Google+

America decisa ad armare i ribelli in Siria, che hanno distrutto e profanato le chiese di Qusayr

giugno 11, 2013 Leone Grotti

Gli Stati Uniti temono il potere riconquistato da Assad. La Bbc mostra il monastero ortodosso di S. Elia, a Qusayr, profanato dai ribelli

Dopo la presa della città di Qusayr da parte dell’esercito governativo di Assad, aiutato dall’organizzazione terroristica libanese Hezbollah, e l’annuncio che la prossima tappa della guerra civile sarà Aleppo, gli Stati Uniti hanno annunciato ieri che ritengono di dover aiutare i ribelli a mantenere le posizioni sul terreno. Si fa sempre più probabile, quindi, l’invio di armi da parte degli Usa all’Esercito libero siriano.

DENTRO QUSAYR. Intanto la giornalista della Bbc Lyse Doucet, la prima ad essere entrata a Qusayr dopo la presa della città da parte delle forze lealista, ha mostrato la distruzione causata dalla guerra. Nella città di 30 mila abitanti, di cui 3 mila cristiani, ora ne restano solo 500. La giornalista ha anche mostrato con sgomento la chiesa ortodossa di S. Elia, distrutta e dissacrata dai ribelli, a detta di alcuni testimoni, durante il loro anno di permanenza.

MONASTERO DISTRUTTO. Nelle immagini, la Bbc mostra il monastero ortodosso crivellato di colpi, il terreno è ricoperto da oggetti di culto distrutti, anche l’altare è stato profanato, così come la maggior parte delle icone. Nelle fila dei ribelli ci sono anche molti terroristi islamici legati ad al-Qaeda, che spaventano i cristiani del Medio Oriente e fanno dubitare lo stesso Occidente dell’opportunità di inviare armi ai ribelli. Dei cristiani che vivevano a Qusayr, secondo padre Simon Faddoul, presidente della Caritas Libano, non si sa niente: «La maggior parte di loro dev’essere fuggita – dichiara ad AsiaNews – ma pochi sono arrivati in Libano. Molti devono aver cercato rifugio in altre città».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

8 Commenti

  1. Nino says:

    America, Israele, Gran Bretagna, Arabia Saudita e Qatar sono l’ ASSE DEL MALE!!!

    Maledetti assassini

    • marzio says:

      Sicuramente questi Paesi appoggiano i terroristi sunniti che vogliono rovesciare Assad e cacciare via i cristiani e quindi instaurare una teocrazia islamista.

      • Vittorio says:

        Appoggiano? Arabia e Qatar addestrano i terroristi in casa loro e poi li mandano in Siria a combattere il nemico sciita. Per tutti gli arabi gli ebrei sono nemici da combattere, ma la guerra interna all’Islam tra sciiti e sunniti ha priorità maggiore. Nella testa degli emiri e degli imam sunniti dei paesi arabici prima bisogna eliminare l’islam sciita e poi gli israeliani. Gli israeliani sanno questo ma non esitano a fare accordi con i sunniti arabi perchè credono di poter controllare meglio il M.O. applicando la strategia del Dividi et Impera. Siccome la Siria è compatta contro Israele, allora gli israeliani fanno entrare terroristi sunniti che vedono il regime sciita come il fumo negli occhi. In questo modo la Siria è troppo presa dalla guerra interna tra sciiti e sunniti per preoccuparsi di Israele che così può respirare…

        In tutta questa storia il ruolo dei cristiani è marginale. Essi sono banalmente quelli che essendo minoranza lo prendono sempre in quel posto ogni qual volta scoppia una ribellione. Con Assad sono rispettati come lo erano con Saddam Hussein.

        • marzio says:

          Li appoggiano e li foraggiano, Vitto’!

          • Vittorio says:

            Puoi dirlo forte. E noi europei che gli diamo pure ragione.

            Sugli americani sorvoliamo. Quelli sono troppo schiavi di Israele per potersi ribellare

        • Vittorio says:

          Anche per questa ragione qualsiasi Papa succeda al soglio di Pietro mira alla pace nel mondo. Essa è l’unica via per proteggere i cristiani che come tutti sappiamo detestano la guerra. Arabi e Israeliani sono pazzi. Sono nati per farsi la guerra alla maniera di chi è spericolato. I cristiani che possono fare se non provare a farli ragionare nel limite del possibile?

          • Nino says:

            Scusami Vittorio. ho letto tutto quello che hai scritto e ti stimo perchè mi sembri uno che capisce bene le cose ma su un punto devo dissentire.

            La pace tra ebrei e musulmani non ci sarà mai checche ne dica il Papa!

            I cristiani possono fare solo una cosa: convertire al cristianesimo questi popoli con missionari e Internet.

    • marzio says:

      Sicuramente questi Paesi appoggiano i terroristi sunniti che vogliono rovesciare Assad , cacciare via i cristiani e quindi instaurare una teocrazia islamista.

La rassegna stampa di Tempi

Tempi Motori – a cura di Red Live

Nissan propone per il 2018 un restyling di X-Trail che rinnova senza rivoluzionare. Le forme vengono riviste e la lunghezza complessiva aumentata a vantaggio di un bagagliaio più grande. Propulsore e meccanica rimangano invariate. Andiamo a scoprirla

L'articolo Prova Nissan X-Trail 1.6 dCi 130 CVT 2WD Tekna proviene da RED Live.

Sulla breccia da 39 anni, la Classe G ha saputo resistere alle mode puntando su robustezza, affidabilità e su alcuni clienti... "importanti"

L'articolo Classe G, la storia “sporca” della off road Mercedes proviene da RED Live.

DNA OFFROAD Al Salone di Detroit 2018 la Casa della Stella ha presentato la Nuova Mercedes Classe G. Che non ha tagliato in modo brusco i ponti con il passato e – tranquilli –  non si è rammollita: a lei, le SUV moderne fanno davvero un baffo. Nel senso che la G continua ad essere […]

L'articolo Nuova Mercedes Classe G 2018: nel solco della tradizione proviene da RED Live.

Seppur presentato nel 2016, il sistema di trazione integrale della Focus RS è tutt’oggi una soluzione ingegneristica avanzata ed è raro trovarne una descrizione chiara e completa. Siete sicuri di avere capito come funziona? Leggete per scoprirlo!

L'articolo Magia elettronica! La trazione integrale della Ford Focus RS proviene da RED Live.

In attesa della prova ecco le prime informazioni sul test che ci vedrà a Valencia in sella alla nuova Ducati Panigale V4

L'articolo Ducati Panigale V4 in attesa della prova proviene da RED Live.

MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download