Google+

Scontro Bruti-Robledo. «Le toghe hanno perso la verginità. Ora è chiaro che fanno valutazioni politiche sulle indagini»

ottobre 8, 2014 Chiara Rizzo

Intervista a Frank Cimini, gran conoscitore del palazzo di giustizia di Milano, su una guerra interna alla procura che «fotografa la situazione della magistratura: le inchiesta sugli “amici” si arenano mentre il Csm decide di non decidere»

È diventato una guerra aperta ormai lo scontro tra il procuratore capo di Milano Edmondo Bruti Liberati e l’aggiunto Alfredo Robledo, che la settimana scorsa si è visto togliere il coordinamento del dipartimento che indaga sui reati della pubblica amministrazione e si è visto destinare all’ufficio esecuzione pena, dove non si conducono inchieste. Una rimozione-punizione di fatto. A cui segue la notizia odierna dell’indagine a carico del procuratore da parte del tribunale di brescia, per omissione di atti d’ufficio sul caso Sea (altro caso al centro dello scontro con Robledo).
Per un osservatore attento delle cose del palazzo di giustizia milanese, il cronista Frank Cimini, tutta questa vicenda svela «a tutti e senza ombra di dubbio che i magistrati hanno perso la loro presunta verginità. Agiscono in modo politico. E la procura di Milano si è trasformata in un vero porto delle nebbie, dove le inchieste “scomode” per gli amici si smarriscono chissà dove».

Bruti ha di fatto rimosso Robledo. Lei se lo aspettava?
Lo scontro tra i due è durissimo, era una delle cose che poteva succedere. Ci stava, visto che la riforma Castelli, ha aumentato i poteri dei capi procura, divenuti responsabili unici della distribuzione delle deleghe e delle assegnazioni delle indagini. In una guerra così Bruti usa tutti questi suoi poteri, non è strano.

Perché sostiene che in questa vicenda «la magistratura ha perso la sua verginità»?
Prendo in giro chi ha creduto alla funzione salvifica della magistratura, e della procura di Milano in particolare. A questa funzione io non ho mai creduto, né prima, né durante, né dopo “Mani pulite”. Ma ora questa vicenda, comunque finisca, mostra chiaramente a tutti che i magistrati fanno politica. È una lotta di potere iniziata anni fa, ma anche la fotografia di una situazione: i magistrati fanno valutazioni politiche sulle loro inchieste, accedono a questo lavoro solo in virtù di un concorso e poi possono permettersi di fare quello che vogliono. Il risultato dello scontro tra Bruti e Robledo inoltre è che si è arenata un’inchiesta, quella su Sea, che coinvolgeva la giunta di Milano. Quell’indagine è iniziata sei mesi dopo di quando avrebbe dovuto, così Robledo non ha mai potuto chiedere le intercettazioni né trovare prove sufficienti. A causa di una sua dimenticanza Bruti – è una delle poche cose che ha ammesso davanti al Csm – ha consegnato con sei mesi di ritardo il fascicolo dell’inchiesta. E il succo è che oggi l’inchiesta non si può più fare. Ditemi se questo non è fare politica.

Dopo la rimozione Robledo ha annunciato che invierà nuove carte al Csm, dove intanto la discussione sullo scontro con Bruti è ferma da mesi per via del ritardo nelle nomine. Cosa pensa che accadrà?
Il Csm ha dimostrato – grazie anche agli interventi espliciti di Vietti e di Napolitano – che non ha fretta di decidere. Finché potrà deciderà di non decidere finché Bruti non andrà in pensione, il 31 dicembre 2015. E visto che nessuno può mettere becco sulle azioni del Csm, lo lasceranno fare.

Perché il Csm ha scelto di “decidere di non decidere” sullo scontro Bruti-Robledo? Perché Bruti è esponente della corrente di sinistra, Magistratura democratica? O è per non scretidare una procura italiana “di punta”?
Per tutti questi motivi insieme. Io però mi pongo una domanda: se un pm qualsiasi si fosse “dimenticato” per sei mesi un’indagine su Berlusconi, non sarebbe stato subito indagato per corruzione in atti giudiziari, sbattuto sulle prime pagine dei giornali e magari anche in carcerazione preventiva? Nello scontro milanese è emerso che il fascicolo dell’inchiesta Sea è stato “perso” nel cassetto di Bruti Liberati per mesi. C’erano in ballo possibili irregolarità in una gara, ma grazie al ritardo della procura di Milano la gara alla fine si è svolta e l’ha vinta chi doveva vincere. Robledo l’inchiesta l’ha fatta, ha chiesto il rinvio a giudizio degli indagati e a giorni ci sarà l’udienza preliminare, ma dato che non ci sono intercettazioni, l’inchiesta a mio avviso risulta monca e secondo me non farà molta strada.

Bruti ha accusato Robledo di aver depositato 172 milioni di euro, sequestrati durante l’inchiesta “derivati”, in una banca brianzola, quando invece avrebbe dovuto versarli nel Fug, il Fondo unico giustizia, allo sportello Bnl del palazzo di giustizia. Robledo sostiene che i tassi dell’istituto brianzolo erano superiori e hanno permesso allo Stato di guadagnare 1,5 milioni, il triplo dell’offerta Bnl. Lei che ne pensa?
Il problema è che secondo me Bruti si sta arrampicando sugli specchi. Era stato avvisato da Robledo, questa è solo una guerra in cui si usano tutti i poteri, e Bruti ha deciso di andare come un carroarmato. In questo momento alla procura di Milano c’è un capo che comanda, non dirige.

Che aria si respira nel palazzo?
In segreto e anonimamente sono tanti i pm che si lamentano. Ci sono i magistrati che seguono inchieste scottanti, come quelle su Expo e Mose, che si dicono disorientati perché non sanno come fare: non è il clima ideale per lavorare. Sono successe cose gravi d’altra parte, basti ricordare che ci sono già state violazioni nelle assegnazioni di inchieste importanti, come è avvenuto per il caso Ruby, e proprio per interferenza di Bruti. Approfittando del fatto che era stato nominato quasi all’unanimità dal Csm, Bruti si è comportato da vero politico. Ha fatto valutazioni politiche sulle inchieste, non solo su quella contro la giunta Pisapia, ma anche su quella contor Podestà. Quando l’Anm un giorno sì e l’altro pure si straccia le vesti per difendere l’indipendenza della magistratura, mi chiedo: sono davvero indipendenti i magistrati? E da chi?

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

4 Commenti

  1. Giulio Dante Guerra says:

    Giustissimo, ma, forse, il nostro mondo, quello classificabile come “di centro-destra”, senza riferimenti personali all’autrice dell’articolo, prima di lamentarsi delle “toghe rosse” – che, purtroppo, sono una realtà – dovrebbe fare un piccolo esame di coscienza. Ho frequentato l’università dal 1964 al 1970, e ho conosciuto studenti di tutte le facoltà. In quelle tecniche e scientifiche, come la mia, era frequente, fra i “conservatori”, “snobbare” la carriera accademica: ricordo, in una “riunione informale” di studenti non di sinistra, uno che uscì con questa “trovata”: “Domani, in assemblea, diciamo che chi vuol farci appoggiare le rivendicazioni degli incaricati – che avevano deciso di scioperare perché volevano la “stabilizzazione”, era ancora il “pre-Sessantotto” – è perché vuole restare qui dentro!”. Solo io – che, poi, ci sono veramente rimasto, come ricercatore CNR – replicai: “E che vuol dire?”. Fra i colleghi di giurisprudenza, invece, quella “snobbata” era soprattutto la carriera giudiziaria. E, intanto, i “cinesi”, una volta laureati e buttatasi dietro la schiena la retorica del “110 politico” ed altre idiozie simili, dalla nostra parte “leccavano i piedi” ai fino allora contestati “baroni” per avere una borsa, e da quella dei legulei si preparavano più o meno coscenziosamente al concorso in magistratura. Risultato finale: preponderanza di “baroni rossi” da una parte, e di “toghe rosse” dall’altra.

    • vitus1976 says:

      Un ragionamento che sintetizza in pieno ciò che è successo nei primi quarant’anni della nostra Repubblica.
      I rossi, che mettevano in pratica la lezione di Gramsci sull’Egemonia culturale, occupavano le sedie e le scrivanie (Università, Cattedre, Televisione, Sindacati, Tribunale) e gli altri, i moderati, che li lasciavano fare, magari pensando che occupando poltrone di governo e dei Consigli di Amministrazione, avrebbero comandato.
      Risultato: i rossi hanno prima occupato le sedie e le scrivanie e dopo le poltrone!

      E adesso non li schioda più nessuno, visto che anche nelle sacrestie, purtroppo, cominciano a dettare Legge.
      Un’okkupazione dei settori nevralgici del nostro paese che, proprio per questo, veleggia verso la rovina!

  2. vitus1976 says:

    Il problema è che questi non pagano mai per i loro errori. I magistrati dovrebbero applicare la Legge. Purtroppo la interpretano a loro uso e consumo e, quando non ci sono Leggi da applicare al caso concreto, se la inventano ( vedi trascrizione matrimoni gay contratti al”estero)!

  3. giuliano says:

    ormai il tumore è in metastasi e si è diffuso e non c’è più riparo, la famosa “responsabilità civile” per i magistrati farebbe ridere. Vedete come l’Isis si espande con successo ?? e come fa ?? ma con il terrore, ecco la medicina che servirebbe per i vermi rossi

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

In quattro anni se ne possono preparare tante di novità e i ragazzi californiani non si sono certo risparmiati. A partire dal telaio, che dalla lega di alluminio è passato alla fibra di carbonio, nello specifico UHC Advanced con specifiche Felt, per poter meglio distribuire rigidezza e flex nei punti giusti. NUOVO TELAIO  La fibra […]

L'articolo Felt Compulsion m.y. 2018 proviene da RED Live.

Kia Stinger è un’auto che segna per l’azienda coreana un nuovo approccio: 380 cavalli, quattro posti, design e grinta da sportiva. per questo anche le attività di marketing e comunicazione seguono un percorso diverso. Stinger approda in tv con “Wishlist, il metodo Stinger”, una mini-serie di 3 episodi da 30 minuti, in onda sul NOVE la […]

L'articolo Kia Stinger, mini serie per la tv proviene da RED Live.

Ispirata dalle moto café racer (e non solo), questa edizione limitata vuole segnare un'epoca. Con una personalizzazione originale e stilosa, sia fuori sia dentro l'abitacolo

L'articolo DS 3 Café Racer, quando la DS suona il rock proviene da RED Live.

Ride the revolution, questo il claim della nuova Yamaha Niken. Un claim che abbiamo sperimentato di persona lungo i 280 km di curve austriache di questo test. Tante curve, tante situazioni meteo differenti per scoprire una moto "normale" che fa cose eccezionali.

L'articolo Prova Yamaha Niken <br> la “carver bike” proviene da RED Live.

Pronto per la seconda metà del 2018, questo sistema promette di ridurre emissioni e consumi e arriverà su molti modelli del costruttore coreano. A cominciare dalla SUV compatta con motore a gasolio. Perché il diesel è tutt'altro che morto...

L'articolo Kia, arriva il Mild-Hybrid sul Diesel proviene da RED Live.