Google+

Vogliono lasciarlo morire di fame e sete. Un appello per fermare la sentenza su Marcelo Diez Video

maggio 17, 2013 Benedetta Frigerio

Un tribunale argentino ha decretato la fine di un trentenne che è in stato di coscienza minima. Ma risponde e dà segnali. La mobilitazione della Chiesa e di chi lo cura per salvarlo

Quella di Marcelo Diez, 49 anni, argentino, è la storia di una persona gravemente handicappata da quando aveva 30 anni. Marcelo, amato e accudito per 14 anni dai suoi genitori, residenti nella città di Nequén, adesso rischia di morire di fame e di sete: il caso, noto alle cronache da quattro anni, sta infiammando l’Argentina, da quando il 19 aprile scorso il Tribunale superiore di giustizia ha dato la sentenza nefasta: Marcelo potrà essere privato dell’alimentazione e dell’idratazione.

LA VICENDA. Il 23 ottobre del 1994 il giovane fu investito da una automobile mentre era a bordo della sua moto. In seguito, l’8 dicembre dello stesso anno contrasse un’infezione Luncec di Nequén che lo portò alla sua condizione attuale. Lo stato del ragazzo, dai racconti di chi lo cura, è di coscienza minima. È in grado di comunicare, per esempio, quando è stanco o felice.
Andrés e Trude, i suoi genitori, dopo l’incidente trasformarono la sua casa in un piccolo ospedale. Nel 2003 Trude, malata di tumore, morì. Nel 2008 scomparve anche il padre Andrés, colpito da un’infarto.

I GENITORI. Alla morte dei genitori, le sorelle, Andrea e Adriana, diventarono le sue tutrici. Da allora Marcelo è curato nella clinica Luncec di Nequén. Di lui sono apparse in tv e sul web immagini (vedi la pagina di facebook “no maten a Marcelo Diez“) in cui si vede che tiene gli occhi aperti e risponde agli stimoli, come hanno raccontato spesso le infermiere e i medici che lo accudiscono.

Nonostante ciò, le sorelle hanno portato avanti per quattro anni una campagna legale e mediatica con il fine di privarlo dell’alimentazione e dell’idratazione. Da allora chi accudisce l’uomo, parte della società civile e la Chiesa cattolica hanno iniziato a difendere il ragazzo. E ora che il tribunale ha dato ragione alle due donne c’è chi ha chiesto loro di fermarsi, disposto a prendersi cura di Marcelo «fino a quando la sua vita in terra non terminerà naturalmente». Sono queste le parole di Virginio Bressanelli, vescovo di Neuquén e vicepresidente della Conferenza episcopale argentina, che, interrogato dal Tribunale, ha detto: «In Marcelo vediamo Gesù, ogni persona che ci sta accanto è preziosa agli occhi di Dio Padre». Il vescovo ha poi sottolineato che l’uomo non è attaccato a nessuna macchina, al contrario di quanto pubblicizzato: «Non è un malato terminale non si può quindi applicare la legge sulla “morte degna”. Morire di fame e di sete è una morte atroce che corrisponde a una pratica eutanasica».

OFFERTA D’AIUTO. All’offerta di aiuto della Chiesa le sorelle non hanno neppure risposto. Perciò, il 12 maggio scorso, l’avvocato difensore di Marcelo, Ricardo Cancela, ha presentato ricorso: «Questo caso è fuori da quello previsto dalla legge, perché stiamo parlando di una persona che mantiene le sue funzioni fisiologiche (…) respira da solo, che significa che non è connesso a nessun apparecchio meccanico, riesce a tenere su la testa, alterna la veglia al sonno ed è in buono stato fisico». L’avvocato ha poi ricordato le testimonianze di quanti stanno accanto a Marcel, che riportano come risponde incontrando le persone, «dando dei segnali che non sono reazioni».

LA SOTTOSCRIZIONE. Il vescovo nel suo appello ha aggiunto che «in questo caso non ci resta che dare dignità a tutti: abbiamo bisogno di moltiplicare l’amore e di abbandonare con umiltà la nostra smania di onnipotenza». Per sostenerlo è stato lanciato un appello sul web che chiunque può sottoscrivere.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

5 Commenti

  1. Annarosa says:

    Togliere gli alimenti è un delitto, e anche togliere l’idratazione, oltre a essere un delitto è una tortura prima di morire…

  2. fadsf says:

    incidente del 94, siamo nel 2013. ma lo lasciate mori in pace sto poro cristo? ma la pietà non sapete cos’è?

  3. Daniele Moretto says:

    I genitori lo accudivano amorosamente, le sorelle lo vogliono abbandonare. Che tristezza. Lui ha chiesto di morire? No. Allora, rispetto ed ascolto profondo.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Il model year 2019 della roadster jap aggiunge 24 cv al 2 litri benzina e una serie di novità nella sicurezza. Per una roadster ancora più "jinba ittai"

L'articolo Mazda MX-5 2019, più cavalli e sicurezza proviene da RED Live.

Lanciata dal marchio inglese Oxford la linea Mint, dal caratteristico profumo di menta, comprende prodotti per la pulizia e la manutenzione dei veicoli a due ruote

L'articolo Gamma Oxford Mint Cleaning proviene da RED Live.

215 cv, 10 kg in meno e il debutto delle alette aerodinamiche. Questa versione speciale della RSV4 RF allestita con pezzi di Aprilia Racing di carne al fuoco ne mette davvero tanta. E noi ce la siamo gustata dal primo all’ultimo boccone. Al Mugello, dove le ali servono davvero.

L'articolo Prova Aprilia RSV4 RF FW 2018 proviene da RED Live.

Diventate capienti come le familiari grandi di qualche anno fa, le SW medie stanno vivendo una seconda giovinezza. Così come la Peugeot 308 SW GT Line, che ora si aggiorna nella tecnologia e diventa ancora più “connessa”. Schermo generoso e Mirror Screen La succosa novità della Peugeot 308 SW GT Line è la presenza di […]

L'articolo Peugeot 308 SW GT Line, <BR> adesso “parla” con lo smartphone proviene da RED Live.

La Casa di Noale propone due motorette brillanti ed economiche: sono le Aprilia RX e SX 125, una enduro, l’altra motard, entrambe vendute a 4.020 euro.

L'articolo Prova Aprilia RX e SX 125, per i nuovi 16enni proviene da RED Live.