Google+

I cristiani non sono gli unici ad essere perseguitati in Pakistan. «Ogni anno cinquemila indù scappano dal paese»

maggio 15, 2014 Leone Grotti

Ramesh Kumar Wankwani, leader del Pakistan Hindu Council, accusa il governo in Parlamento di non fare niente per proteggere le minoranze dagli estremisti islamici

I cristiani non sono l’unica minoranza ad essere costantemente perseguitata in Pakistan. A causa delle continue ingiustizie subite, cinquemila (5.000) pakistani di religione indù scappano dal paese ogni anno per rifugiarsi in India e altri paesi confinanti.

TEMPLI DATI ALLE FIAMME. «Negli ultimi due mesi solo nella provincia di Sindh sono avvenuti sei casi di dissacrazione religiosa. In ciascuno i libri sacri degli indù e i loro templi sono stati dati alle fiamme» dalla maggioranza musulmana della popolazione, ha dichiarato in Parlamento Ramesh Kumar Wankwani, leader del Pakistan Hindu Council e membro del partito al governo Pakistan Muslim League.

«IL GOVERNO NON FA NIENTE». Il parlamentare ha accusato il governo di non fare «niente» per le minoranze e per prevenire gli attentati degli estremisti. «Nessuna minoranza si sente sicura in Pakistan», ha aggiunto. «I diritti degli indù non sono mai stati una priorità per questa assemblea. Non siamo forse anche noi parte di questo paese?».
Wankwani ha anche parlato delle 300 ragazze indù che ogni anno, insieme a 700 cristiane, vengono rapite, convertite a forza all’islam e costrette a sposare un musulmano senza che polizia e governo intervengano in modo adeguato.

LAICITÀ IN PAKISTAN. Il parlamentare indù ha infine ricordato come lo spirito del musulmano Mohamed Ali Jinnah, il padre fondatore del Pakistan, sia stato tradito e dimenticato. Parlava così Jinnah nel 1947 davanti al paese: «Siete liberi di andare nei vostri templi, liberi di andare nelle vostre moschee o in ogni altro luogo di culto nello Stato del Pakistan. Potete appartenere ad ogni religione o casta o credo – ciò non ha che fare in nessun modo con gli affari di Stato».

LEGGE SULLA BLASFEMIA. Che questa dichiarazione di laicità sia solo un lontano ricordo lo prova anche l’utilizzo che nel paese gli estremisti islamici fanno della legge sulla blasfemia, uno dei mezzi principali con cui vengono perseguitati i cristiani.
Sessantotto avvocati sono stati accusati ieri di blasfemia durante una protesta inscenata contro la polizia, che aveva arrestato un loro collega nella città di Jhang (Punjab) la settimana scorsa.

AVVOCATI ACCUSATI. Secondo il passante che ha sporto denuncia alla polizia, i 68 avvocati avrebbero motteggiato un poliziotto di nome Omar, come il secondo Califfo, e sarebbero pertanto punibili fino a tre anni di carcere in quanto blasfemi. Nessuno è stato arrestato e la polizia sta cercando di mediare perché la denuncia non abbia seguito.
Ma quando ad essere colpiti da accuse altrettanto pretestuose sono i cristiani – come Sawan MasihShafqat e Shugufta Emmanuel – la polizia non è così risoluta nel tentativo di trovare una mediazione e la verità. Infatti il processo di appello di Asia Bibi, in prigione dal giugno 2009 per false accuse, è stato già rimandato quattro volte perché non c’è nessun giudice che voglia prendersi la responsabilità di assolverla, temendo ritorsioni da parte degli estremisti islamici.

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

2 Commenti

  1. Raider says:

    Forse non tutti i multiculturalisti sanno che, se un musulmano vuole denunciarti come blasfemo, basta che ti chiede di dire che Mamometo era profeta. Se ci si rifiuta di qualificare in tal modo un leader religioso di una fede che non è la nostra e peggio ancora, se si è atei, l’islamico può denunciare per blasfemia il non islamico: e anzi, a norma di Corano e hadith, il fedele musulmano è obbligato a lavare col sangue chi bestemia il profeta semplicemente perché non ha alcun motivo di crederlo tale. Questo, tanto per sapere a cosa andiamo incontro con l”accoglienza fraterna’ predicata, ahimè, dalla Chiesa e praticata dalla Caritas, fra gli altri, a suon di milioni: un business, quello del volontariato profumatamente pagato, che fa giustizia della retorica a titolo gratuito.

    • Raider says:

      Scusate l’errore di battittura: si legga ‘chieda’, non chiede’; ‘bestemmia’, non ‘bestemia’.

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download
Banco alimentare

Tempi Motori – a cura di Red Live

Comfort, connettività, sicurezza e design al servizio delle aziende

L'articolo Renault presenta la gamma Business proviene da RED Live.

Pronta al debutto al prossimo Salone di Parigi, la wagon del Leone getta il guanto di sfida alle rivali premium. Con un sacco di argomenti, a cominciare dal design

L'articolo Nuova Peugeot 508 SW, cambio di rotta proviene da RED Live.

Sostituisce la Serie 6 e diventa la M più potente mai prodotta. Trazione integrale, quattro ruote sterzanti, eleganza e opulenza. Per andare veloci in qualunque condizione

L'articolo BMW Serie 8 Coupé, a volte ritornano proviene da RED Live.

In programma dal 20 al 22 luglio al Misano World Circuit, il WDW (World Ducati Week) di quest’anno si preannuncia rovente: i piloti Ducati si sfideranno in sella alla Panigale V4 S.

L'articolo The Race of Champions: la sfida tra campioni al WDW 2018 proviene da RED Live.

Sapete che il 60% delle V7 III, al momento dell’acquisto, sono richieste con almeno un accessorio montato (con prenza per quelli di ispirazione Scrambler o Dark)? Di più: per la sola V7 esistono a catalogo 200 parti speciali – fra queste ci sono ben 8 selle – mentre, se consideriamo tutti i modelli Moto Guzzi, […]

L'articolo Prova Moto Guzzi V7 III Rough, Milano e Carbon proviene da RED Live.