Google+

Asia Bibi scrive alla Francia: «Non lasciatemi cadere». Il marito: «Non si può morire per un bicchiere d’acqua»

novembre 18, 2014 Redazione

Il marito di Asia Bibi Ashiq Masih ha scritto al Le Figaro, riportando alcune parole della moglie: «Siete la mia sola possibilità di non morire in fondo a questa cella»

«Sono appena tornato dal carcere di Multan dove mia moglie, Asia Bibi, è stata trasferita otto mesi fa. Da quando mia moglie è stata condannata a morte nel novembre del 2010 per aver bevuto un bicchiere d’acqua noi viviamo nella paura, la nostra famiglia è minacciata». Comincia così una lettera pubblicata oggi dal Le Figaro di Ashiq Masih, marito della donna la cui condanna a morte per blasfemia è stata confermata in appello.

«PERCHÉ IL PAKISTAN SI ACCANISCE?». Asia, continua il marito, «non è blasfema e non ha mai compiuto un atto di blasfemia. Dopo la sentenza dell’Alta corte di Lahore, noi non riusciamo a capire perché il Pakistan che noi amiamo si accanisca così contro di noi». La «nostra famiglia è sempre stata felice qui, non abbiamo mai avuto problemi con nessuno. (…) Oggi molti nostri amici musulmani non capiscono perché la giustizia pakistana impone tante sofferenze alla nostra famiglia».

LA GRAZIA DEL PRESIDENTE. Asia Bibi non verrà uccisa solo se la Corte suprema ribalterà i primi due verdetti della giustizia, ma Ashiq Masih confida in altro: «Il modo migliore sarebbe ottenere la grazia dal Presidente. Noi siamo convinti che Asia Bibi non sarà impiccata solo se il venerabile presidente del Pakistan, Mammoon Hussain, la perdonerà. Non si può morire per aver bevuto un bicchiere d’acqua».

«NON LASCIATEMI CADERE». Ashiq riporta infine un testo scritto da Asia Bibi, che fa riferimento anche al sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, che ha dato la sua disponibilità per dare asilo alla coppia in Francia. «Dalla mia piccola cella senza finestre i giorni e le notti si assomigliano – scrive la cattolica Asia Bibi, madre di cinque figli – ma se ho ancora speranza è grazie a tutti voi. Il mio cuore si scalda ogni volta che Ashiq mi mostra le foto di persone che non conosco e che bevono un bicchiere d’acqua pensando a me».
«Ho saputo che la città di Parigi ci vuole – conclude Asia Bibi – e voglio ringraziare tutte le persone di Parigi e il sindaco. Voi siete la mia sola possibilità di non morire in fondo a questa cella di isolamento. Vi prego, non lasciatemi cadere. Non ho mai commesso un atto di blasfemia».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

1 Commenti

  1. Toni scrive:

    La situazione di Asia Bibi, non può non far venire in mente un’altra storia, quella di Sakineh. Questa per la giustizia iraniana , in quanto accusata di adulterio e di complicità nell’omicidio del marito, rischiarava la lapidazione. Non si discute, ovviamente la barbarie della condanna . Ma ricordo le nostre meravigliose ministre pronte a dichiararsi “Siamo tutte Sakineh” … la Carla Bruni con il marito – presidente…. a muoversi sul piano politico ed onnipresente in ogni canale TV, manifestazioni di piazza nel mondo, pure 5 stelle aveva adottato lo slogan delle ministre, il parlamento europeo fece sentire all’unisono la voce e financo il Vaticano su spinta dell’allora ministro Frattini. Sakineh fu graziata.

    Forse mi sbaglio…. ma qui levando le nostre poche voci cattoliche, in rapporto, non frega niente a nessuno. Io non sono un buon cattolico, cado in continuazione e tra le mie cadute ci metto pure che nel caso dell’iraniana, più che la difesa della vita si difendeva il principio della libera scopata e della cornificazione (aldilà dell’innocenza o colpevolezza dell’accusata) . Chiedo scusa del pensiero… ma ce l’ho. E la cosa di cui sono sempre più convinto e che noi cattolici abbiamo tutti brutalmente contro … differiscono i modi, a seconda delle latitudini, della civiltà, anzi del galateo, nel lapidare (da noi si usano le parole) .

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Solida e ben fatta, la Seat Ateca 1.6 TDI Advance è il primo SUV della Casa spagnola. Si parte da meno di 24 mila euro chiavi in mano

L'articolo Prova Seat Ateca 1.6 TDI Advance proviene da RED Live.

La fortwo, l’utilitaria più corta sul mercato – è lunga solo 2,69 m – si aggiorna. La novità principale è rappresentata dalla disponibilità di serie, sin dall’allestimento entry level youngster, della frenata automatica d’emergenza e dei fendinebbia. Un upgrade in materia di sicurezza tutt’altro che marginale, esteso anche alla versione a quattro posti forfour. Tessuto […]

L'articolo smart fortwo e forfour 2018: danno di più proviene da RED Live.

Vi piace pedalare in collina? Se volete farlo in compagnia di migliaia di altri ciclisti, e con la possibilità di mettere alla prova il vostro spirito agonistico, l’occasione giusta è la 5° edizione della Granfondo Scott, in programma il 3 settembre 2017 con partenza e arrivo a Piacenza Expo. La manifestazione propone due percorsi, caratterizzati […]

L'articolo Granfondo Scott, al via il 3 settembre proviene da RED Live.

C’è qualcosa che non torna… Non dovevi cambiare radicalmente? Non dovevi votarti alla collocazione centrale del motore? Ah, manca ancora un anno? Questo, allora, significa che sei l’ultima versione della Corvette “tradizionale”. Il canto del cigno di una delle muscle car più apprezzate al mondo che, per festeggiare i 65 anni di carriera, debutta nella […]

L'articolo Chevrolet Corvette MY18: l’ultima volta proviene da RED Live.

“All for freedom, freedom for all”. È il nuovo motto di Harley-Davidson che intende sedurre anche chi non è (ancora) un motociclista

L'articolo Harley-Davidson, nuovo slogan proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
logo EA-Group
logo EA-Group
logo La nuova Bussola quotidiana