Google+

Il caso Ilaria Capua? Non prendetevela con noi giornalisti

aprile 12, 2017 Peter Gomez

Peter Gomez (ilfattoquotidiano.it) contra Tempi: attaccano Abbate per aver svelato un’indagine di interesse pubblico, nessuno critica la scandalosa inerzia del magistrato

peter-gomez-ansa

Articolo tratto dal numero di Tempi in edicola (vai alla pagina degli abbonamenti)

Il compito di noi giornalisti non è quello di cambiare il mondo. Chi ha questa pretesa può tentare di fare il politico, l’attivista, l’imprenditore, l’intellettuale, il sindacalista o lo scienziato. Il nostro dovere è invece quello di occuparci del mondo per raccontarlo. Certo, il nostro lavoro ha sempre delle conseguenze. Ha un’influenza diretta sulla realtà. Un grande liberale come Luigi Einaudi ci ha insegnato che alla base di ogni democrazia c’è un principio semplice: conoscere per deliberare. Più un cittadino è informato e più sarà in grado di fare scelte consapevoli.

È poi altrettanto vero che il giornalismo produce degli effetti sulla società e sui comportamenti. Per esempio su quelli di chi amministra la cosa pubblica. Alcuni storici dell’economia ricordano che gli Stati Uniti durante l’Ottocento erano un paese con una classe dirigente estremamente corrotta. Allora i giornali dipendevano in genere dalla politica: da un sindaco, da un governatore, da un senatore. Dopo qualche tempo, grazie alla rivoluzione tecnologica che introdusse rotative in grado di stampare in una notte centinaia di migliaia di copie, pubblicare quotidiani e riviste divenne però un affare. Uno dei sistemi migliori per avere successo in edicola e far diventare ricchi gli editori era quello di raccontare come veniva speso il denaro dei contribuenti. Tra molte testate si scatenarono così guerre a colpi di scoop. Venivano svelati scandali, storie di mazzette e ogni altro tipo di nefandezza. A poco a poco i politici americani cominciarono a migliorare comportamenti e scelte. Non perché folgorati sulla via di Damasco, ma perché timorosi di finire in prima pagina.

La storia di noi giornalisti non è fatta però in maggioranza di duri e puri. In Italia in particolare, stampa e potere sono da sempre quasi un tutt’uno. Sia perché gli editori, almeno fino a qualche anno fa, non avevano come interesse principale quelli di far soldi coi giornali (di solito erano costruttori, proprietari di cliniche o finanzieri interessati ai media solo per meglio concludere affari di altro tipo), sia perché i giornalisti italiani sono appunto italiani. Gianluigi Nuzzi, il collega che conduce Quarto Grado sulle reti Mediaset, racconta un episodio significativo. Durante Mani pulite Nuzzi scopre l’elenco dei fortunati inquilini che affittavano a equo canone dei lussuosi appartamenti nel centro di Milano di proprietà dell’Ipab, un ente pubblico. A decidere chi poteva abitare per poche lire in quelle case era allora un politico corrotto. L’elenco degli affittuari era dunque una grande notizia. Nuzzi cominciò a telefonare a varie redazioni per proporre lo scoop. Nessuno però appariva interessato. Finché un capocronista gli disse: «Gigi, ma tu l’hai letta bene la lista?». «No, lo ho appena presa». «Beh, leggila: c’è il mio nome e quello del mio vice, clic».

Anche per questo l’autorevolezza dei giornalisti è bassa. E l’accusa che viene più di sovente mossa dal pubblico, pure a chi prova, non senza errori, a fare seriamente il suo suo lavoro è quella di essere al servizio di qualcuno. È capitato anche a me. Quando lavoravo al Giornale di Montanelli e scrivevo dei socialisti (erano al governo a Milano) per molti ero fascista. Poi con l’avvento di Berlusconi divenni comunista. Con D’Alema a Palazzo Chigi tornai fascista, poi dipietrista e giustizialista. Recentemente sono stato catalogato come grillino, quindi come renziano (da alcuni 5 stelle) e, dopo le inchieste su Renzi, di nuovo come pentastellato. In buona o cattiva fede in molti finiscono per confondere lo specchio (cioè il giornalista) e la realtà che viene riflessa. E quando la realtà non piace, se la prendono con lui.

Lavorare meglio
Accade spesso. Nel caso di Ilaria Capua, restata incredibilmente sotto inchiesta per sette anni, prima di essere prosciolta, gli strali sono stati indirizzati a uno dei migliori cronisti in circolazione, Lirio Abbate, colpevole di aver svelato il contenuto di un’indagine di evidente interesse pubblico di cui nessuno conosceva l’esistenza. Ben pochi hanno attaccato la scandalosa inerzia del magistrato o hanno fatto tesoro di una serie di vicende non esattamente edificanti, ma non penalmente rilevanti, che emergevano dalla sua storia. A tutto questo però si risponde in una maniera sola: lavorando meglio. Dobbiamo dimostrare di essere imparziali, di avere coscienza delle nostre grandi responsabilità e di saper correggerci quando sbagliamo. E poi bisogna raccontare sempre. Senza chiederci se la storia di cui ci occupiamo finirà per farci fare poca carriera perché riguarda un potente. Perché la cattiva fama dei giornalisti, in fondo, dipende più da quello che in tanti tra noi non scrivono, piuttosto che dagli errori a volte commessi da chi si ostina a farlo.

Peter Gomez è direttore de ilfattoquotidiano.it

Foto Flickr

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Il Paradiso andata e ritorno - Di Giovanni Fighera

Tempi Motori – a cura di Red Live

400 cv, 855 kg e 2G di accelerazione laterale. La prima Dallara omologata per circolare su strada vanta prestazioni da capogiro. Disponibile in configurazione barchetta, targa o coupé scatta da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi. E noi ci abbiamo fatto un giro

L'articolo Dallara Stradale, siamo saliti sulla barchetta dei record proviene da RED Live.

Nata anche da un'imbeccata di Stefano Accorsi, questa 308 al Nandrolone trasferisce su strada il meglio della versione Cup

L'articolo Peugeot 308 by Arduini Corse, one off su base GTi proviene da RED Live.

In 100.000 hanno raggiunto Praga da tutto il mondo per celebrare i 115 anni di un marchio più arzillo che mai. Una buona occasione per parlare del futuro di Harley-Davidson (che sarà anche elettrico) ma non solo

L'articolo Harley-Davidson, 115 di questi anni proviene da RED Live.

Arriva una serie speciale frutto della collaborazione con la rivista femminile Elle. Materiali e colori inediti si accompagnano a un rinforzo di tecnologia a bordo. Prezzi a partire da 13.250 euro

L'articolo Citroën C1 Elle Special Edition proviene da RED Live.

4 metri e sessantuno, tanto spazio interno, trazione integrale e un comfort degno di un’auto executive. Con queste premesse il Traveller 4x4 Dangel si presta a essere una valida alle auto? Lo abbiamo guidato una settimana per capirlo

L'articolo Prova Peugeot Traveller 4×4 Dangel proviene da RED Live.