Formigoni, Lupi e Vignali eletti; Farina e Toccafondi rimangono fuori. Solo Mario Mauro tra i montiani

Passano Maurizio Lupi (Lombardia 1), Raffaello Vignali (Lombardia 2) e Paolo Alli (Lombardia 3). Renato Farina, Gabriele Toccafondi e Paolo Foschini non ce l’hanno fatta. Mario Mauro passa al Senato con Monti

Maurizio Lupi, Raffaello Vignali e Paolo Alli, tra i candidati pidiellini lombardi eletti alla Camera che sono quattordici in tutto. Restano fuori dall’aula di Montecitorio Renato Farina e Lorenzo Malagola. L’ex governatore della regione Roberto Formigoni, invece, sicuro al Senato dove si presentava secondo in lista dietro a Silvio Berlusconi.

Durante le elezioni 2013, alla Camera, i tre collegi lombardi eleggono rispettivamente cinque (Lombardia 1), sette (Lombardia 2) e due candidati (Lombardia 3). Questi, pertanto, i candidati eletti: Lupi, Casero, Centemero, Bernardi e Squeri in Lombardia 1; Gelmini, Fontana, Palmieri, Ravetto, Vignali, Angelucci e Romele sicuri del seggio in Lombardia 2; Santanchè e Alli in Lombardia 3. Il giornalista Farina, decimo in Lombardia 2 è fuori. Cosimo Latronico passa alla Camera in Basilicata.

ESCLUSI. Fuori dalla Camera anche Lorenzo Malagola, undicesimo candidato in Lombardia 1, collegio dove il Pdl riesce ad eleggere solo cinque candidati; tra i motivi il fatto che il risultato del Pdl qui è stato inferiore alla media nazionale (20,66 per cento), Monti ha superato il quorum e l’exploit di Grillo.
In Toscana resta fuori dall’aula di Montecitorio Gabriele Toccafondi, quinto in lista per il Pdl; tra i motivi anche qui il successo elettorale di Grillo che prende tanto, nonostante la buona tenuta del Pdl (17,5 per cento), Monti che supera la soglia di sbarramento e il buon risultato di Fratelli d’Italia che rientrano alla Camera come migliori perdenti.
In Emilia-Romagna non ce l’ha fatta Paolo Foschini, candidato alla Camera. E nemmeno Isidoro Gottardo, candidato in Friuli Venezia Giulia, entrerà alla Camera.

MONTIANI. Nelle fila di Lista Civica con Monti, in Lombardia al Senato risulta eletto Mario Mauro. Fuori Domenico Menorello in Veneto, Matteo Campodonico in Liguria Giorgio La Spisa in Sardegna.