Google+

Cina. Dalla morte del marito Liu Xiaobo, Liu Xia è sparita

agosto 3, 2017 Leone Grotti

Secondo l’amico Hu Jia il partito comunista potrebbe averla sequestrata e portata “in vacanza” per impedirle di parlare. «Sono terrorizzati da quello che potrebbe dire»

In this photo provided by the Shenyang Municipal Information Office, Liu Xia, center, wife of jailed Nobel Peace Prize winner and Chinese dissident Liu Xiaobo, holds a portrait of him during his funeral at a funeral parlor in Shenyang in northeastern China's Liaoning Province, Saturday, July 15, 2017. China says the body of Liu Xiaobo, who died this week after a battle with liver cancer, has been cremated. The government of the city of Shenyang in northeastern China, where Liu was treated, said in a briefing that the cremation took place Saturday morning in a ceremony attended by family and friends. (Shenyang Municipal Information Office via AP)

Dov’è finita Liu Xia? Se lo chiedono tutti, in Cina e all’estero, ma nessuno conosce la risposta. La moglie del premio Nobel per la pace, Liu Xiaobo, morto di cancro il 13 luglio mentre si trovava ancora in detenzione, è scomparsa dal giorno del suo funerale (le sue ceneri sono state disperse in mare in fretta e furia per volere del partito comunista). Da allora, nessuno l’ha più vista.

“IN VACANZA”. Secondo l’amico Hu Jia, «non abbiamo la minima idea delle pressioni alle quali potrebbe essere sottoposta dalle autorità». Alcuni dicono che sia stata portata “in vacanza” dagli uomini del regime nella provincia sudorientale dello Yunnan, ma «per ora nessuno l’ha vista, quindi la notizia non può essere confermata». Di sicuro, continua Hu, «il partito comunista vuole impedire che abbia qualsiasi contatto con la gente, vogliono anche impedire che si suicidi o che entri in sciopero della fame».

ARRESTI DOMICILIARI. Nonostante non sia accusata di nulla, la donna che nel 1996 ha sposato l’intellettuale autore di Carta 08 si trova agli arresti domiciliari dal 2010, da quando è stato assegnato il premio Nobel al marito. Quando il carcere dove Liu Xiaobo era rinchiuso dal 2009 gli ha diagnosticato con colpevole ritardo un cancro al fegato allo stadio terminale, trasferendolo per gli ultimi giorni di vita all’ospedale di Shenyang, alla donna è stato concesso di visitare il marito sotto stretta sorveglianza della polizia e sempre senza poter rilasciare dichiarazioni.

I TIMORI DEL PARTITO. Liu Xia vorrebbe andarsene il prima possibile dalla Cina, rivela mantenendo l’anonimato un amico dell’artista a Radio Free Asia. «Lasciando morire Liu Xiaobo senza cure, il partito l’ha trasformato in un martire, così ora le autorità sono terrorizzate dalla vedova e non sanno che cosa fare con lei. Non vogliono lasciarla andare, perché temono le cose che potrebbe dire al mondo».

«SERVE PIÙ CORAGGIO». Un mondo che, proprio come ha ignorato la sorte del premio Nobel per non compromettere gli ottimi rapporti economici con la Cina (vedi Angela Merkel), ora sta ignorando Liu Xia. «Le autorità comuniste non avevano forse detto che Liu Xia era libera?», ricorda da Taiwan Lee Ching-yu, moglie dell’attivista arrestato Lee Ming-cheh. «La vita di Liu Xiaobo è stata un raggio di luce che ha illuminato la nostra codardia, richiamandoci ad essere più coraggiosi davanti a questo sistema autoritario». Lo stesso concetto espresso dopo la morte del premio Nobel a Tempi dal cardinale Joseph Zen Ze-kiun: «Liu era un profeta, Ci ha insegnato che bisogna dire la verità davanti al male. La sua morte grava come una grande vergogna sulle spalle dell’Occidente, che ha permesso la sua uccisione senza protestare per non mettere a rischio gli affari».

Foto Ansa/Ap

Ricevi le nostre notizie via email:

Leggi gli articoli sull'app:

Iscriviti gratuitamente alla nostra newsletter per ricevere tutte le nostre notizie!

La rassegna stampa di Tempi
MailUp - Osservatorio statistico 2017 - banner download

Tempi Motori – a cura di Red Live

La 2ª edizione del circuito organizzato da Bosch eBike Systems, con il supporto di Trek, coinvolgerà 5 Paesi europei. I percorsi sono adatti sia agli amatori sia ai professionisti. Il via dal Bike Festival di Riva del Garda a fine aprile

L'articolo Bosch eMTB-Challenge – Da aprile a settembre – Info e iscrizioni proviene da RED Live.

Marchio di fabbrica tanto quanto l’acciaio e i baffi di Tom, la grafica con i tre colori sfumati della bandiera americana ha segnato un’epoca, soprattutto nel mondo delle ruote grasse.  Era da tempo che i fan di Ritchey chiedevano di metterla di nuovo a catalogo e alla fine hanno raggiunto lo scopo, anche se in realtà […]

L'articolo Ritchey Road Logic Heritage, acciaio per pochi proviene da RED Live.

Spatola e pennello hanno sostituito casco e scarpini, ma non del tutto, perché ogni tanto Miguel Soro torna in sella, anche se con uno spirito ben diverso da quello con cui pedalava in gruppo. Lo stesso spirito che ispira le sue opere, una tecnica mista di pittura e collage che, nel caso di Bianchi, sfrutta […]

L'articolo L’arte a due ruote di Miguel Soro proviene da RED Live.

L’azienda di Mattighofen aggiunge la preziosa lettera "R" alla sua piccola sportiva, la RC 390, che diventa KTM RC 390 R. Ben più concentrata della standard nella guida sportiva, non costa poco ed è anche la base per…

L'articolo KTM RC 390 R, la piccola peste proviene da RED Live.

La multispazio PSA è disponibile per la prima volta in due diverse lunghezze, a 5 e 7 posti. Forte di una praticità che si annuncia a prova di famiglia (extralarge). E una tecnologia da berlina. Ecco tutte le informazioni ufficiali

L'articolo Citroën Berlingo, la terza generazione a Ginevra proviene da RED Live.

Pasqua in Armenia - iStoria Viaggi