

  1. titt scrive:

    la donna non e’ per niente capofila in questo paese maschilista e maschilista e maschilista.
    certo che pensare di ottenere una parte obbligando gli altri a dartela e’ la cosa piu sciocca einsignificante che esiste.
    praticamente togli la cosa piu bella che e’ la sfida e la competizione.
    le auote rosa sono il contentino che non dovrmmo accettare, mettiamo piuttosto degli obiettivi, facciamo delle gare e che vinca il migliore o la migliore .

    • Mirko scrive:

      Maschilista al massimo sarà l’arabia saudita, certo non l’Italia e l’occidente tutto, stretto in una morsa politically correct che sta uccidendo la virilità, rifiutando un modello che dall’alba dei tempi ha plasmato la nostra società, finora con successo direi. La guida dei padri non è più riconosciuta, esautorati dalla legge che dà priorità alle madri. Nei rapporti uomo-donna di fronte ad un tribunale, quest’ultima gode di un favor che è pure riconosciuto dalla giurisprudenza, come se le accuse dell donne fossero intrinsecamente più credibili degli uomini.
      E per fortuna è un paese maschilista!

      • Giulio Dante Guerra scrive:

        Il mondo, specie quello del lavoro molto qualificato, non si divide in maschi e femmine, ma in competenti e incompetenti, indipendentemente dal sesso. Se poi, specie nel settore pubblico, i, e le, capaci e competenti fanno, spesso, meno carriera, non è certo una questione di sesso: la categoria “furbastri e intrallazzoni” – quelli/e che fanno carriera più degli altri/e – è egualmente distribuita fra uomini e donne. Lo dice uno che ha fatto ricerca scientifica nel CNR – ma dentro un dipartimento universitario – per più di otto lustri. E ha visto i modi, diciamo così, “poco corretti”, usati, indifferentemente da uomini e donne, per fare carriera.

      • Titt scrive:

        Ciao
        Andiamo in posti tipo la svezia o la danimarca e poi mi ditai se crwdi ancora che l italia non sia maschilista.
        Rispetto all quaestio tribunale hai ragione non e’ per niente giusto.
        Andrebbe cambiata subito ma easendo un privilegio bello e bupno mi sa che molte faranno una guerra

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

La Casa tedesca dedica un inedito pacchetto high performance alla SUV Q3. A un aspetto decisamente aggressivo si accompagnano cerchi in lega da 19 pollici e sospensioni sportive S Line. Aggiornamenti per le versioni Sport, Design ed S Line Exterior.

La seconda generazione della crossover coreana beneficia di lievi ritocchi estetici e di un moderno sistema d’infotainment. Debutta il 1.6 turbo benzina da 204 cv di derivazione Pro_cee’d 1.6 T-GDi GT.

Look pistaiolo e dotazione particolarmente ricca per l'ultima versione della supercar nipponica, che entra in listino a 118.900 euro. Le consegne inizieranno a novembre

La concept nipponica anticipa una SUV a tre porte dal design aggressivo, ispirata concettualmente alla prima generazione a passo corto della Toyota Rav4. A soluzioni avveniristiche in abitacolo si affianca un powertrain ibrido.

Al Mondial de l'Automobile debutta la nuova Suzuki Ignis 2017. È una specie di mini Suv che sfida a viso aperto la Fiat Panda 4x4. Arriverà all'inizio del prossimo anno

banner Mailup
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana