Google+

Storia di Mary Wagner, l’attivista pro life arrestata di nuovo

dicembre 16, 2015 Benedetta Frigerio

Parla e regala rose alle donne che vogliono abortire, tace ai processi. La vicenda della donna disposta a finire in prigione pur di opporsi all’aborto

mary-wagner-arrestoÈ tornata in carcere Mary Wagner, la canadese arrestata ripetutamente dal 2000 fino ad oggi, e detenuta per un numero di mesi che, sommati, superano i quattro anni di detenzione. Il 12 dicembre scorso è entrata ancora una volta all’interno di una clinica abortiva, nonostante le leggi canadesi vietino di pregare o parlare con chi transita nei pressi dei centri abortivi.

LA SUA VICENDA. Wagner è un’attivista pro life quarantaduenne convertita dopo aver sentito l’invito di Giovanni Paolo II, durante la Gmg di Denver, a battersi contro l’aborto e l’eutanasia uscendo «per le strade e nei luoghi pubblici come i primi apostoli». Dal 2000, la sua attività è stata instancabile e Wagner ha sempre giustificato il suo operato spiegando che «se ragioniamo a partire dall’arresto o meno perdiamo di vista Cristo, nascosto nelle dolorose sembianze dei poveri, così poveri che non possiamo nemmeno vederli o sentirli».
Anche dopo la sua ultima scarcerazione in luglio dopo sette mesi di prigione, aveva promesso che non si sarebbe fermata. E così, il giorno in cui cadeva la festa della Vergine di Guadalupe, si è di nuovo recata davanti una clinica, ripetendo un gesto per lei ormai consueto: parlare e donare una rosa rossa alle donne che incontrava. Invitata ad allontanarsi, pena un nuovo arresto, Wagner è rientrata nell’edificio. All’udienza del processo, come aveva già fatto le volte precedenti, è rimasta sempre in silenzio, rifiutandosi di farsi difendere da un avvocato.

«ANCHE UNA SOLA VITA». Nell’agosto del 2013 parlò di lei in un’intervista Oswald Gracias, arcivescovo di Bombay e presidente delle conferenze episcopali dell’Asia. «Mi si è chiarito che Mary ha una missione», aveva dichiarato Gracias dopo averla incontrata in cella. «Dio la chiama a fare questo, a testimoniare il dono e la santità della vita umana». Per l’arcivescovo, la scelta di Wagner non era «un futile esercizio per combattere i mulini a vento, anche se avesse salvato solo una vita ne sarebbe valsa la pena».
In carcere, Wagner ha convertito molte donne coinvolgendole nell’apostolato passivo fatto di preghiere e sacrifici per guarire le piaghe delle donne che hanno abortito e che spesso la contattano per essere aiutate. Altre, invece, le scrivono di aver deciso di non abortire grazie alla sua testimonianza. Paul Hrynczyszyn, cappellano del penitenziario, ha detto di lei: «Penso che sia una santa» ed «è una benedizione per me quando la incontro». Il cappellano ha sottolineato che la sua «profonda umiltà», che coincide con la sua totale dipendenza da Dio, «aiuta molte donne a tornare alla fede», come una carcerata che confessò in lacrime che «la sua presenza mi ha fatto sentire perdonata».


Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. SUSANNA ROLLI says:

    Dio ci mandi questi santi a catinelle!!!!
    Dovrebbero farle un monumento!!
    Queste storie sono troppo belle da leggere e raccontare!
    Non sembra neppure una storia vera.

  2. Daniele says:

    “Le Leggi canadesi VIETANO di pregare e di parlare con le persone nei pressi delle cliniche abortive”.
    Evidentemente, i colossi economici che lucrano sulle ivg (cioè Planned Parenthood e simili) temono di perdere “clienti” e, perciò, non gradiscono che ci siano persone che manifestano un pensiero contrario al loro nelle vicinanze proprio delle cliniche.
    Ma vietare, per Legge, di pregare e di parlare con la gente è tipico di uno Stato totalitario, cioè non libero.
    Ecco: il Canada, quindi, NON è un Paese libero.

  3. Daniele says:

    Siamo alla frutta:
    in carcere non ci finiscono più coloro che le vite umane le spengono, ma coloro che cercano di salvarle.
    Comunque: cos’ha di diverso il Canada, dove puoi essere arrestato se manifesti contro l’aborto, dal Pakistan, in cui finisci in galera (e, forse, al patibolo) se sei cristiano (sto parlando di Asia Bibi)?

  4. Mappo says:

    La cosa triste è che molti cristiani la riterranno una fanatica e fra questi mi viene subito in mente Monsignor Galantino, segretario della CEI che, tempo fa, si è espresso in toni negativi verso un gruppo di preghiera che una volta al mese recita il Rosario di fronte ad una clinica bolognese dove si praticano aborti.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

Piegano come una moto (a volte pure di più) ma offrono più sicurezza e abitabilità. Con un buon "allestimento" possono essere una valida alternativa all'auto offrendo velocità e agilità da scooter e protezione (anche dei vestiti) da auto. Sono i mezzi a tre ruote, sia scooter sia moto, con sistema di basculamento. Quasi tutti scooter hanno però una guest star. Ecco quali sono e come vanno.

L'articolo Moto e scooter, quando due ruote non bastano. Ecco i migliori tre ruote proviene da RED Live.

I prezzi partono da 24.650 euro, quattro gli allestimenti disponibili

L'articolo Peugeot 2008, arriva il 1.5 BlueHDi con cambio automatico proviene da RED Live.

Per chi vuole qualcosa in più della solita Sport Utility, con l'accento sulla sportività. Farà il suo debutto ufficiale al Salone di Parigi, in ottobre

L'articolo Skoda Karoq Sportline, la SUV che va di fretta proviene da RED Live.

Al debutto l'EAT6 con il BlueHDi da 120 cv, già in regola con la normativa Euro 6.2.

L'articolo Citroën C3 Aircross, il cambio automatico arriva anche sulla Diesel proviene da RED Live.

L’originale tre ruote Piaggio compie 70 anni e li festeggia con un grande raduno a Salsomaggiore Terme. Le iscrizioni sono aperte

L'articolo Euro Ape 2018, dal 21 al 23 settembre 2018. Info e iscrizioni proviene da RED Live.