Google+

Il manifesto del rivoluzionario. Non si può sempre avere la macchina sfasciata e il meccanico ubriaco

gennaio 30, 2013

La campagna elettorale m’annoia. Non ci sono effetti speciali. Non ci sono grandi idee. Lo scenario non è memorabile. Non si scontrano Andreotti, Craxi e Berlinguer. Diciamo che non è una finale di Champions League. O meglio. La posta in gioco è alta. Altissima. Ma i contendenti, ahimè, paiono poca roba.
Eppure, per quanto poco interessino i giocatori, siamo tutti qui a discutere di politica. Tutti. Anche il più pirla dei miei amici parla di politica. Quello che tutto l’anno parla solo di calcio, ecco, ora parla di politica. E fa bene. Perché sa (anche se inconsciamente) che la politica non è una cosa da lasciare ai professionisti. La politica ci riguarda. Mi riguarda. Perché la politica per sua natura è la decisione di come vorremmo stare. Di dove vorremmo andare. E del perché è meglio andar in un posto invece che in un altro.

Ma quando parliamo di politica, noi parliamo soltanto di debito, di efficienza dello Stato, delle aziende, dei tassi di interesse, delle scuole. Che sono cose fondamentali, soprattutto in Italia. Perché l’Italia, si sa, con l’efficienza non si è mai voluta sposare. Come se fosse arrivato un Don Rodrigo qualsiasi e abbia detto: “Italia, il tuo matrimonio con l’efficienza non s’ha da fare”. E sono stati tutti Bravi (manzonianamente) ad ubbidire a questa indicazione. L’Italia è per sua natura il Paese dell’inefficienza. Non perché se lo merita. Ma perché così è. Non se lo merita ma è. E quindi in fondo un po’ se lo merita anche.

E sarebbe bello se cominciasse la politica a mettere in ordine uno Stato. Non si può sempre avere la macchina sfasciata e il meccanico ubriaco. Prima o poi o butti la macchina o te la prendi col meccanico. E in Italia ce la prendiamo sempre e solo col meccanico. Giustamente. Senza mai mettere in discussione la macchina.

Ma per fare uno Stato efficiente, un welfare fantastico, una sanità senza conti in rosso, non si può prescindere da un ordine culturale (e quindi sociale) che sia all’altezza. Lo Stato, la scuola, la sanità sono creati per farci vivere meglio. Più a lungo. La prima condizione del vivere meglio, del vivere da uomini, è rispettare un contesto umano e sociale che sia tale. Smantellare la famiglia, o confonderla con ciò che famiglia non è (e che comunque va rispettato e non apostrofato), mette in crisi il primo aspetto della società. La famiglia, come diceva quel grande sociologo che è Levi-Strauss, è il nucleo fondante. Non da pratica religiosa. Non perché lo abbia detto un profeta o un maya qualunque. Perché è nell’ordine delle cose. Ed  è solo nell’ordine delle cose che si può costruire il futuro. Uno Stato efficiente che dimentichi questa precondizione diventa violento. Come violenti e beceri sono gli Stati tecnicamente efficienti ma che non hanno questo rispetto naturale. In alcuni Paesi dell’Europa il welfare è fantastico, nessuno ha bisogno di nulla. Eppure i suicidi aumentano. Perché? Perché senza un rispetto amoroso della natura umana, la tecnica, il servizio, l’efficienza diventano avvoltoi. In una società umana invece l’efficienza diventa il compimento conseguente dell’ordine naturale. Ma se non c’è l’ordine naturale non ci sarà mai un ordine tecnicamente efficiente. La prima è una condizione necessaria.

A queste elezioni, alle nostre discussioni, il mio Manifesto non è per un partito. È per un rispetto amoroso della natura. Delle cose. Di rivoluzionario c’è solo questo al mondo. Il resto è un bluff.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Audi accelera sulla strada dell’elettrificazione della gamma. Dopo la presentazione della nuova A8, proposta al lancio nelle configurazioni V6 3.0 TFSI e TDI “mild hybrid”, vale a dire con impianto elettrico a 48 volt, ora anche le famiglie A4 e A5 beneficiano d’inedite motorizzazioni mHEV che portano in dote tutti i vantaggi fiscali e di […]

L'articolo Audi A4 e A5, è tempo di micro ibrido proviene da RED Live.

Arriva in gruppo tra gli ultimi, guarda tutti dritto negli occhi, mostra i muscoli e fa subito la voce grossa. E no, non è un bullo. Parliamo, piuttosto, della SUV Volkswagen T-Roc. Destinata a scendere in lizza nel segmento di mercato più frizzante, combattuto e attraente del momento, vale a dire quello delle sport utility […]

L'articolo Prova Volkswagen T-Roc proviene da RED Live.

In KTM hanno le idee chiare: il futuro della mobilità è elettrico. Ecco perché la nuova KTM Freeride E-XC, rinnovata da cima a fondo, è solamente un punto di partenza

L'articolo KTM Freeride E-XC, l’enduro green proviene da RED Live.

Prima erano una cosa sola. Ora sono divise. O meglio, in futuro avranno specializzazioni e target diversi. Volvo e Polestar, quest’ultima sino a ieri divisione ad alte prestazioni del brand svedese, si sono separate e vivranno di luce propria. Polestar, oltretutto, cambierà pelle, passando dall’elaborazione ufficiale dei modelli della Casa nordica alla realizzazione di vetture […]

L'articolo Polestar 1: il nuovo mondo proviene da RED Live.

Il progetto Émonda è nato per dimostrare che Trek era non solo in grado di costruire la bicicletta di serie più leggera al mondo, ma di renderla anche capace di offrire elevate performance. I confini della ricerca sembrano essere fatti perché li si possa superare e ciò che è successo con il MY 2018 lo dimostra: […]

L'articolo Nuova Trek Émonda 2018, la leggerezza non ha limiti proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download