Da iscritto alla Cgil dico: brava Camusso sulla Tav

Sono favorevolmente impressionato da questa presa di posizione della Camusso, da socialista ero stanco di vedere una Cgil sempre su posizioni conservatrici, sempre e comunque per lo status quo, mai riformatrice.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 

Susanna Camusso ha detto di essere favorevole alla Tav, «il paese ha un disperato bisogno d’investimenti». Lungimiranza e coraggio sono dalla parte del segretario del più grande sindacato italiano. Sono favorevolmente impressionato da questa presa di posizione della Camusso, da socialista ero, come dire, stanco di vedere una Cgil sempre su posizioni conservatrici, sempre e comunque per lo status quo, mai riformatrice.

Il più grande sindacato italiano (al quale sono iscritto) se vuol stare vicino ai lavoratori in quella che sarà la ripresa italiana, deve mollare vecchi stereotipi e preoccuparsi un po’ meno dei super garantiti e di più dell’esercito dei precari. A mio parere la parola d’ordine dovrebbe essere: “Un eventuale passo indietro per i super garantiti e due passi avanti per tutti i lavoratori precari”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •