Provetta e utero in affitto per tutti. Lobby LGBT: «Hollande, l’hai promesso»

La 18ma marcia dell’orgoglio gay sfilerà a Lione con questo motto: “Procreazione medicalmente assistita per tutte, lottiamo contro il sessismo e la lesbofobia”

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

La Manif pour tous francese ha sempre sostenuto che il matrimonio e l’adozione gay sarebbero stati solo il primo passo. E che per garantire la reale uguaglianza tra matrimonio omosessuale ed eterosessuale si sarebbe arrivati all’approvazione della procreazione assistita per tutti e dell’utero in affitto.

PMA PER TUTTE. A neanche un mese dalla promulgazione delle legge Taubira, fortemente voluta dal governo socialista di Francois Hollande, si comincia a parlarne. Domenica prossima 15 giugno la 18ma marcia dell’orgoglio gay, lesbo bi e transessuale sfilerà a Lione con questo motto: “PMA (procreazione medicalmente assistita) per tutte, lottiamo contro il sessismo e la lesbofobia”.

FECONDAZIONE IN FRANCIA. Oggi, salvo casi eccezionali, in Francia è legale solo la fecondazione assistita omologa, quando cioè il seme e l’ovulo utilizzati appartengono alla coppia di genitori del nascituro, e possono ricorrervi solo le coppie eterosessuali sposate o unite civilmente da almeno due anni. Inizialmente la legge Taubira prevedeva anche la legalizzazione della fecondazione assistita eterologa, estesa anche alle coppie omosessuali sposate, per ovviare al problema dell’impossibilità da parte di queste di procreare. Poi questo punto è stato eliminato, perché inviso alla popolazione francese, e rimandato a una più generale e successiva riforma in campo sanitario.

«HOLLANDE RISPETTI IL PROGRAMMA». «Noi ci teniamo a richiamare il presidente della Repubblica a tutti i suoi impegni presi in campagna elettorale», scrivono gli organizzatori del gay pride di Lione. «L’apertura dell’inseminazione artificiale alle coppie di donne figurava ugualmente nei programmi di tutte le formazioni politiche che compongono la maggioranza attuale, sulla base dei quali i deputati sono stati eletti il 10 e il 17 giugno 2012». Come previsto dalla Manif pour tous, e negato dal ministro della Giustizia Christiane Taubira, la lotta per la fecondazione assistita per tutti comincia ufficialmente.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •