Google+

Lo studio che scandalizza la Francia: «Estremismo e islam sono collegati»

giugno 5, 2018 Leone Grotti

Gli autori de “La tentazione radicale” sono stati accusati di islamofobia, ma un quarto degli studenti musulmani non condanna le stragi terroristiche e il 20% approva la difesa della religione «con le armi».

«I risultati della nostra indagine sulla radicalizzazione religiosa degli studenti francesi di scuole superiori sono in contrasto con la maggior parte dei lavori condotti in Francia in precedenza sui giovani di origine immigrata o i giovani musulmani. Non sono le discriminazioni che hanno subito (anche se sono reali) o le condizioni sociali a portare al radicalismo religioso ma […] una certa concezione fondamentalista dell’islam». Bastano queste poche dichiarazioni di Olivier Galland per capire perché il suo studio ha fatto tanto scalpore in Francia, attirandosi miriadi di accuse di razzismo e islamofobia.

LA TENTAZIONE RADICALE. Dopo gli attentati del gennaio e del novembre 2015 alla redazione parigina di Charlie Hebdo, all’Hyper Cacher e al Bataclan, il Centro nazionale di ricerca scientifica (Cnrs), la più grande organizzazione di ricerca pubblica in Francia, ha deciso di realizzare uno studio sull’entità della radicalizzazione tra i giovani e i motivi che spingono tanti ad abbracciare la violenza. Dopo oltre tre anni, lo studio è uscito ad aprile con il titolo La tentazione radicale. Gli autori sono due: Galland, attuale direttore del Cnrs, e Anne Muxel, i quali hanno guidato un’equipe di ricercatori che ha intervistato oltre 7.000 giovani tra i 14 e i 16 anni, soprattutto musulmani.

«SE LA SONO CERCATA». I risultati dell’inchiesta sono stati definiti «scioccanti» dai giornali francesi. Il 32 per cento dei musulmani è «assolutista» riguardo alla religione, rispetto al sei per cento dei cristiani. Il 20 per cento dei musulmani dichiara «accettabile in alcuni casi nella società di oggi combattere con le armi in pugno per la propria religione». Un quarto degli studenti interpellati non condanna gli attacchi contro Charlie Hebdo e il Bataclan, mentre l’80 per cento ritiene che non si può fare satira sulle religioni. Per quanto riguarda gli studenti delle scuole superiori tolleranti nei confronti della violenza e radicali nella propria visione religiosa, tra di loro il 70 per cento non condanna gli attacchi a Charlie Hebdo e all’Hyper Cacher. Estratti del sondaggio pubblicato dal Monde riportano testimonianze di chi crede che i giornalisti di Charlie «se la sono cercata».

PROCESSO ALLE INTENZIONI. C’è dunque, secondo lo studio, un «effetto islam preponderante » nell’adesione dei giovani alla radicalizzazione religiosa: «L’effetto dell’appartenenza all’islam sull’adesione a idee assolutiste in materia religiosa, come la giustificazione della guerra religiosa, è nettissima». Tutti hanno accusato Galland e Muxel di aver impostato lo studio per stigmatizzare i musulmani, ma il direttore del Cnrs ha risposto parlando al Figaro: «Queste accuse sono un processo alle intenzioni. Non si può negare che in Francia e nel mondo l’estremismo religioso si è sviluppato nel nome dell’islam. Questo non significa che tutti o una parte significativa dei musulmani aderiscano a questa visione, ma negare il legame sarebbe assurdo».

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

SCS, ovvero come ti rivoluziono il concetto di frizione. Anche MV Agusta debutta nel segmento delle trasmissioni “evolute” e lo fa con un sistema leggero e versatile. Sarà questo il futuro del cambio?

L'articolo Prova Mv Agusta Turismo Veloce Lusso SCS <br> addio frizione proviene da RED Live.

Il Biscione di Arese trova da sempre il suo habitat naturale tra i boschi del Nürburgring. È dal 1932 che le Alfa Romeo hanno un feeling particolare con i 20,832 chilometri di saliscendi dell’Inferno Verde tedesco, da quando cioè le Gran Premio Tipo B di Caracciola, Nuvolari e Borzacchini monopolizzarono un podio divenuto nel tempo […]

L'articolo Alfa Romeo Giulia e Stelvio Quadrifoglio NRING proviene da RED Live.

I circa 21 km della Nordschleife percorsi dalla super SUV ceca in poco più di 9 minuti. Con una veterana dell'Inferno Verde al volante: Sabine Schmitz

L'articolo Skoda Kodiaq RS, la SUV a 7 posti più veloce del Nürburgring proviene da RED Live.

ECCO I MIGLIORI CASCHI DA BAMBINO La legge parla chiaro: fino al raggiungimento dei 5 anni di età, i bambini non possono essere trasportati su un mezzo a due ruote. C’è di più: oltre all’età, la piccola creatura deve avere le caratteristiche fisiche necessarie (deve arrivare con i piedi alle pedane) e soprattutto indossare attrezzatura […]

L'articolo I migliori caschi da bambino proviene da RED Live.

C’è un dato curioso che riguarda la popolazione italiana a due e quattro zampe. Sembra che negli ultimi cinque anni, il numero di bipedi che si accompagna a un quadrupede sia cresciuta del 15%… Se da un punto di vista socio-psicologico, questo dato fotografa una voglia di affetto (spesso anche la scelta di darne e […]

L'articolo Prova Nissan X-Trail Trainer: “Hulk approved” proviene da RED Live.