“Quali sono i confini del Mali?”: storia di un’odissea chiamata Tfa

Chi è l’autore di “Libera nos a Malo? Con quali stati non confina il Colorado? Viaggio nella prima prova del Tfa, tra nozionismo, date sbagliate, paesi sconosciuti e scrittori improbabili.

Con quale stato non confina il Mali? È una domanda a cui pochi sanno rispondere, a meno di non tenere sott’occhio un’atlante. Ma durante la prova di selezione del Tfa – Tirocinio Formativo Attivo, la nuova trafila per avere l’abilitazione all’insegnamento – non si poteva consultare nulla. E giustamente, perché nella probabilissima evenienza che uno studente interessato alzi la mano per chiedere i confini dello stato africano, bisognerà pur rispondergli immediatamente. Si sta svolgendo la prima prova di selezione del Tfa, che interpella gli aspiranti insegnanti di ogni materia e di tutta Italia.

Il primo test presenta sessanta domande a risposta multipla. Quattro alternative per una e una sola risposta corretta. Una probabilità di passare, contando i posti a disposizione e i presenti il 18 luglio all’Università Cattolica di Milano, che si aggira attorno al 25 per cento. Non male, ma dopo questa prima fase sono previste una prova orale e una simulazione di lezione. Il tutto per poter accedere a un anno di tirocinio e di corsi pomeridiani a pagamento. E forse, solo allora, si potrà iniziare a mettere qualche soldo da parte. Se mai si avesse in mente un futuro…

Volenterosi proto-docenti di buona volontà si sono uniti in un’unica stanza buia per cominciare quel test che significa l’inizio di un’odissea. Classe di insegnamento: A051, “Materie letterarie e latino nei licei e negli istituti magistrali”. E chi ha fatto il liceo sa bene quanto sia importante sapere che “Libera nos a Malo” è un’opera di Luigi Meneghello, che “Diceria dell’untore” è uno scritto di Gesualdo Bufalino e che il capolavoro di Anton Francesco Grazzini detto il Lasca è “Le cene”. Si narra che il Miur abbia affidato la stesura delle domande agli autori di “Chi vuol essere milionario?”. Ecco spiegato il sadismo di certi quesiti.

«Cinto di fosche e tenebrose bende, / di nero manto e di funest velo / veglio rotear per l’amoroso cielo / quel sol che solo i miei desiri accende». Di chi sono questi austeri versi? Ovviamente di Giovan Battista Marino. Ed è proprio il caso di dirlo: il Colorado non confina con il Tennessee. Entrambe le domande potevano essere difficili, ma se la prima non esulava completamente dai programmi di letteratura di un liceo, la conoscenza delle frontiere dello stato americano sembra un tantino viziata dallo spettro del nozionismo, il vero “peccato originale” di questo test. Ma ormai quel che è fatto è fatto. E adesso, si attende che il Miur pubblichi i risultati definitivi. Nell’attesa, perché non visitare l’isola di Favignana? Che – come segnalava una risposta del test – non fa parte delle Pelagie, ma delle Egadi.