Google+

Il manifesto del rivoluzionario. Non si può sempre avere la macchina sfasciata e il meccanico ubriaco

gennaio 30, 2013

La campagna elettorale m’annoia. Non ci sono effetti speciali. Non ci sono grandi idee. Lo scenario non è memorabile. Non si scontrano Andreotti, Craxi e Berlinguer. Diciamo che non è una finale di Champions League. O meglio. La posta in gioco è alta. Altissima. Ma i contendenti, ahimè, paiono poca roba.
Eppure, per quanto poco interessino i giocatori, siamo tutti qui a discutere di politica. Tutti. Anche il più pirla dei miei amici parla di politica. Quello che tutto l’anno parla solo di calcio, ecco, ora parla di politica. E fa bene. Perché sa (anche se inconsciamente) che la politica non è una cosa da lasciare ai professionisti. La politica ci riguarda. Mi riguarda. Perché la politica per sua natura è la decisione di come vorremmo stare. Di dove vorremmo andare. E del perché è meglio andar in un posto invece che in un altro.

Ma quando parliamo di politica, noi parliamo soltanto di debito, di efficienza dello Stato, delle aziende, dei tassi di interesse, delle scuole. Che sono cose fondamentali, soprattutto in Italia. Perché l’Italia, si sa, con l’efficienza non si è mai voluta sposare. Come se fosse arrivato un Don Rodrigo qualsiasi e abbia detto: “Italia, il tuo matrimonio con l’efficienza non s’ha da fare”. E sono stati tutti Bravi (manzonianamente) ad ubbidire a questa indicazione. L’Italia è per sua natura il Paese dell’inefficienza. Non perché se lo merita. Ma perché così è. Non se lo merita ma è. E quindi in fondo un po’ se lo merita anche.

E sarebbe bello se cominciasse la politica a mettere in ordine uno Stato. Non si può sempre avere la macchina sfasciata e il meccanico ubriaco. Prima o poi o butti la macchina o te la prendi col meccanico. E in Italia ce la prendiamo sempre e solo col meccanico. Giustamente. Senza mai mettere in discussione la macchina.

Ma per fare uno Stato efficiente, un welfare fantastico, una sanità senza conti in rosso, non si può prescindere da un ordine culturale (e quindi sociale) che sia all’altezza. Lo Stato, la scuola, la sanità sono creati per farci vivere meglio. Più a lungo. La prima condizione del vivere meglio, del vivere da uomini, è rispettare un contesto umano e sociale che sia tale. Smantellare la famiglia, o confonderla con ciò che famiglia non è (e che comunque va rispettato e non apostrofato), mette in crisi il primo aspetto della società. La famiglia, come diceva quel grande sociologo che è Levi-Strauss, è il nucleo fondante. Non da pratica religiosa. Non perché lo abbia detto un profeta o un maya qualunque. Perché è nell’ordine delle cose. Ed  è solo nell’ordine delle cose che si può costruire il futuro. Uno Stato efficiente che dimentichi questa precondizione diventa violento. Come violenti e beceri sono gli Stati tecnicamente efficienti ma che non hanno questo rispetto naturale. In alcuni Paesi dell’Europa il welfare è fantastico, nessuno ha bisogno di nulla. Eppure i suicidi aumentano. Perché? Perché senza un rispetto amoroso della natura umana, la tecnica, il servizio, l’efficienza diventano avvoltoi. In una società umana invece l’efficienza diventa il compimento conseguente dell’ordine naturale. Ma se non c’è l’ordine naturale non ci sarà mai un ordine tecnicamente efficiente. La prima è una condizione necessaria.

A queste elezioni, alle nostre discussioni, il mio Manifesto non è per un partito. È per un rispetto amoroso della natura. Delle cose. Di rivoluzionario c’è solo questo al mondo. Il resto è un bluff.

 

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Motori al minimo. Guardo a sinistra, mi rendo conto che se sommo l’età dei due piloti che mi affiancano sulla griglia di partenza il risultato supera di poco la metà dei miei anni. C’è davvero da chiedersi cosa diavolo ci faccio qui io in mezzo a questa masnada di mocciosi dal polso molto (troppo) snodato. […]

L'articolo In pista al CIV con KTM RC390 – Ricomincio da 3 (e 90) proviene da RED Live.

Ha riscosso un successo superiore alle aspettative della stessa Renault e ora si rinnova per contrastare la concorrenza sempre più folta e agguerrita. Derivata dalla compatta Clio, la crossover Captur, sul mercato dal 2013, beneficia di un restyling sia estetico di sostanza, in special modo per ciò che concerne la scelta dei materiali e la […]

L'articolo Renault Captur 2017: cresce in qualità proviene da RED Live.

COSA: AUTOPROMOTEC, al via il Salone dell’aftermarket  DOVE E QUANDO: BolognaFiere, 24-28 maggio È ai blocchi di partenza una nuova edizione, la 27ª, di Autopromotec, la rassegna internazionale delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico, in programma dal 24 al 28 maggio a BolognaFiere. Saranno 14 i padiglioni, con settori raggruppati per categoria merceologica, e 5 le […]

L'articolo RED Weekend 24-28 maggio, idee per muoversi proviene da RED Live.

Dal 2012, anno della nascita, era restata pressoché immutata, facendo sì che nascessero vere e proprie leggende sulla sua longevità. Ora, finalmente, la Fiat 500L beneficia di un restyling nelle forme e nei contenuti. Un upgrade che, però, non coinvolge la meccanica, restata per l’ennesima volta invariata. Android Auto e Apple CarPlay La monovolume italiana […]

L'articolo Fiat 500L: cambia tutto, non il cuore proviene da RED Live.

Si infiamma il segmento delle hatchback sportive. La Renault non resta a guardare e risponde alle rivali più agguerrite del momento, vale a dire Ford Focus RS e Volkswagen Golf R, con la nuova generazione della Mégane RS. Attesa al debutto in occasione dell’imminente Gran Premio di F1 di Montecarlo, la media ad alte prestazioni […]

L'articolo Renault Mégane RS 2017: debutta a Montecarlo proviene da RED Live.

Strategie di Content Marketing - Video Academy di MailUp - banner iscrizione
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana