«Così i signori del crowdfunding mi hanno chiesto di censurare il mio film su Gosnell, il serial killer degli aborti»

Il giornalista irlandese Phelm McAleer vuole girare un documentario sul ginecologo “macellaio” di Philadelphia, ma il primo tentativo di raccogliere fondi in modo “collettivo e democratico” è finito male

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

gosnell-moviePhelim McAleer, giornalista irlandese, autore di documentari in cui sfida apertamente il mainstream progressista (i più famosi sono Not Evil Just Wrong, controinchiesta sulle “scomode verità” di Al Gore sul global warming, e FrackNation, indagine anti-allarmista sulla fratturazione idraulica delle rocce di scisto), ha deciso di girare un film sul caso giudiziario che ha costretto traumaticamente l’America a riaprire la disputa sull’aborto legale. Il film si intitolerà Gosnell – The True story about America’s biggest serial killer, e racconterà appunto la storia di Kermit Gosnell, il ginecologo di Philadelphia soprannominato “macellaio” dalla stampa e condannato come pluriomicida dopo che sono venute alle luce le efferate pratiche abortive applicate nella sua clinica.
McAleer ha scelto lo strumento del crowdfunding per raccogliere i soldi necessari alla realizzazione della pellicola, ma due giorni fa ha denunciato attraverso il news network conservatore Breitbart quello che lui definisce esplicitamente come un tentativo di censura. Proponiamo di seguito in una nostra traduzione uno stralcio del suo articolo. 

(…) Siamo riusciti finanziare con il crowdfunding il nostro ultimo film, FrackNation. The truth about fracking, attraverso Kickstarter. Perciò abbiamo pensato che quello sarebbe stato il luogo ideale per il nostro nuovo film sul medico abortista di Philadelphia Kermit Gosnell. Questi attualmente sta scontando diversi ergastoli per avere assassinato dei bambini nella sua clinica. Stando al rapporto del gran giurì, ha ammazzato centinaia di bambini inducendo il parto alle loro madri quando erano al settimo o ottavo mese di gravidanza e poi incidendo il collo di questi neonati vivi e vitali per ucciderli. Lo ha fatto per quarant’anni e probabilmente ne ha uccisi migliaia nella sua carriera. È il serial killer più prolifico d’America.

phelim-mcaleerCosì abbiamo presentato il nostro progetto per la realizzazione di GosnellMovie.com come al solito, ma Kickstarter continuava a rimandare e rimandare, finché non ha provato a censurarci. Ci hanno detto che avremmo potuto mettere il progetto sul sito a patto di non turbare la sensibilità della loro community.

«Il copione sembra andare bene, ma espressioni come “migliaia di bambini accoltellati a morte” e “migliaia di bambini assassinati” devono essere rimosse per soddisfare lo spirito delle nostre Community Guidelines», ci hanno detto.

La cosa potrebbe anche starmi bene, se non fosse per il fatto che l’amministratore delegato di Kickstarter, Yancey Strickler, in una intervista con Charlie Rose della PBS ha detto:

«Noi vediamo Kickstarter come un patrimonio pubblico, è un luogo che offre a chiunque la possibilità di realizzare il proprio sogno e il nostro compito è di servirlo e onorarlo… un’istituzione culturale che vive, che respira, ed esiste per rappresentare gli interessi di ognuno».

Bè a quanto pare non stava dicendo la verità a Rose!

Così abbiamo pubblicato GosnellMovie.com sul sito alternativo Indiegogo. Loro non ci censurano… per adesso.

In pochi giorni abbiamo raccolto 200.000 dollari. Il film su Gosnell sarà realizzato.

Crowdfund it and they will come.

Phelim McAleer

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •