Maltempo, ancora caos in Emilia e Liguria

Nel modenese sono 550 le persone sfollate per l’esondazione del Serchia. A Genova è stato recuperato il corpo della prima vittima del maltempo, una seconda persona trovata ancora in vita

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Sono 550 le persone che sono state trasferite in centri di accoglienza nel territorio modenese, dopo l’allagamento del fiume Serchia. La maggiorparte delle persone (200) sono ospitate nel comune di Mirandola (proprio il centro che nel 2012 è stato epicentro di un violento terremoto, e in seguito è stato ricostruito), altre 250 persone sono state ospitate da alberghi della zona, 50 in una polisportiva di Modena, e altre 50 in altri piccoli centri. Intanto da stamattina sono iniziate le ricerche di un uomo scomparso per il maltempo a Bastiglia (Mo), travolto dalle acque di un canale in piena. Il maltempo ha mietuto una vittima in Liguria. A Genova, è stato ritrovato il corpo di un medico di origine iraniana, Elias Kassabgi, che era stato travolto domenica dall’onda del fiume Bogliasco.

20 MILIONI DI METRI CUBI D’ACQUA. Secondo l’Aipo, l’Agenzia interregionale fiume Po, 20 milioni di metri cubi di acqua hanno investito una superficie di 40 chilometri quadrati, un fazzoletto di terra. In questo momento il presidente della Regione, Vasco Errani è in visita alla zona. È sotto osservazione il fiume Panaro, un po’ più a sud, già in provincia di Bologna.

FRANE IN LIGURIA. La situazione resta critica anche in Liguria, soprattutto in provincia di Imperia dove si sono verificate varie frane, in particolare nei comuni di Sanremo, Montalto Ligure, Carpasio, Castelvittorio, Pigna e Montegrazie. È stata indagata una persona per il deragliamento del treno Intercity ad Andora (Savona), si tratta del progettista del terrazzo crollato insieme alla frana, che ha causato l’incidente anche al convoglio ferroviario. I periti nominati dal Protezione civile hanno dichiarato che «Si è costruito troppo, La fascia di detriti ha collassato perché il carico (delle case sovrastanti, ndr.) era eccessivo». Intanto stamattina sono partite le operazioni di messa in sicurezza del treno. La circolazione ferroviaria da Savona a Ventimiglia è sostituita con pullmann di collegamento. In provincia di Genova, una seconda persona dispersa è stata ritrovata, ancora in vita ma in gravi condizioni: ora è ricoverato in ospedale, con prognosi riservata.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •