Google+

Dossier – La paura di Hitler dell’arte degenerata

maggio 15, 2014 Mariapia Bruno

George_grosz-the_eclipse_of_the_sunOtto Dix, George Grosz, Ernst Kirchner, Paul Klee, Oskar Kokoska, Emil Nolde: ecco alcuni degli artisti bollati come degenerati dal governo nazista guidato da Hitler, che ordinò ai musei che ne possedevano le opere, il divieto di esporle nelle collezioni e l’obbligo di cederle ai nazisti stessi, i quali sapevano il buon uso che ne avrebbero fatto. Un terzo delle circa 21 mila opere appartenenti alla Entartete Kunst (letteralmente arte degenerata) fu, infatti, venduto per finanziare la Germania nazista, un altro terzo fu distrutto in un incendio e l’ultima parte risulta ancora non pervenuta. Ma come può essere spiegata questa paura, o questo risentimento, nei confronti di Espressionisti e simili (cubisti, dadaisti, astrattisti e primitivi)? La risposta è inclusa nel programma di pulizia etnica portato avanti dagli “ariani” che volevano epurare i musei dalle preoccupanti opere dalle forme distorte e dai colori innaturali non adatti alla loro razza “superiore”.

443px-Kirchner_Berlin_Street_Scene_1913Ben sappiamo che tutto ciò che non era in linea con la filosofia nazista veniva automaticamente bollato come degenerato e non all’altezza. Ma non sempre il lavoro di persuasione sortisce l’effetto sperato. Il cammino verso il successo da parte di questi artisti proibiti fu segnato involontariamente dal Hitler stesso che nel 1937 inaugurò a Monaco una mostra di arte degenerata in contrapposizione ad un’altra rassegna che presentava, invece, le opere gradite al governo. Il successo dei degenerati e la pubblicità fu così grande che la loro fama si diffuse a macchia d’olio una volta finito il regime nazista. E chi ha la possibilità di trovarsi a New York fino al prossimo 30 giugno, può farsi un’idea delle suggestive opere che hanno scampato il pericolo della follia distruttiva del Führer, andando a visitare la rassegna alla Neue Galerie intitolata Degenerate Art: the Attack of Modern Art in Nazy Germany, 1937, che ben mette in mostra quanto appena raccontato.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!
I commenti sono liberi. La redazione rimuoverà quelli offensivi.
La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nessuno fiati. Nessuno si muova. L’hanno fatto davvero! Hanno ridato vita alla storica sigla GSi. Un’icona per tutti i “figli degli Anni ‘80” cresciuti a pane e Opel sportive. Con buona pace della divisione OPC, la nuova versione high performance della Insignia Grand Sport – seconda generazione della berlina tedesca – tornerà a sfoggiare la […]

L'articolo Opel Insignia GSi: gradito ritorno proviene da RED Live.

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana